La morte di Prince mi ha fatto riflettere sul senso della vita

La scomparsa del cantante mi ha fatto pensare all'importanza di lasciare qualcosa in eredità a mia figlia, lui ci ha regalato Purple rain, io un giorno regalerò a lei un consiglio: vivere con entusiasmo

Più Popolare

L'ultima volta che ho partorito, ho avuto paura di morire. Avendo avuto delle complicanze con la prima figlia (robe splatter e schifosissime che non vi sto qui a dire), mi ero già messa nell'ordine di idee di non riaprire gli occhi dopo l'anestesia. Una possibilità remota, sia chiaro, che mi aveva mio malgrado messo addosso un certo stato di ansietà: non tanto per me, che fino a una decina di anni fa vivevo con sciocca e beata incoscienza l'inconveniente della mortalità, ma per i posteri. L'idea di essere dimenticata proprio non mi andava giù.

Advertisement - Continue Reading Below

Ho scritto una lettera a mia figlia

Che cosa si ricorderà di me la mia bambina?, mi chiedevo. La nuova niente, ovvio, ma neanche io di lei, per quel che può servire all'altro mondo. Ci siamo frequentate nove mesi, ma non ci si conosce; non so neppure che faccia ha. È l'altra che mi premeva di sapere. Che cosa si ricorderà di me?, mi ripetevo. Niente. Né il mio sorriso né le fossette né gli occhi scuri così simili ai suoi, né i versi fatti con la bocca per farla mangiare, i pisolini nel lettone insieme, le passeggiate. Una mia amica di scuola aveva perso sua madre a tre anni e aveva di lei solo immagini confuse. Così mi ero decisa a scriverle una lettera. Incerta se darle istruzioni concrete (le mestruazioni, la prima volta, le posizioni migliori per rendere indolore la ceretta...) o invece parlarle dei massimi sistemi, l'amore, i tramonti, il senso della vita, tutte le cose belle che ho imparato e tutte quelle che non avrei saputo mai.

Più Popolare

Un libro che è un testamento

Poi invece non sono morta. Sono qui. Viva e vegeta, clinicamente parlando. Ma non sempre presente. Distrattamente in vita, si può dire, come molti. In questi giorni si è molto parlato di un libro che in America è diventato in tempi record un bestseller. Si chiama Quando il respiro si fa aria ed è la storia in prima persona di un neurochirurgo di origini indiane, laureato a Stanford, Paul Kalanithi, morto ad appena 37 anni per un cancro al polmone. Una sorta di testamento, per raccontare in presa diretta l'evoluzione del tumore e di se stesso – insieme medico e paziente – da lasciare alla figlia e a tutti quelli che avranno la curiosità di leggerlo. Quando il libro è uscito, lui già non c'era più. Pensavo di trovarci memorabili perle di saggezza. Un campionario delle grandi verità che sempre si scoprono quando si intravede la fine del cammino.

Il tempo è prezioso

Invece ho trovato solo piccole verità. Facili e fondamentali. Per esempio che ogni giorno ricomincia da zero, e non c'è scusa che tenga se hai voglia di riscrivere la tua storia, qualsiasi sia l'inizio e ovunque sia la fine: lo dico per quelli che iniziano le frasi con «ormai». Che le cose importanti ci passano di continuo sotto al naso ma il più delle volte non le vediamo, un po' per pigrizia un po' per la fretta, ma quasi sempre per cialtroneria. Che non è mai tardi per partire, fare le cose che ci piacciono davvero, l'importante è non aspettare troppo, perché volerlo semplicemente può anche succedere che non basti più: si pensa di avere per sempre il controllo del proprio corpo e della vita, ma non è così. 

«Vivi con tutti gli organi e i sensi»

Sarà che sto invecchiando, sarà che mi avvicino a quell'età di mezzo in cui le cose corrono veloci, e un amico si ammala e un altro da un giorno all'altro non c'è più, ma leggerlo mi ha fatto bene. Perché non si può continuare a vivere sprecando tempo, pensando che tanto, prima o poi, si recupererà. Buttandolo via per cose inutili, tipo i litigi, le code all'Autogrill e i gruppi su WhatsApp. Poi è morto Prince, mentre scrivevo. A soli 57 anni. Ma almeno ci ha lasciato Purple rain. E, allora, ripensandoci, ho deciso che a mia figlia scriverei soltanto: vivi, con tutti gli organi e i sensi. Sforzandoti di fare almeno una bella cosa che resti. Io ci ho provato, e sei nata tu.

More from Gioia!:
Non più un intoccabile di Hollywood, il molestatore delle dive Harvey Weinstein ci obbliga a una riflessione in più: oltre all'indignazione e alla solidarietà, dobbiamo essere capaci di raffinare l'analisi ed emanciparci da ruolo di vittime perfette.
Firme
CONDIVIDI
Harvey Weinstein, l'orco è nudo
Non più intoccabile, il molestatore delle dive ci obbliga a una riflessione, e a emanciparci dal ruolo di vittime perfette
Sesso in piedi o seduti 40-anni, Louis CK
Firme
CONDIVIDI
Se stare seduti vince sul sesso in piedi
Quarant'anni è un'età schifosa, come mi ha fatto capire il comico Louis CK con il suo monologo
Firme
CONDIVIDI
6 cose che ci ha insegnato il caso Weinstein
Dalla triste vicenda del produttore abbiamo imparato parecchio, per esempio che le donne sono spesso le peggiori nemiche delle donne
Kim Cattrall ha deciso di non partecipare alla riesumazione di Sex and the City, e quindi il terzo film della serie non si farà: sarah Jessica Parker e le altre non l'hanno presa bene.
Firme
CONDIVIDI
Cara Kim, nessuna smette quando vuole
Messaggio per l'attrice di Sex and the City: e se avere dei figli ritardasse la presa in carico della propria libertà?
Harvey Weinstein accuse stupro
Firme
CONDIVIDI
A proposito di Harvey Weinstein: quando è violenza e quando è solo vita
Se mettiamo nella categoria «stupro» chiunque ci provi e ci faccia sentire dieci minuti a disagio, prevedo l'estinzione dell'umanità
Voglio essere magra
Firme
CONDIVIDI
Io che volevo essere magra più di tutto
Ma c'è una bella differenza tra la ricerca del proprio peso forma e la fissazione per il corpo esile a tutti i costi
Ius soli autogol sinistra
Firme
CONDIVIDI
Ius soli, l'autogol della sinistra
Il disegno di legge muore in Parlamento perché Alfano non lo vuole e perché il centrosinistra si è subito arreso
Dopo un'estate di pettegolezzi, Heidi Klum ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia e smettere di cercare uomini che la facciano sentire giovane.
Firme
CONDIVIDI
Cara Heidi Klum, mollare un trentenne è sempre un'ottima idea
Dopo un'estate di pettegolezzi, la modella ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia di accoppiamento
Con una stretta di mano al summit sull'ambiente dell'Onu, Gisele Bündchen ha mandato un messaggio al marito Tom Brady: tu stai al tuo posto, ché al tavolo dei grandi mi siedo io.
Firme
CONDIVIDI
Cara Gisele Bündchen, sei meglio di tuo marito
Tuo marito ha sposato la più bella del reame, che si accontenti: al tavolo dei grandi siedi tu
figli bamboccioni casa
Firme
CONDIVIDI
Quel che si perdono i figli bamboccioni
La sindrome dell'impostore applicata agli immobili: ce la spiega l'attrice di Scandal Katie Lowes