Milano Zucchero e Catrame, cosa ho capito dopo 1 anno in questa città

Milano mi ha cambiato il metabolismo e anche i pensieri, mettendoli tutti in fila, ordinati, uno dietro l'altro, come un domino, come una lunga lista di buoni propositi da spuntare. Ci sono cose che ho fatto e altre che ancora mi aspettano

Più Popolare
Advertisement - Continue Reading Below

Canzone per leggere l'umore: Some kind of love, The Killers

La verità è che non ho mai amato la fine delle storie.

La sfida era quella di raccontare il mio primo anno a Milano e ora ci siamo: questo è il mio ultimo resoconto da expat romano sotto la Madonnina.

Per dodici mesi ho rubato con gli occhi, il cuore e la pancia.

Milano mi ha cambiato il metabolismo e anche i pensieri, mettendoli tutti in fila, ordinati, uno dietro l'altro, come un domino, come una lunga lista di buoni propositi da spuntare. Ci sono cose che ho fatto e altre che ancora mi aspettano.

Più Popolare

Ma non ho fretta, adesso cerco il ritmo, la velocità giusta, la fine della sbronza iniziale. La vita.

Tutto è volato alla velocità della luce, senza neanche accorgermene sono cambiato anche io. Sono diventato più pragmatico, ho perso quella cattiva abitudine del "vabbè, facciamo domani". Sto iniziando ad amare gli aperitivi (senza esagerare) e a essere meno impulsivo. Serviva cambiare città? Sì, ne sono certo. Avevo bisogno di un cambiamento drastico nelle mie abitudini e cercarne di altre. Sono stato costretto a girare, a tirare su gli occhi per vedere la città da tutte le prospettive.

Milano e la mia casa in via Orti.

Milano e la brioche vuota.

Milano dove tutto è vicino e dove puoi fare più di una cosa al giorno.

Milano e tutte le persone che ho incontrato.

Milano e la settimana della moda, del mobile, del fumetto, dell'artigianato, del collezionismo, del qualsiasi cosa ti viene in mente.

Milano dell'educazione e del senso civico.

Milano che riesce a trovare un nome figo anche a un quartiere oggettivamente brutto (NOLO!!!).

Milano e i Navigli, il Monumentale e lo stadio, che ha la fermata della metro. Lilla.

Milano e la focaccia, non pizza bianca.

Milano e la creatività che si respira, come a Berlino.

Mi sono tolto la giacca pariolina e mi sono semplicemente vestito da quello che sono oggi. Un trentanovenne che si annoia con grandissima facilità, alla ricerca di una stabilità emotiva con sé stesso. Mi sono messo a giocare un'altra partita, cercando di non barare, chiedendo aiuto quando serviva, tornando a Roma quando chiamava. È che nella mia vita ho sempre cercato uscite di sicurezza, un modo per scappare, o per riprendere il fiato, ma alla fine ho capito che per me la sfida era rimanere e resistere.

Non solo ce l'ho fatta, ma ora "me senti un po' milanes anca mi".

More from Gioia!:
vestiti costosi
Firme
CONDIVIDI
Noi, che l'abito costoso vogliamo ammortizzarlo
Da quando ci sono i cellulari con fotocamera quel completo risolutivo non puoi più indossarlo senza sembrare una che non si cambia mai
scrivere gratis
Firme
CONDIVIDI
Scrivete solo se qualcuno vi paga
Conosco gente che scrive decine di cartelle non retribuite su siti senza budget: come mai non distinguono un hobby da un mestiere?
Fine anno 2017 cosa tenere cosa buttare
Firme
CONDIVIDI
Cosa vuoi tenere e cosa vuoi buttare del 2017?
Butto le frasi retoriche e le parole a vanvera, tengo le battaglie delle donne e la loro forza inesauribile
Angela Lansbury, in un'intervista a Radio Times, ha parlato di donne, molestie e responsabilità: la reazione del web è stata immediata e scomposta
Firme
CONDIVIDI
Cara Angela, con noi giovani bisogna avere pazienza (siamo scemi)
Per quanto complessa sia la questione delle molestie, la nostra reazione è sempre a misura di tweet
Natale amore odio
Firme
CONDIVIDI
Con il Natale non ci sono mezze misure: o si è lovers o si è haters
Il mondo si divide in due categorie, quelli che lo amano e quelli che lo odiano: a me fa simpatia, ma sono un disastro con gli addobbi
Insieme al marito John Legend, Chrissy Teigen ha annunciato sui social la sua seconda gravidanza, ottenuta attraverso la fecondazione in vitro, come ha sempre raccontato con sana disinvoltura.
Firme
CONDIVIDI
Cara Chrissy, servono anche i figli maschi
Il tuo lo sarà perché, come hai spiegato disinvolta, "è l'unico embrione rimasto", e ti tornerà utilissimo
Madre e figlia rapporto
Firme
CONDIVIDI
L'amore di una mamma può essere una coperta che soffoca
Ci sono mamme che ti tirano a fondo e mamme che ti buttano lontano, perché sanno che appartieni al mondo
Se venisse confermato l'annullamento dell'assegno di divorzio stabilito dalla Corte d'appello di Milano, la ex-moglie di Berlusconi, Veronica Lario, dovrebbe rivedere il suo stile di vita, ecco alcuni consigli.
Firme
CONDIVIDI
Cara Veronica, se serve facciamo una colletta
Silvio rivuole indietro 43 milioni, e la parsimonia logora. Per riprenderti è necessaria una crociera nei mari del sud
Firme
CONDIVIDI
Com'era moderna Mary Astor, e ciò che scriveva sui suoi diari bollenti lo dimostra
Anche lei non sapeva che nessun adulterio può essere davvero segreto: una così, oggi, darebbe il voto agli amanti su Facebook
Violenza sulle donne stereotipi da eliminare
Firme
CONDIVIDI
C'è solo un modo per sradicare la violenza sulle donne
Bisogna sradicare anzitutto gli stereotipi di genere, per cambiare la mentalità che accetta e tollera gli abusi fisici e sessuali