Milano Zucchero e Catrame: il potere dell'amore renderà possibile l'integrazione

Calcolando che già ad oggi il cognome più diffuso a Milano non è Brambilla, ma Hu e ormai iniziano a esserci generazioni di cinesi milanesi doc, credo che nel giro di pochissimo l'amore spazzerà via tutto e crollerà il loro schema economico perfetto. Potere dell'integrazione. Potere dei sentimenti.

Più Popolare
Advertisement - Continue Reading Below

Canzone per leggere l'umore: China Girl di David Bowie.

Sono sempre stato curioso delle vite degli altri. A volte posso sembrare quasi invadente, ma non ci posso fare nulla. Sono le storie che mi rapiscono, le avventure passate, ma soprattutto le traiettorie e le coincidenze che l'hanno portato dove si trova adesso. E quindi, come se fossi un matto di quartiere, ci sono giorni dove non posso che fare domande. Una dietro l'altra. Fino allo sfinimento.

Più Popolare

(Se mi incontrate: scappate!)

La mia ultima vittima è Lei Lei, ragazzo cinese, ma ormai super milanese, che per brevità si fa chiamare Lelè. Ha un ristorante di cucina italiana, L'angelo Azzurro in Via Battistotti Sassi. Al di là di come si mangia, bene, ma non è per questo che ve ne parlo: Lelè per me è stata una vera e propria scoperta.

Da una semplice chiacchiera siamo arrivati al punto che era seduto con me al tavolo tra vino, una cotoletta e un prosciutto e melone. Il tutto condito da storie di vita.

È un lavoratore infaticabile, occhio sveglissimo, 26 anni, con 2 figli (un maschio e una femmina), una moglie, una famiglia, i genitori da mantenere.

«Adesso tocca a me pensare a tutti!», dice con molta serenità.

Adora le belle macchine, non ama il calcio, ma se deve proprio tifare per una squadra mi ha detto che il Milan è in cima alle sue preferenze.

Ma, onestamente, l'aspetto, o meglio il dettaglio, che mi ha colpito di più è il tipo di rapporto che ha con il denaro. Tutto ruota, senza vergogna, intorno a quello. La comunità cinese è un circolo chiuso, collegato, unito, e i soldi che guadagnano con il duro, durissimo lavoro, rimangono esclusivamente tra di loro. Si aiutano, si sostengono, condividono. Un'economia perfetta. Ma c'è un bug a cui Lelè non ha pensato e che, secondo me, potrebbe essere una trama di un film. Si sposano tra di loro, senza se e senza ma, a volte i matrimoni sono anche combinati dalle famiglie e per ogni figlia concessa in sposa, avviene una vera propria transazione. Lelè mi ha detto che la media è di 10.888 mila euro (l'otto nella cifra ci deve sempre essere: nella tradizione cinese è un numero fortunato). Sposandosi tra loro, in realtà questi soldi alla fine girano sempre nel loro mondo e non si disperdono. Da un punto di vista economico, trovo questo schema perfetto. Ma qual è il bug?

L'amore. Vi spiego quello che penso. Calcolando che già ad oggi il cognome più diffuso a Milano non è Brambilla, ma Hu e ormai iniziano a esserci generazioni di cinesi milanesi doc. Credo che nel giro di pochissimo l'amore spazzerà via tutto e crollerà il loro schema perfetto. Potere dell'integrazione. Potere dei sentimenti.

Ho provato a dirlo a Lelè, ma mi ha guardato male e non credo che abbia colto la mia riflessione. Il cambiamento ci sarà, è inevitabile, ma ci vorrà tempo e senza alcun dubbio riusciranno a coglierne, come fanno sempre, tutti i benefici.

Nel frattempo, forza Lelè!

E andate a trovarlo.

More from Gioia!:
Kim Cattrall ha deciso di non partecipare alla riesumazione di Sex and the City, e quindi il terzo film della serie non si farà: sarah Jessica Parker e le altre non l'hanno presa bene.
Firme
CONDIVIDI
Cara Kim, nessuna smette quando vuole
Messaggio per l'attrice di Sex and the City: e se avere dei figli ritardasse la presa in carico della propria libertà?
Harvey Weinstein accuse stupro
Firme
CONDIVIDI
A proposito di Harvey Weinstein: quando è violenza e quando è solo vita
Se mettiamo nella categoria «stupro» chiunque ci provi e ci faccia sentire dieci minuti a disagio, prevedo l'estinzione dell'umanità
Voglio essere magra
Firme
CONDIVIDI
Io che volevo essere magra più di tutto
Ma c'è una bella differenza tra la ricerca del proprio peso forma e la fissazione per il corpo esile a tutti i costi
Ius soli autogol sinistra
Firme
CONDIVIDI
Ius soli, l'autogol della sinistra
Il disegno di legge muore in Parlamento perché Alfano non lo vuole e perché il centrosinistra si è subito arreso
Dopo un'estate di pettegolezzi, Heidi Klum ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia e smettere di cercare uomini che la facciano sentire giovane.
Firme
CONDIVIDI
Cara Heidi Klum, mollare un trentenne è sempre un'ottima idea
Dopo un'estate di pettegolezzi, la modella ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia di accoppiamento
Con una stretta di mano al summit sull'ambiente dell'Onu, Gisele Bündchen ha mandato un messaggio al marito Tom Brady: tu stai al tuo posto, ché al tavolo dei grandi mi siedo io.
Firme
CONDIVIDI
Cara Gisele Bündchen, sei meglio di tuo marito
Tuo marito ha sposato la più bella del reame, che si accontenti: al tavolo dei grandi siedi tu
figli bamboccioni casa
Firme
CONDIVIDI
Quel che si perdono i figli bamboccioni
La sindrome dell'impostore applicata agli immobili: ce la spiega l'attrice di Scandal Katie Lowes
Maria Sharapova ha scritto un libro, Unstoppable, in cui non riesce a confessare una semplice verità: Serena Williams l'ha battuta sul campo da tennis 19 volte di seguito perché è più forte.
Firme
CONDIVIDI
Cara Maria Sharapova, ogni tennista è un'isola
Ma pure su quest'isola la notizia deve essere arrivata: Serena Williams non ti batte perché ti odia, ti batte perché è più forte di te
Quanto ci mancano gli uomini all'antica
Firme
CONDIVIDI
Quanto ci mancano gli uomini all'antica
Con la scusa che noi «vogliamo tutto» fidanzati e mariti si sono messi comodi e ci fanno fare tutto: gli straordinari e la cena
Passatempi figli adolescenti cellulare internet
Firme
CONDIVIDI
Genitori, i giovani non sono così fessi
C'era un tempo in cui le cuffie del walkman annunciavano l'alienazione: i passatempi dei figli sembrano sempre la fine della civiltà