Quel che si perdono i figli bamboccioni

La sindrome dell'impostore è quella vocetta che ti dice che prima o poi tutti si accorgeranno che non vali quanto credono: l'attrice della serie tv Scandal Katie Lowes l'ha applicata agli immobili

Più Popolare

Quando Katie Lowes è diventata famosa aveva trent'anni. Era la prima stagione di Scandal, e lei era la ragazza che viene incastrata per l'assassinio del fidanzato e scagionata da Olivia Pope e poi diventa la sua principale collaboratrice. Noi spettatrici normali la notammo perché ha le braccia grosse: in tv ci sono o fotomodelle mancate o obese chiamate curvy; le vie di mezzo, con un po' di pancetta e i braccioni, non si vedono quasi mai.

L'attrice Katie Lowes, 36 anni.
Advertisement - Continue Reading Below

Chiunque vada a Los Angeles per la prima volta ne torna raccontando che le cameriere sono tutte attrici: è una città fatta di gente che aspira alla fama, e intanto deve pur mantenersi (è un'informazione vera, ma incompleta: ci sono anche un sacco di camerieri che sperano di sfondare come sceneggiatori, mica solo come attori). Prima di Scandal, Katie era una di loro: quelle che fanno particine ogni tanto, e nel frattempo si arrabattano. Quando arrivarono il ruolo fisso e le foto sui red carpet e le interviste sui giornali, Katie raccontò d'essersi data, con Scandal, l'ultima chance. Avrebbe rinunciato all'eterna attesa della gloria, stufa di non sapere mai come avrebbe pagato l'affitto del mese dopo: se anche quel provino non avesse portato a nulla, si era già offerta per lavorare come assistente per una sua amica attrice allora più famosa, Connie Britton. Il provino ha portato sei stagioni di Scandal, 
e Katie Lowes ha comprato casa.

Più Popolare

La settimana scorsa, sul sito che ha messo su la produttrice di Scandal per raccontare storie di donne (shondaland.com), Katie ha raccontato la sindrome dell'impostore applicata agli immobili. La sindrome dell'impostore è quella vocetta (Arianna Huffington la chiama «la coinquilina odiosa») che ti dice che prima o poi tutti si accorgeranno che non vali quanto credono, che sei una miracolata e questa è la volta in cui il mondo lo capirà, che non può durare. Per una che è nata in una famiglia benestante ma alla quale i genitori, una volta laureata, hanno giustamente smesso di passare soldi, e che quindi si è arrabattata fra mille lavori e stando attenta agli spicci, l'acquisto di una casa scatena ogni paranoia d'impostura. E se poi domani resto senza soldi di nuovo? E se mi sono sbagliata a fare i conti? E se i miei amici non mi vorranno più bene perché sono una riccastra e non una di loro?

È una lettura buffa e un po' commovente, e mi ha fatto pensare a quel che si perdono le mie amiche che, ben dopo i trent'anni, vivono in case pagate dai genitori, mandano i figli in costose scuole private pagate dai suoceri, fanno meravigliose vacanze pagate dai genitori o dai suoceri, tutto questo dopo banchetti di nozze pagati da genitori e suoceri che si sono pure presi degli improperi perché – «Ma ti rendi conto! Che invadenza!» – volevano invitare i propri amici 
a un pranzo che pagavano loro.

Ho pensato alla gioia purissima di Katie che finalmente può smettere d'aver paura delle bollette e comprare la sua prima casa, e alle lamentele delle mie amiche perché madri che pagano le case delle figlie quarantenni si presentano non invitate in quelle case (nelle quali le figlie vivono senza potersele permettere). Mi sono chiesta cosa accadrebbe se i genitori ci tagliassero i fondi a vent'anni: diventeremmo adulte che fanno serie televisive più divertenti? Chissà. Di certo io avrei amiche meno lagnose.

More from Gioia!:
vestiti costosi
Firme
CONDIVIDI
Noi, che l'abito costoso vogliamo ammortizzarlo
Da quando ci sono i cellulari con fotocamera quel completo risolutivo non puoi più indossarlo senza sembrare una che non si cambia mai
Fine anno 2017 cosa tenere cosa buttare
Firme
CONDIVIDI
Cosa vuoi tenere e cosa vuoi buttare del 2017?
Butto le frasi retoriche e le parole a vanvera, tengo le battaglie delle donne e la loro forza inesauribile
Natale amore odio
Firme
CONDIVIDI
Con il Natale non ci sono mezze misure: o si è lovers o si è haters
Il mondo si divide in due categorie, quelli che lo amano e quelli che lo odiano: a me fa simpatia, ma sono un disastro con gli addobbi
Insieme al marito John Legend, Chrissy Teigen ha annunciato sui social la sua seconda gravidanza, ottenuta attraverso la fecondazione in vitro, come ha sempre raccontato con sana disinvoltura.
Firme
CONDIVIDI
Cara Chrissy, servono anche i figli maschi
Il tuo lo sarà perché, come hai spiegato disinvolta, "è l'unico embrione rimasto", e ti tornerà utilissimo
Lucio Dalla Sky Arte 33 giri
Firme
CONDIVIDI
Lucio Dalla: com'è (ancora) profondo il mare 40 anni dopo
Il primo documentario di un ciclo di Sky Arte sui vecchi dischi è dedicato a questo autore e contiene delle meraviglie
Madre e figlia rapporto
Firme
CONDIVIDI
L'amore di una mamma può essere una coperta che soffoca
Ci sono mamme che ti tirano a fondo e mamme che ti buttano lontano, perché sanno che appartieni al mondo
Se venisse confermato l'annullamento dell'assegno di divorzio stabilito dalla Corte d'appello di Milano, la ex-moglie di Berlusconi, Veronica Lario, dovrebbe rivedere il suo stile di vita, ecco alcuni consigli.
Firme
CONDIVIDI
Cara Veronica, se serve facciamo una colletta
Silvio rivuole indietro 43 milioni, e la parsimonia logora. Per riprenderti è necessaria una crociera nei mari del sud
Firme
CONDIVIDI
Com'era moderna Mary Astor, e ciò che scriveva sui suoi diari bollenti lo dimostra
Anche lei non sapeva che nessun adulterio può essere davvero segreto: una così, oggi, darebbe il voto agli amanti su Facebook
Violenza sulle donne stereotipi da eliminare
Firme
CONDIVIDI
C'è solo un modo per sradicare la violenza sulle donne
Bisogna sradicare anzitutto gli stereotipi di genere, per cambiare la mentalità che accetta e tollera gli abusi fisici e sessuali
Firme
CONDIVIDI
Cara Chrissy, grazie per averci fatto piangere (soprattutto quella volta lì)
Abbiamo un gran bisogno di consolazione, ma dobbiamo anche imparare a non dare sempre la colpa alla società