Emergenza migranti estate 2017: tutti addosso allo scafista

È lui il nuovo nemico assoluto, in carne e ossa: fermarlo è la priorità, la causa comune che ci autorizza a buttare a mare tutto il resto: le persone e i diritti, il bambino con l'acqua sporca, e pure un bel po' di coerenza

Più Popolare

In tempi troppo beceri persino per distrarsi con i refrain delle canzonette, il tormentone del Ferragosto 2017 è stato una parola secca, non priva d'una sua facile musicalità: «scafista». Avendo preso il posto di quell'altra, «invasione», un po' superata dai riscontri numerici e dall'evidenza, è ora la parola «scafista» a risuonare minacciosa, nelle conversazioni estive da bosco e da riviera; a imporsi sui social, quale chiave di lettura d'ogni analisi geopolitica alla buona, come nei titoli degli editoriali pensosi.

Advertisement - Continue Reading Below

Parola d'indubbia efficacia, tra l'altro. Se l'invasione era tutta da dimostrare, lo scafista certamente esiste: nuovo nemico assoluto, in carne e ossa. E allora, dagli allo scafista. Fermarlo è la priorità, la causa comune che ci autorizza a buttare a mare tutto il resto: le persone e i diritti, il bambino con l'acqua sporca, e pure un bel po' di coerenza. Salviamo esseri umani dalle grinfie del perfido scafista per incarcerarli in Libia dove, come ha recentemente chiarito l'inviato speciale dell'Alto commissariato Onu per il Mediterraneo centrale, «non ci sono campi o centri per i migranti, solo prigioni, alcune controllate dalle autorità, altre da milizie e trafficanti». Stringiamo accordi politici per affidare i profughi a chi non riconosce la Convenzione di Ginevra, ma con le ong siamo inflessibili, e soprattutto: guai a chi parla con chi guida la barca.

Più Popolare

Ma chi sarebbe, poi, questo famigerato, odioso «scafista»? Già un paio d'anni fa il sacerdote eritreo don Mussie Zerai aveva spiegato che, da quando è stato istituito il reato di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, i cosiddetti trafficanti di uomini preferiscono passare il timone a semplici migranti, ai quali viene magari offerta la traversata gratuita. Anche minori, ragazzini con qualche modesta esperienza marinara perché cresciuti in paesi di pescatori. Per il suo lungo e ben noto impegno umanitario, nel 2015 padre Zerai era tra i candidati al Nobel per la pace. Oggi il suo nome è iscritto nel registro degli indagati dalla Procura di Trapani: succede anche questo, nell'agosto del «dagli allo scafista».

(Nella foto d'apertura, la spiaggia Bogatell di Barcellona, trasformata da una ong spagnola in un monumento a cielo aperto ai migranti morti)

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Fate uno sforzo e provate a mettervi nei panni (e a vivere i casini) di Woody Allen e Mia Farrow
Ma siamo sicuri che se fossero successe le stesse cose a noi, gente normale, avremmo reagito più compostamente?
Firme
CONDIVIDI
Domanda: ma il Festival di Sanremo di Claudio Baglioni non doveva andare malissimo?
Perché Baglioni è un classico, il jukebox delle nostre vite, uno che ci fa saltare sul divano con le prime quattro note di La vita è adesso
Firme
CONDIVIDI
Cosa insegneranno mai a Yale a chi frequenta il corso sulla felicità (per la cronaca: il più seguito nella storia dell'Ateneo)?
Laura Santos ha dato il via al corso più seguito nella storia di Yale: Psychology and the good life, in poche parole come essere felici
Dissenso comune attrici italiane
Firme
CONDIVIDI
Contro le molestie ci vogliono i fatti: l'appello delle attrici italiane
124 firme nella lettera-manifesto "Dissenso comune" per riscrivere il rapporto tra i sessi: è la sfida del secolo e non possiamo perderla
Firme
CONDIVIDI
In che modo Gabriele Muccino ci rovinerà anche questo San Valentino?
Il regista di A casa tutti bene, al cinema dal 14 febbraio, sa delle cose di noi e delle nostre relazioni, e passa i film a sputtanarci
Firme
CONDIVIDI
Ci vuole insolenza per essere una principessa inglese e decidere di sposarsi quest'anno: Eugenia siamo con te
Ci vuole coraggio per decidere di sposarsi quest'anno nella cappella del castello di Windsor, esattamente come Harry e Meghan
Firme
CONDIVIDI
Le regole della coppia aperta? Sono fatte per essere infrante (come tutte le regole dell'umanità)
Nel suo libro La promessa, Sarah Dunn parla di relazioni extraconiugali, felicità e condizionatori
Firme
CONDIVIDI
Cos'è l'amore e perché rimane un mistero bellissimo che la scienza non sa spiegare
Aumentano le app di incontri, ma ci s'innamora sempre meno: è che abbiamo confuso la chimica dell'attrazione con le affinità
Donne vittime Il filo nascosto
Firme
CONDIVIDI
Finalmente al cinema anche le donne possono essere str**ze e bugiarde come gli uomini
È un progresso che ai personaggi femminili di film e serie tv sia offerta la stessa gamma di possibilità di quelli maschili
Donne vittime
Firme
CONDIVIDI
Donne e molestie: si può dire "no", ma non tutte ci riescono
Non si sceglie di essere prede, si accetta, ubbidendo a diktat millenari, per paura, vergogna, abitudine