Harvey Weinstein, l'orco è nudo

Non più intoccabile, il molestatore delle dive ci obbliga a una riflessione in più: oltre all'indignazione e alla solidarietà, dobbiamo essere capaci di raffinare l'analisi ed emanciparci dal ruolo di vittime perfette

Più Popolare

In principio fu un articolo sul New York Times. Circostanziava l'inclinazione di Harvey Weinstein, il più influente produttore di Hollywood – fondatore di Miramax, e poi della Weinstein Co. – a molestare le attrici e poi pagarle, per farle stare zitte. Peraltro poco: quando contro hai un omone con diritto di vita o di morte sulla tua reputazione, il denaro è pegno del suo potere, più che la garanzia del tuo silenzio. Weinstein di quel potere ha assunto la forma: «Un uomo straordinariamente affascinante e tuttavia un pozzo torbido di insicurezze, in cui l'amore e l'odio per se stesso combattono come due demoni identici per forza, acume e determinazione», dice Peter Biskind in un libro che si intitola Down and Dirty Pictures. Weinstein è anche un'altra cosa: un maschio ripugnante. Ma abita lo stesso universo di Woody Allen e di Roman Polanski, di Bill Cosby e di Donald Trump: era fin qui inaudito che la ripugnanza avesse conseguenze.

Advertisement - Continue Reading Below

Nel frettoloso messaggio di scuse a seguire – è la cultura che mi ha disegnato così – Weinstein annunciava sospensioni riabilitative e querele parziali; una strategia difensiva composta da: un terzo contrizione, un terzo smentita, un terzo buona volontà. Le reazioni montavano pianissimo. Gli attori, perlopiù zitti. Le attrici risolutamente indignate, ma mica potevano immaginare. Tutti in attesa di valutare la traiettoria del secondo attacco. È arrivato: frontale. Sul New Yorker Ronan Farrow ha riportato ulteriori minuziose testimonianze degli abusi perpetrati da Weinstein a vario titolo. Hillary Clinton ne è rimasta sconvolta. Gli Obama – che da Weinstein avevano mandato Malia a fare uno stage – orribilmente disgustati. E il modello di propagazione del format «Harvey Weinstein ha molestato anche me» è diventato quello di un'apocalisse zombie. O di un regolamento di conti: la Weinstein Co. lo ha licenziato; l'Academy, espulso.

Più Popolare

La moglie Georgina Chapman – mai particolarmente insospettita dal successo della sua linea di vestiti (brutti) tra le protagoniste dei film prodotti dal marito – lo ha lasciato: «Mi si spezza il cuore al pensiero delle donne ferite da questa condotta imperdonabile». Povera stella, mica poteva immaginare. Eppure la dinamica degli incontri era collaudata, quasi compulsiva: le prede, spesso con l'inganno, venivano lasciate sole in balìa di Harvey, spesso in accappatoio. Le conseguenze – del rifiuto, ma forse pure del consenso: nessuna ce l'ha raccontato – multiformi: ci sono quelle che sono diventate Gwyneth Paltrow, o Angelina Jolie (certo, partivano avvantaggiate). Ci sono quelle che sono rimaste Asia Argento, o Mira Sorvino. E ci sono quelle che sono tornate niente.

Anche le vittime non sono tutte uguali. C'è differenza tra massaggio e pompino; c'è differenza tra stupro, molestia e storia sbagliata (lo ha scritto Guia Soncini nel numero scorso). E adesso che l'onda lunga dell'apocalisse Weinstein lambisce altri intoccabili – Woody Allen comprensibilmente teme possa scatenarsi una «caccia alle streghe» – è necessario distinguere. Se per disinnescare la complicità dei maschi – e di chi mica poteva immaginare – non possiamo che raccontare la verità, le donne siamo noi. È inutile fingere di essere tutte, sempre, violate nello stesso modo. È questa incapacità di raffinare l'analisi – oltre l'indignazione, oltre la solidarietà – che ci rende le vittime perfette. Quelle che a un certo punto si mettono a strillare tutte insieme, e nessuno capisce più cosa è successo.

More from Gioia!:
Se venisse confermato l'annullamento dell'assegno di divorzio stabilito dalla Corte d'appello di Milano, la ex-moglie di Berlusconi, Veronica Lario, dovrebbe rivedere il suo stile di vita, ecco alcuni consigli.
Firme
CONDIVIDI
Cara Veronica, se serve facciamo una colletta
Silvio rivuole indietro 43 milioni, e la parsimonia logora. Per riprenderti è necessaria una crociera nei mari del sud
Firme
CONDIVIDI
Com'era moderna Mary Astor, e ciò che scriveva sui suoi diari bollenti lo dimostra
Anche lei non sapeva che nessun adulterio può essere davvero segreto: una così, oggi, darebbe il voto agli amanti su Facebook
Violenza sulle donne stereotipi da eliminare
Firme
CONDIVIDI
C'è solo un modo per sradicare la violenza sulle donne
Bisogna sradicare anzitutto gli stereotipi di genere, per cambiare la mentalità che accetta e tollera gli abusi fisici e sessuali
Firme
CONDIVIDI
Cara Chrissy, grazie per averci fatto piangere (soprattutto quella volta lì)
Abbiamo un gran bisogno di consolazione, ma dobbiamo anche imparare a non dare sempre la colpa alla società
Jovanotti cita Dalla
Firme
CONDIVIDI
Jovanotti non teme l'effetto nostalgia
Nel brano Oh, vita!, anticipazione del nuovo album che esce a dicembre, cita Futura di Lucio Dalla: ci vuole coraggio per farlo
Firme
CONDIVIDI
Felicità è portare i pantaloni con l'elastico
Se hai deciso che non te ne frega niente di farti guardare, tirarti a lucido è una cosa che non serve quasi mai
Bellezza e diversità  Lupita Nyong'o
Firme
CONDIVIDI
La bellezza non è più femminile singolare
Oggi per distinguersi c'è un solo modo: essere diverse, come Lupita Nyong'o, che non rinuncia ai suoi capelli afro
È ufficiale: Chiara Ferragni e Fedez aspettano il loro primo figlio, ecco perché sarà un bambino molto fortunato.
Firme
CONDIVIDI
Cara Chiara, sarai una madre favolosa
Perché possiedi un superpotere fondamentale per sopravvivere a questi tempi qui
Mamme permalose bambini
Firme
CONDIVIDI
Nessuno è permaloso come una mamma
Le madri di oggi sono, nell'eloquio, indistinguibili da come scriverei una parodia di mia madre
Kris Jenner con la figlia Kim Kardashian
Firme
CONDIVIDI
Cara Kris, le Kardashian non esisterebbero senza di te
Nessuna delle tue figlie sarebbe così com'è ora se tu non avessi avuto l'idea di farne lo spettacolo di questa generazione