Genitori, i giovani non sono così fessi

C'era un tempo in cui le cuffie del walkman annunciavano l'alienazione: a tutti i padri e le madri i passatempi dei figli sembrano la fine della civiltà

Più Popolare

Sabato di fine estate. Ristorante sul mare. I piccoli sono immersi nei loro iPad, salvifico strumento che ha risolto uno dei più gravi problemi della nazione (i bambini rumorosi nei ristoranti); i grandi parlano di cose da anziani: libri. Ci si sta interrogando sul momento in cui gli editorialisti hanno capito che parlare di figli era l'unico modo di vendere libri, e hanno iniziato a infilare la prole nei loro tomi. Si conviene che il primo sia stato Michele Serra, e che gli emuli siano molto più scarsi, ma che comunque si sia creata una nuova categoria: maschi sessantenni i cui libri ci svelano che il maschio sessantenne abituato a ritenere la legge elettorale un tema di conversazione a un certo punto s'accorge che là fuori c'è un mondo, e se ne accorge perché gli tocca relazionarsi a degli adolescenti.

Advertisement - Continue Reading Below

Esaurito il tema, la madre indica sconsolata i figli immersi negli iPad e, senza traccia d'ironia, sospira: «Noi alla loro età leggevamo dei libri». Siccome in me c'è un po' di Rhett Butler – nel senso di: «Ho un debole per le cause perse, ma solo quando sono perse veramente» – m'impegno a cercare di convincerla. C'è stato un tempo in cui i romanzi erano considerati un passatempo di quart'ordine, le ricordo. C'è stato un tempo in cui la tv era il mezzo che ci avrebbe resi tutti più stupidi, la fine dell'immaginazione cui ci aveva abituati la radio. C'è stato un tempo in cui le cuffiette del walkman annunciavano l'alienazione. Insomma: a tutti i genitori i passatempi dei figli sembrano la fine della civiltà.

Più Popolare

Queste cose le sa, e tuttavia scuote la testa: lei vuole che i figli leggano quei bei romanzoni che intrattenevano le nostre estati, quando nei posti di mare la tv prendeva sì e no RaiUno e non potevamo guardare il Live Aid. La capisco, è il ciclo della vita: mio nonno era indignato che mio padre fosse così sovversivo da ascoltare i Beatles; mio padre mi riempiva di botte ogni volta che mi trovava a sfogliare un fotoromanzo, secondo lui «roba da cameriere» (il fatto di non avere il suo stesso reddito non ha mai impedito a mio padre di sentirsi Gianni Agnelli).

Quel che ancora non sapevamo, quel sabato, era che i due temi si sarebbero uniti: l'ultimo libro d'un editorialista con figli parla del fatto che i suoi figli stanno sempre al cellulare. Vedendolo in libreria m'è subito venuto in mente mio padre. Non per i fotoromanzi; per quella volta che, in Sudafrica, mi rimproverò perché leggevo un libro nel tragitto tra l'aeroporto e l'albergo: «Sei l'unica al mondo che arriva in un posto nuovo e non guarda fuori dal finestrino» (qualunque cosa faccia un figlio in qualunque epoca, per i genitori è sempre l'unico al mondo a farla). Chissà che romanzo stavo leggendo. Chissà come sarei stata più felice se, invece che gli Anni 80, fossero stati gli Anni 10, e al posto di Tolstoj ci fosse stato un compagno di scuola cui whatsappare i miei reportage di viaggio. Non è vero che i giovani sono più fessi di noi. I figli che stanno sempre al cellulare firmano il libro assieme a papà, incassando quindi una percentuale dei diritti d'autore (che immagino cospicui; i lettori con figli lo compreranno per consolarsi: anche quelli degli altri stanno sempre al telefono). È un'evidente evoluzione della specie: allo sdraiato 
di Michele Serra mica era venuto in mente.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
6 cose che ci ha insegnato il caso Weinstein
Dalla triste vicenda del produttore abbiamo imparato parecchio, per esempio che le donne sono spesso le peggiori nemiche delle donne
Kim Cattrall ha deciso di non partecipare alla riesumazione di Sex and the City, e quindi il terzo film della serie non si farà: sarah Jessica Parker e le altre non l'hanno presa bene.
Firme
CONDIVIDI
Cara Kim, nessuna smette quando vuole
Messaggio per l'attrice di Sex and the City: e se avere dei figli ritardasse la presa in carico della propria libertà?
Harvey Weinstein accuse stupro
Firme
CONDIVIDI
A proposito di Harvey Weinstein: quando è violenza e quando è solo vita
Se mettiamo nella categoria «stupro» chiunque ci provi e ci faccia sentire dieci minuti a disagio, prevedo l'estinzione dell'umanità
Voglio essere magra
Firme
CONDIVIDI
Io che volevo essere magra più di tutto
Ma c'è una bella differenza tra la ricerca del proprio peso forma e la fissazione per il corpo esile a tutti i costi
Ius soli autogol sinistra
Firme
CONDIVIDI
Ius soli, l'autogol della sinistra
Il disegno di legge muore in Parlamento perché Alfano non lo vuole e perché il centrosinistra si è subito arreso
Dopo un'estate di pettegolezzi, Heidi Klum ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia e smettere di cercare uomini che la facciano sentire giovane.
Firme
CONDIVIDI
Cara Heidi Klum, mollare un trentenne è sempre un'ottima idea
Dopo un'estate di pettegolezzi, la modella ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia di accoppiamento
Con una stretta di mano al summit sull'ambiente dell'Onu, Gisele Bündchen ha mandato un messaggio al marito Tom Brady: tu stai al tuo posto, ché al tavolo dei grandi mi siedo io.
Firme
CONDIVIDI
Cara Gisele Bündchen, sei meglio di tuo marito
Tuo marito ha sposato la più bella del reame, che si accontenti: al tavolo dei grandi siedi tu
figli bamboccioni casa
Firme
CONDIVIDI
Quel che si perdono i figli bamboccioni
La sindrome dell'impostore applicata agli immobili: ce la spiega l'attrice di Scandal Katie Lowes
Maria Sharapova ha scritto un libro, Unstoppable, in cui non riesce a confessare una semplice verità: Serena Williams l'ha battuta sul campo da tennis 19 volte di seguito perché è più forte.
Firme
CONDIVIDI
Cara Maria Sharapova, ogni tennista è un'isola
Ma pure su quest'isola la notizia deve essere arrivata: Serena Williams non ti batte perché ti odia, ti batte perché è più forte di te
Quanto ci mancano gli uomini all'antica
Firme
CONDIVIDI
Quanto ci mancano gli uomini all'antica
Con la scusa che noi «vogliamo tutto» fidanzati e mariti si sono messi comodi e ci fanno fare tutto: gli straordinari e la cena