Cara Blythe, le figlie devono imparare a difendersi da sole (sì, anche Gwyneth Paltrow)

Dopo che il New York Times ha criticato Gwyneth Paltrow per come ha gestito l'esperienza con Harvey Weinstein, sua madre ha scritto una lettera di protesta al giornale

Più Popolare

Cara Blythe, devono difendersi da sole.

Le figlie, dico. Nello specifico: la tua. La piccola Gwyneth ha 45 anni e, dopo una prima vita da reginetta del ballo, governa un impero milionario di flussi energetici e fissazioni pseudoscientifiche in virtù del quale viene insolentita su base settimanale. Sono piuttosto certa abbia sviluppato una cospicua corazza (o quantomeno conosca una miracolosa ricetta di alghe cinesi adatta allo scopo).

Advertisement - Continue Reading Below

Gwyneth Paltrow con la madre, Blythe Danner.

Però devo dirtelo: la storia di Gwyneth ha confuso anche me. Aveva 22 anni ed era stata scelta per fare Emma, incontrò Harvey Weinstein in quanto capo della Miramax al Peninsula di Beverly Hills, lui le propose di concludere la riunione con un massaggio in camera. Lei si terrorizzò, comunque rifiutò, e la sua carriera proseguì indisturbata: due anni dopo vinse uno dei mirabolanti sette Oscar di Shakespeare in love. Fin qui, tutto bene – cioè: malissimo, ma in linea coi racconti delle altre molestate, magari al netto del lieto fine.

Più Popolare

Quel che colpisce è sua la reazione. Anziché venirlo a raccontare a te – mamma affettuosa, ma pure attrice di qualche successo – oppure a papà Bruce il produttore che, come ci tieni a ricordare, ha vinto persino un Diversity Award per il suo impegno nel sostenere donne e altre minoranze, Gwyneth corse dal fidanzato, un tale Brad Pitt. Il quale, nel 1994, aveva a stento girato Intervista col vampiro, e ciò nonostante si precipitò a difendere l'onore della sua bella in una fiammeggiante reinterpretazione del numero «Ehi, tu, porco, levale le mani di dosso». (Proprio il suo stile).

Gwyneth Paltrow con Brad Pitt nel 1995.

Devi esserti sentita usurpatissima, lo capisco. Per questo hai pensato di rimediare oltre vent'anni dopo contestando l'editoriale sul New York Times in cui Maureen Dowd la accusa di aver messo da parte ogni scrupolo pur di diventare «la First Lady di Miramax». Non è vero, dici tu: ha soltanto mantenuto il punto, e preteso rispetto dal signor Weinstein. La piccola Gwyneth è perfettamente in grado di badare a se stessa: quale migliore garanzia di una lettera della mamma al giornale?

In questi giorni di continue testimonianze, un'allora giovane sceneggiatrice ha raccontato di quando, nel 2000, confessò a Carrie Fisher di essere stata molestata da un produttore, e quella lo omaggiò di una lingua di mucca confezionata in un pacchettino di Tiffany.

Carrie Fisher.

Ecco, Blythe: per fare bene la mamma-elicottero – quella in perenne ricognizione dell'incolumità filiale – servono fantasia e velocità di esecuzione. Se non sei in grado di far recapitare al momento giusto l'organo di un mammifero in una scatola di alta gioielleria, tanto vale lasciare che tua figlia se la sbrighi da sé.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Fate uno sforzo e provate a mettervi nei panni (e a vivere i casini) di Woody Allen e Mia Farrow
Ma siamo sicuri che se fossero successe le stesse cose a noi, gente normale, avremmo reagito più compostamente?
Firme
CONDIVIDI
Domanda: ma il Festival di Sanremo di Claudio Baglioni non doveva andare malissimo?
Perché Baglioni è un classico, il jukebox delle nostre vite, uno che ci fa saltare sul divano con le prime quattro note di La vita è adesso
Firme
CONDIVIDI
Cosa insegneranno mai a Yale a chi frequenta il corso sulla felicità (per la cronaca: il più seguito nella storia dell'Ateneo)?
Laura Santos ha dato il via al corso più seguito nella storia di Yale: Psychology and the good life, in poche parole come essere felici
Firme
CONDIVIDI
In che modo Gabriele Muccino ci rovinerà anche questo San Valentino?
Il regista di A casa tutti bene, al cinema dal 14 febbraio, sa delle cose di noi e delle nostre relazioni, e passa i film a sputtanarci
Firme
CONDIVIDI
Ci vuole insolenza per essere una principessa inglese e decidere di sposarsi quest'anno: Eugenia siamo con te
Ci vuole coraggio per decidere di sposarsi quest'anno nella cappella del castello di Windsor, esattamente come Harry e Meghan
Firme
CONDIVIDI
Le regole della coppia aperta? Sono fatte per essere infrante (come tutte le regole dell'umanità)
Nel suo libro La promessa, Sarah Dunn parla di relazioni extraconiugali, felicità e condizionatori
Firme
CONDIVIDI
Cos'è l'amore e perché rimane un mistero bellissimo che la scienza non sa spiegare
Aumentano le app di incontri, ma ci s'innamora sempre meno: è che abbiamo confuso la chimica dell'attrazione con le affinità
Donne vittime Il filo nascosto
Firme
CONDIVIDI
Finalmente al cinema anche le donne possono essere str**ze e bugiarde come gli uomini
È un progresso che ai personaggi femminili di film e serie tv sia offerta la stessa gamma di possibilità di quelli maschili
Donne vittime
Firme
CONDIVIDI
Donne e molestie: si può dire "no", ma non tutte ci riescono
Non si sceglie di essere prede, si accetta, ubbidendo a diktat millenari, per paura, vergogna, abitudine
Ivanka Trump candidata presidente Usa
Firme
CONDIVIDI
Ivanka Trump, da first daughter a prima presidente donna degli Stati Uniti nel giro di un anno?
Le vittorie improbabili sono un talento di famiglia: la figlia favorita di Trump potrebbe anche diventare il primo presidente donna degli...