Ecco perché è giusto piangere guardando Chrissy Metz nella serie tv This is us

La serie arrivata alla seconda stagione e in onda su FoxLife ogni lunedì alle 22 è costruita apposta per farci singhiozzare, e ogni tanto ha persino ragione

Più Popolare

Cara Chrissy Metz, la verità è che non piangiamo abbastanza.

Lo so, non te lo aspettavi. Sei famosa tanto da meritare la mia letterina perché dall'anno scorso sei la gemella grassa dei Pearson, i protagonisti di This is us. E This is us è una formidabile macchina da frigno - "Guadagni punti extra se piangi", ve lo dite da soli - costruita su misura per il nostro bisogno di consolazione. È un periodo così fitto di notizie disperanti che è un sollievo avere un posto fisso sul divano, tutte le settimane, per accucciarsi sotto una coperta a singhiozzare. Pure quando il gioco è spudorato e si vedono gli ingranaggi, una è troppo impegnata a tirare su col naso per riuscire a innervosirsi veramente.

Chrissy Metz in una scena di This is us 2, in onda su FoxLife ogni lunedì alle 21.
Advertisement - Continue Reading Below

In questo ininterrotto piagnisteo tu sei Kate: la cicciona, appunto. La quale ha passato un'intera prima stagione a cercare invano di dimagrire (e di rendersi tollerabile un fidanzato scemo) e adesso vuole diventare una cantante. Solo che siccome è geneticamente incapace di superare i crucci dell'infanzia – è un problema di tutta famiglia: la serie si fonda sull'impossibilità collettiva di elaborare un lutto ventennale – imputa ogni suo malumore all'involontaria precisione con cui sua madre era più magra, più bella, più intonata di lei.

Più Popolare

Quindi affronta la sua prima audizione da donna adulta. O quasi. Va, s'impaurisce, scappa, torna, e infine tutt'assertiva costringe la band a una sessione straordinaria. Comincia - "It's been seven hours and fifteen days", naturalmente: l'inno della perdita irrimediabile -– e viene interrotta dopo 20 secondi: arrivederci, grazie. Lei volta lo sguardo verso la cantante in carica apparente – una discreta sventola – e non ci sta: "Non mi liquiderete così, solo perché non somiglio a quella ragazza lì. Non vi permetterò di prendere una cantante più scarsa solo perché è una taglia 40". Sembra uscita da un manuale di autostima per incomprese. L'impresario non è turbato: sbuffa, raccoglie la pazienza, chiede alla sventola di cantare pure lei Nothing compares 2 U. E quella, in confronto, pare Adele. «Non mi importa che taglia porti», dice l'impresario a Kate annichilita, «è proprio che non sei abbastanza brava».

In the end, we’re just us. ❤️ @hollywoodreporter | 📷: @millermobley

A post shared by This Is Us (@nbcthisisus) on

Ecco: finalmente. Non è sempre colpa di qualcuno, di qualcosa, della cultura, della società. Non è sempre un'ingiustizia. Le grasse - le vecchie, le madri, le figlie, le donne, e tutte gli appartenenti a categorie a elevata concentrazione di vittimismi - sono persone normali. E pertanto normalmente attrezzate ad assumersi la responsabilità dei propri fallimenti. Senza frigni, ove possibile. Non è commovente?

More from Gioia!:
Razzismo società multirazziale
Firme
CONDIVIDI
Che senso ha il razzismo in un'epoca che ha scelto la globalizzazione?
Colori, razze e altre categorie troppo rigide non sono più in grado di descrivere la nostra realtà complessa
Firme
CONDIVIDI
Gisele Bündchen forza della natura alias: come reagire benissimo alle sconfitte
Ciò nonostante, anche quando piangi sei uno schianto: è la regola Bündchen dell'infallibilità
Firme
CONDIVIDI
Fate uno sforzo e provate a mettervi nei panni (e a vivere i casini) di Woody Allen e Mia Farrow
Ma siamo sicuri che se fossero successe le stesse cose a noi, gente normale, avremmo reagito più compostamente?
Firme
CONDIVIDI
Domanda: ma il Festival di Sanremo di Claudio Baglioni non doveva andare malissimo?
Perché Baglioni è un classico, il jukebox delle nostre vite, uno che ci fa saltare sul divano con le prime quattro note di La vita è adesso
Firme
CONDIVIDI
Cosa insegneranno mai a Yale a chi frequenta il corso sulla felicità (per la cronaca: il più seguito nella storia dell'Ateneo)?
Laura Santos ha dato il via al corso più seguito nella storia di Yale: Psychology and the good life, in poche parole come essere felici
Dissenso comune attrici italiane
Firme
CONDIVIDI
Contro le molestie ci vogliono i fatti: l'appello delle attrici italiane
124 firme nella lettera-manifesto "Dissenso comune" per riscrivere il rapporto tra i sessi: è la sfida del secolo e non possiamo perderla
Firme
CONDIVIDI
In che modo Gabriele Muccino ci rovinerà anche questo San Valentino?
Il regista di A casa tutti bene, al cinema dal 14 febbraio, sa delle cose di noi e delle nostre relazioni, e passa i film a sputtanarci
Firme
CONDIVIDI
Ci vuole insolenza per essere una principessa inglese e decidere di sposarsi quest'anno: Eugenia siamo con te
Ci vuole coraggio per decidere di sposarsi quest'anno nella cappella del castello di Windsor, esattamente come Harry e Meghan
Firme
CONDIVIDI
Le regole della coppia aperta? Sono fatte per essere infrante (come tutte le regole dell'umanità)
Nel suo libro La promessa, Sarah Dunn parla di relazioni extraconiugali, felicità e condizionatori
Firme
CONDIVIDI
Cos'è l'amore e perché rimane un mistero bellissimo che la scienza non sa spiegare
Aumentano le app di incontri, ma ci s'innamora sempre meno: è che abbiamo confuso la chimica dell'attrazione con le affinità