Harvey Weinstein, l'orco è nudo

Non più intoccabile, il molestatore delle dive ci obbliga a una riflessione in più: oltre all'indignazione e alla solidarietà, dobbiamo essere capaci di raffinare l'analisi ed emanciparci dal ruolo di vittime perfette

Più Popolare

In principio fu un articolo sul New York Times. Circostanziava l'inclinazione di Harvey Weinstein, il più influente produttore di Hollywood – fondatore di Miramax, e poi della Weinstein Co. – a molestare le attrici e poi pagarle, per farle stare zitte. Peraltro poco: quando contro hai un omone con diritto di vita o di morte sulla tua reputazione, il denaro è pegno del suo potere, più che la garanzia del tuo silenzio. Weinstein di quel potere ha assunto la forma: «Un uomo straordinariamente affascinante e tuttavia un pozzo torbido di insicurezze, in cui l'amore e l'odio per se stesso combattono come due demoni identici per forza, acume e determinazione», dice Peter Biskind in un libro che si intitola Down and Dirty Pictures. Weinstein è anche un'altra cosa: un maschio ripugnante. Ma abita lo stesso universo di Woody Allen e di Roman Polanski, di Bill Cosby e di Donald Trump: era fin qui inaudito che la ripugnanza avesse conseguenze.

Advertisement - Continue Reading Below

Nel frettoloso messaggio di scuse a seguire – è la cultura che mi ha disegnato così – Weinstein annunciava sospensioni riabilitative e querele parziali; una strategia difensiva composta da: un terzo contrizione, un terzo smentita, un terzo buona volontà. Le reazioni montavano pianissimo. Gli attori, perlopiù zitti. Le attrici risolutamente indignate, ma mica potevano immaginare. Tutti in attesa di valutare la traiettoria del secondo attacco. È arrivato: frontale. Sul New Yorker Ronan Farrow ha riportato ulteriori minuziose testimonianze degli abusi perpetrati da Weinstein a vario titolo. Hillary Clinton ne è rimasta sconvolta. Gli Obama – che da Weinstein avevano mandato Malia a fare uno stage – orribilmente disgustati. E il modello di propagazione del format «Harvey Weinstein ha molestato anche me» è diventato quello di un'apocalisse zombie. O di un regolamento di conti: la Weinstein Co. lo ha licenziato; l'Academy, espulso.

Più Popolare

La moglie Georgina Chapman – mai particolarmente insospettita dal successo della sua linea di vestiti (brutti) tra le protagoniste dei film prodotti dal marito – lo ha lasciato: «Mi si spezza il cuore al pensiero delle donne ferite da questa condotta imperdonabile». Povera stella, mica poteva immaginare. Eppure la dinamica degli incontri era collaudata, quasi compulsiva: le prede, spesso con l'inganno, venivano lasciate sole in balìa di Harvey, spesso in accappatoio. Le conseguenze – del rifiuto, ma forse pure del consenso: nessuna ce l'ha raccontato – multiformi: ci sono quelle che sono diventate Gwyneth Paltrow, o Angelina Jolie (certo, partivano avvantaggiate). Ci sono quelle che sono rimaste Asia Argento, o Mira Sorvino. E ci sono quelle che sono tornate niente.

Anche le vittime non sono tutte uguali. C'è differenza tra massaggio e pompino; c'è differenza tra stupro, molestia e storia sbagliata (lo ha scritto Guia Soncini nel numero scorso). E adesso che l'onda lunga dell'apocalisse Weinstein lambisce altri intoccabili – Woody Allen comprensibilmente teme possa scatenarsi una «caccia alle streghe» – è necessario distinguere. Se per disinnescare la complicità dei maschi – e di chi mica poteva immaginare – non possiamo che raccontare la verità, le donne siamo noi. È inutile fingere di essere tutte, sempre, violate nello stesso modo. È questa incapacità di raffinare l'analisi – oltre l'indignazione, oltre la solidarietà – che ci rende le vittime perfette. Quelle che a un certo punto si mettono a strillare tutte insieme, e nessuno capisce più cosa è successo.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Fate uno sforzo e provate a mettervi nei panni (e a vivere i casini) di Woody Allen e Mia Farrow
Ma siamo sicuri che se fossero successe le stesse cose a noi, gente normale, avremmo reagito più compostamente?
Firme
CONDIVIDI
Domanda: ma il Festival di Sanremo di Claudio Baglioni non doveva andare malissimo?
Perché Baglioni è un classico, il jukebox delle nostre vite, uno che ci fa saltare sul divano con le prime quattro note di La vita è adesso
Firme
CONDIVIDI
Cosa insegneranno mai a Yale a chi frequenta il corso sulla felicità (per la cronaca: il più seguito nella storia dell'Ateneo)?
Laura Santos ha dato il via al corso più seguito nella storia di Yale: Psychology and the good life, in poche parole come essere felici
Firme
CONDIVIDI
In che modo Gabriele Muccino ci rovinerà anche questo San Valentino?
Il regista di A casa tutti bene, al cinema dal 14 febbraio, sa delle cose di noi e delle nostre relazioni, e passa i film a sputtanarci
Firme
CONDIVIDI
Ci vuole insolenza per essere una principessa inglese e decidere di sposarsi quest'anno: Eugenia siamo con te
Ci vuole coraggio per decidere di sposarsi quest'anno nella cappella del castello di Windsor, esattamente come Harry e Meghan
Firme
CONDIVIDI
Le regole della coppia aperta? Sono fatte per essere infrante (come tutte le regole dell'umanità)
Nel suo libro La promessa, Sarah Dunn parla di relazioni extraconiugali, felicità e condizionatori
Firme
CONDIVIDI
Cos'è l'amore e perché rimane un mistero bellissimo che la scienza non sa spiegare
Aumentano le app di incontri, ma ci s'innamora sempre meno: è che abbiamo confuso la chimica dell'attrazione con le affinità
Donne vittime Il filo nascosto
Firme
CONDIVIDI
Finalmente al cinema anche le donne possono essere str**ze e bugiarde come gli uomini
È un progresso che ai personaggi femminili di film e serie tv sia offerta la stessa gamma di possibilità di quelli maschili
Donne vittime
Firme
CONDIVIDI
Donne e molestie: si può dire "no", ma non tutte ci riescono
Non si sceglie di essere prede, si accetta, ubbidendo a diktat millenari, per paura, vergogna, abitudine
Ivanka Trump candidata presidente Usa
Firme
CONDIVIDI
Ivanka Trump, da first daughter a prima presidente donna degli Stati Uniti nel giro di un anno?
Le vittorie improbabili sono un talento di famiglia: la figlia favorita di Trump potrebbe anche diventare il primo presidente donna degli...