Maria Sharapova, l'importante è saper perdere

La tennista russa è stata battuta da Serena Williams 19 volte (su 21, e tutte di seguito) non perché è più debole, ma perché è più scarsa

Più Popolare

Cara Maria Sharapova, ogni tennista è un'isola.

Lo diceva Andre Agassi in Open – il libro che contiene quello che c'è da sapere sul tennis, la vita e tutto quanto – e poi specificava: «Di tutti gli sport praticati da uomini e donne, il tennis è quello che più somiglia alla reclusione in isolamento». Deve essere per questo che la tua recente autobiografia – Unstoppable, inarrestabile: una scelta di titolo curiosa dopo 15 mesi di squalifica per doping – sembra scritta da una che non ha mai avuto modo di sperimentare la realtà fenomenica del resto del mondo.

Advertisement - Continue Reading Below

Quando descrivi Serena Williams – dalla quale sembri piuttosto ossessionata, e come non capirti – ci tieni a sottolineare che «la sua presenza fisica è molto più imponente e massiccia di quanto sembri in tv. Ha le braccia grosse, le gambe grosse. E poi è alta, davvero alta». Secondo i misuratori ufficiali del web, Serena Williams è di 12 buoni centimetri più bassa di te. E anche se sono assolutamente convinta che «tutto di lei incute paura e soggezione», tu sei una sventola russa che sfiora il metro e 90: non lo scricciolo che mi augurerei di incontrare in un vicolo malfamato. Se davanti a lei ti senti una bambina alla prima finale tra i grandi, il problema non è certo fisico.

Più Popolare

Pure perché, quando davvero eri una bambinona alla sua prima finale di Slam, Serena Williams l'hai annichilita senza concedere un set, e a Wimbledon. Era il 2004: avevi 17 anni. Ma nel boschetto della tua fantasia questa è l'origine di ogni disfatta: alla fine dell'incontro dici di averla sentita piangere – «Coi singhiozzi, gutturali, di quelli che ti manca l'aria e ti spaventi» – e da allora sei persuasa di essere l'oggetto del suo rancore. Ed è in virtù di questo odio inesausto che secondo te (dopo una seconda meno drammatica sconfitta) Serena ti ha battuto per 19 – diciannove – volte di fila. Perché ti tiene il muso, mica perché è la tennista più forte della storia dell'umanità.

Saper perdere, Agassi diceva pure questo, è molto più difficile che saper vincere. Siccome però tende a capitare più spesso (a chi lo dici) a un certo punto bisogna trovare il modo di uscirne senza capricci. In un episodio di West Wing – la serie tv che contiene quello che c'è da sapere sulla politica americana, la vita e tutto quanto – Amy Gardner fornisce preziose linee guida: «Ho combattuto, ho perso, ho bevuto un drink, ho fatto una doccia. È così che funziona tra professionisti. E sai cosa faccio quando vinco? Due drink». È un approccio di laboriosa applicazione – nel tennis, nella politica, nella vita – ma dà le sue soddisfazioni: se non puoi vincere, sii la perdente più invidiabile del circuito.

More from Gioia!:
vestiti costosi
Firme
CONDIVIDI
Noi, che l'abito costoso vogliamo ammortizzarlo
Da quando ci sono i cellulari con fotocamera quel completo risolutivo non puoi più indossarlo senza sembrare una che non si cambia mai
scrivere gratis
Firme
CONDIVIDI
Scrivete solo se qualcuno vi paga
Conosco gente che scrive decine di cartelle non retribuite su siti senza budget: come mai non distinguono un hobby da un mestiere?
Fine anno 2017 cosa tenere cosa buttare
Firme
CONDIVIDI
Cosa vuoi tenere e cosa vuoi buttare del 2017?
Butto le frasi retoriche e le parole a vanvera, tengo le battaglie delle donne e la loro forza inesauribile
Angela Lansbury, in un'intervista a Radio Times, ha parlato di donne, molestie e responsabilità: la reazione del web è stata immediata e scomposta
Firme
CONDIVIDI
Cara Angela, con noi giovani bisogna avere pazienza (siamo scemi)
Per quanto complessa sia la questione delle molestie, la nostra reazione è sempre a misura di tweet
Natale amore odio
Firme
CONDIVIDI
Con il Natale non ci sono mezze misure: o si è lovers o si è haters
Il mondo si divide in due categorie, quelli che lo amano e quelli che lo odiano: a me fa simpatia, ma sono un disastro con gli addobbi
Insieme al marito John Legend, Chrissy Teigen ha annunciato sui social la sua seconda gravidanza, ottenuta attraverso la fecondazione in vitro, come ha sempre raccontato con sana disinvoltura.
Firme
CONDIVIDI
Cara Chrissy, servono anche i figli maschi
Il tuo lo sarà perché, come hai spiegato disinvolta, "è l'unico embrione rimasto", e ti tornerà utilissimo
Lucio Dalla Sky Arte 33 giri
Firme
CONDIVIDI
Lucio Dalla: com'è (ancora) profondo il mare 40 anni dopo
Il primo documentario di un ciclo di Sky Arte sui vecchi dischi è dedicato a questo autore e contiene delle meraviglie
Madre e figlia rapporto
Firme
CONDIVIDI
L'amore di una mamma può essere una coperta che soffoca
Ci sono mamme che ti tirano a fondo e mamme che ti buttano lontano, perché sanno che appartieni al mondo
Se venisse confermato l'annullamento dell'assegno di divorzio stabilito dalla Corte d'appello di Milano, la ex-moglie di Berlusconi, Veronica Lario, dovrebbe rivedere il suo stile di vita, ecco alcuni consigli.
Firme
CONDIVIDI
Cara Veronica, se serve facciamo una colletta
Silvio rivuole indietro 43 milioni, e la parsimonia logora. Per riprenderti è necessaria una crociera nei mari del sud
Firme
CONDIVIDI
Com'era moderna Mary Astor, e ciò che scriveva sui suoi diari bollenti lo dimostra
Anche lei non sapeva che nessun adulterio può essere davvero segreto: una così, oggi, darebbe il voto agli amanti su Facebook