Nessuno è permaloso come una mamma

Le madri di oggi sono, nell'eloquio, indistinguibili da come scriverei una parodia di mia madre

Più Popolare

Da quando abbiamo deciso che la nostra sensibilità è un problema che non dobbiamo risolverci noi, ma che deve porsi la società, tutti si offendono di tutto. Lo sapevo già, mica è da ieri che viviamo nell'era della suscettibilità; però, fino a questo ponte pieno di bambini, non mi ero accorta che la zona a più alto rischio di reazioni malmostose fosse la maternità.

Advertisement - Continue Reading Below

Tutti i sistemi educativi sono permalosi. C'è la madre che si offende perché - senza alcun intento educativo, solo per istinto di sopravvivenza - sbotti «No!» quando il figlio ti lancia addosso degli oggetti: sta sperimentando i suoi limiti, sta scoprendo lo spazio, come ti permetti d'inibirlo dicendogli che i suoi istinti sono sbagliati, ti rendi conto di che trauma gli hai appena inferto? Finisce che ti scusi, mentre ti medichi il taglio che ti ha fatto il bicchiere di plastica del nostro amore santo lanciato in fronte.

Il piccolo sta sperimentando i suoi limiti e scoprendo lo spazio, come ti permetti d'inibirlo con un No?

Più Popolare

C'è quella che si risente perché hai fatto una battuta sulla dieta di tetta e strolghino che segue la sua cucciola – che mangia le crescentine coi salumi come gli adulti, avendo passato da un pezzo l'età dello svezzamento, epperò viene ancora allattata, perché, appunto, «è la mia cucciola» (le madri vere sono, nell'eloquio, indistinguibili da come scriverei una parodia di madre; per fortuna nessuno mi ha mai commissionato una satira sulla maternità: sembrerebbe neorealismo).

E c'è il bambino cui all'asilo fanno fare gli esperimenti sensoriali coi broccoli, e che quindi mentre è in campagna con gli adulti si strofina sul corpo la nostra cena, e c'è sempre un genitore che si offende se proponi di passare gli spinaci nell'amuchina dopo che quell'essere umano basso ci si è grattato: amore santo, ha fatto il bagnetto.

Il prossimo ponte è quello dell'Immacolata. Quando si fa l'albero - che, sempre per storie di esperimenti sensoriali, dev'essere di feltro, mi hanno spiegato. Mi sono trattenuta a stento dal dire «Ma che orrore». Al ponte in cui si decora il feltro, per cautela diplomatica mi do malata.

More from Gioia!:
Se venisse confermato l'annullamento dell'assegno di divorzio stabilito dalla Corte d'appello di Milano, la ex-moglie di Berlusconi, Veronica Lario, dovrebbe rivedere il suo stile di vita, ecco alcuni consigli.
Firme
CONDIVIDI
Cara Veronica, se serve facciamo una colletta
Silvio rivuole indietro 43 milioni, e la parsimonia logora. Per riprenderti è necessaria una crociera nei mari del sud
Firme
CONDIVIDI
Com'era moderna Mary Astor, e ciò che scriveva sui suoi diari bollenti lo dimostra
Anche lei non sapeva che nessun adulterio può essere davvero segreto: una così, oggi, darebbe il voto agli amanti su Facebook
Violenza sulle donne stereotipi da eliminare
Firme
CONDIVIDI
C'è solo un modo per sradicare la violenza sulle donne
Bisogna sradicare anzitutto gli stereotipi di genere, per cambiare la mentalità che accetta e tollera gli abusi fisici e sessuali
Firme
CONDIVIDI
Cara Chrissy, grazie per averci fatto piangere (soprattutto quella volta lì)
Abbiamo un gran bisogno di consolazione, ma dobbiamo anche imparare a non dare sempre la colpa alla società
Jovanotti cita Dalla
Firme
CONDIVIDI
Jovanotti non teme l'effetto nostalgia
Nel brano Oh, vita!, anticipazione del nuovo album che esce a dicembre, cita Futura di Lucio Dalla: ci vuole coraggio per farlo
Firme
CONDIVIDI
Felicità è portare i pantaloni con l'elastico
Se hai deciso che non te ne frega niente di farti guardare, tirarti a lucido è una cosa che non serve quasi mai
Bellezza e diversità  Lupita Nyong'o
Firme
CONDIVIDI
La bellezza non è più femminile singolare
Oggi per distinguersi c'è un solo modo: essere diverse, come Lupita Nyong'o, che non rinuncia ai suoi capelli afro
Kris Jenner con la figlia Kim Kardashian
Firme
CONDIVIDI
Cara Kris, le Kardashian non esisterebbero senza di te
Nessuna delle tue figlie sarebbe così com'è ora se tu non avessi avuto l'idea di farne lo spettacolo di questa generazione
Parità stipendio donne
Firme
CONDIVIDI
Equo compenso, non si tratta solo di soldi
Quando pretendiamo una retribuzione pari a quella degli uomini per il nostro lavoro stiamo parlando anche di dignità
Figli calo nascite
Firme
CONDIVIDI
Ma tu un figlio lo vorresti?
Se è vero che i giovani rinunciano ad avere bambini per cause di forza maggiore, perché 
non sono arrabbiati?