Cara Chrissy, hai molte cose da insegnare (anche) ai ragazzini

Insieme al marito John Legend, la modella ha annunciato la seconda gravidanza: sarà un maschio, e questo è un bene

Più Popolare

Cara Chrissy Teigen, servono anche i figli maschi.

Quando hai annunciato con la primogenita Luna la tua nuova gravidanza - "È di John!", hai scritto per ricordarci che quando le sventole sono spiritose persino internet è un posto migliore - i pettegoli meticolosi si sono ricordati di quello che avevi detto a gennaio: «Il nostro prossimo bambino sarà un maschio perché è maschio l'unico embrione che è rimasto». Oltre alla naturalezza con cui parli di fecondazione in vitro - come fosse un fatto della vita, non una stregoneria di cui vergognarsi - hai un sacco di cose da insegnare al ragazzino.

Advertisement - Continue Reading Below

it's john's!

A post shared by chrissy teigen (@chrissyteigen) on

Più Popolare

Avessi avuto un figlio maschio io, per esempio, avrei potuto rimediare alla mia incapacità di rispondere alla domanda che prima o poi ti fa ogni figlia femmina. E cioè: "Perché quando giochiamo a pallone i maschi non la passano mai?". Perché non sei capace, bambina mia, è la prima risposta che mi è venuta in mente. Ma mentre lo dicevo sentivo le voci - secoli di femministe, milioni di hashtag - che mi condannavano: tarpatrice di ali! Assassina di bambine ribelli! Davvero vuoi farla crescere depredata dell'ambizione di diventare Lionel Messi?

Someone’s ready for her first football lesson ❤️ ⚽️

A post shared by David Beckham (@davidbeckham) on

Di mio: sì, ho pensato. Ma non è questo il millennio per fare le schizzinose. Quindi mi sono precipitata ad aggiungere che alla sua età è questione di allenamento, e se proprio ci tiene allora deve giocare di più, imparare, migliorarsi, e fargliela vedere lei a quei prepotenti. "Ma in cortile ci stanno sempre loro, io dove gioco?", mi ha risposto. Ho finto di avere una cosa sul fuoco, sono scappata in cucina, e l'ho lasciata lì a depredarsi da sola. Avessi avuto un figlio maschio, lo avrei obbligato: fai giocare a pallone tua sorella. Subito! Ne va del futuro dell'umanità.

Anne Wojcicki con Alex Rodriguez

Per fortuna, poi crescono. E nel migliore dei casi somigliano meno a Lionel Messi e più ad Anne Wojcicki, l'ex moglie del co-fondatore di Google, inventrice dei kit portatili per l'analisi del DNA - quelli che sputi e sai di cosa morirai - che per un breve periodo si era invaghita di Alex Rodriguez, il campione di baseball (uno che figuriamoci se da piccolo faceva giocare le bambine). Non funzionò, naturalmente. E la mamma lo aveva previsto.

"Lui non ha nessuna preparazione accademica", ha detto la sora Wojcicki, che ha solo figlie femmine e studiose, al New York Times, "Non si riusciva mai a fare una conversazione intellettuale. Il suo principale interesse nella vita è una cosa che nessuno di noi ha mai considerato: il baseball". Sottinteso: che schifo. (Attualmente A-Rod è promesso alla più adeguata J. Lo). Come madre, Chrissy, ho certo ancora molto da imparare. Ma come suocera, sono già pronta a essere invincibile.

More from Gioia!:
Razzismo società multirazziale
Firme
CONDIVIDI
Che senso ha il razzismo in un'epoca che ha scelto la globalizzazione?
Colori, razze e altre categorie troppo rigide non sono più in grado di descrivere la nostra realtà complessa
Firme
CONDIVIDI
Gisele Bündchen forza della natura alias: come reagire benissimo alle sconfitte
Ciò nonostante, anche quando piangi sei uno schianto: è la regola Bündchen dell'infallibilità
Firme
CONDIVIDI
Fate uno sforzo e provate a mettervi nei panni (e a vivere i casini) di Woody Allen e Mia Farrow
Ma siamo sicuri che se fossero successe le stesse cose a noi, gente normale, avremmo reagito più compostamente?
Firme
CONDIVIDI
Domanda: ma il Festival di Sanremo di Claudio Baglioni non doveva andare malissimo?
Perché Baglioni è un classico, il jukebox delle nostre vite, uno che ci fa saltare sul divano con le prime quattro note di La vita è adesso
Firme
CONDIVIDI
Cosa insegneranno mai a Yale a chi frequenta il corso sulla felicità (per la cronaca: il più seguito nella storia dell'Ateneo)?
Laura Santos ha dato il via al corso più seguito nella storia di Yale: Psychology and the good life, in poche parole come essere felici
Dissenso comune attrici italiane
Firme
CONDIVIDI
Contro le molestie ci vogliono i fatti: l'appello delle attrici italiane
124 firme nella lettera-manifesto "Dissenso comune" per riscrivere il rapporto tra i sessi: è la sfida del secolo e non possiamo perderla
Firme
CONDIVIDI
In che modo Gabriele Muccino ci rovinerà anche questo San Valentino?
Il regista di A casa tutti bene, al cinema dal 14 febbraio, sa delle cose di noi e delle nostre relazioni, e passa i film a sputtanarci
Firme
CONDIVIDI
Ci vuole insolenza per essere una principessa inglese e decidere di sposarsi quest'anno: Eugenia siamo con te
Ci vuole coraggio per decidere di sposarsi quest'anno nella cappella del castello di Windsor, esattamente come Harry e Meghan
Firme
CONDIVIDI
Le regole della coppia aperta? Sono fatte per essere infrante (come tutte le regole dell'umanità)
Nel suo libro La promessa, Sarah Dunn parla di relazioni extraconiugali, felicità e condizionatori
Firme
CONDIVIDI
Cos'è l'amore e perché rimane un mistero bellissimo che la scienza non sa spiegare
Aumentano le app di incontri, ma ci s'innamora sempre meno: è che abbiamo confuso la chimica dell'attrazione con le affinità