Vacanze: è agosto, finalmente si parte!

Solo noi italiani viviamo l'estate con tale enfasi: ogni anno emigriamo letteralmente. Ovvio che poi ci si senta stressati già a metà settembre, al pensiero che si ricomincia con la vita di sempre

Più Popolare

Ci sono quelli che fanno le liste. Le liste possono salvare la vita, soprattutto ad agosto. Liste delle cose da mettere in valigia: non i costumi o le infradito, le scematine che ti scappano sempre (il dentifricio, le forbicine, gli assorbenti). Liste delle cose da fare a ridosso della partenza (ceretta, unghie, colore, tasse). Liste di cose da fare al momento della partenza (tapparelle, gas, allarme). Liste degli imprevisti possibili e dei rimedi (zanzare, cervicale, difterite, infarto). Poi ci sono quelli 
che improvvisano, perché tanto c'è tempo. Per fare il cambio-valuta. Per rinnovare il passaporto. Per fare l'assicurazione sanitaria. Per ritirare la gonna in lavanderia. Per trovare un buco dall'estetista. Per andare dal dentista a togliersi al volo una carie, ché se ti esplode un ascesso a Mykonos sono cavoli... Il tempo ovviamente quasi mai c'è, ma fa niente.

Advertisement - Continue Reading Below

I preparativi prima della partenza

I primi vivono sereni (non facendo vivere sereni gli altri, spesso, precisini come sono). I secondi no, convivendo con la perenne sensazione di aver dimenticato qualcosa. Il telo da mare, la Lonely Planet, il caricabatterie. Alcuni sono ossessivo-compulsivi e si mettono in macchina con l'angoscia di aver scordato qualcosa di fondamentale che metterà a repentaglio la tranquillità e la vita di tutti. Secondo un'indagine condotta su un campione di persone dai 30 ai 65 anni, gli incubi più frequenti sono: avrò spento il gas? Le finestre le avrò chiuse? E la porta? Sopraffatti da questi dubbi in genere ci si rovina la vacanza almeno fino al casello. Poi vabbè, chi s'è visto s'è visto. La casa può esplodere e i ladri organizzare feste danzanti con cristalli e argenterie di famiglia senza che la cosa ci turbi. Le ferie hanno un potere taumaturgico.

Più Popolare

Gli ultimi giorni di lavoro

Dai, che manca poco alla partenza, ci si incoraggia tra colleghi di scrivania o tra workaholics alle ultime colazioni di lavoro. Come se fossimo stati tutti ai lavori forzati per 11 mesi e ci dessero un mese di libertà vigilata. Come se un mese di stacco dal dovere e dalle rotture di balle ci fosse dovuto. E guai a sprecarlo, che poi si ricomincia. Solo da noi l'estate viene vissuta con una tale enfasi. In Italia le ferie sono argomento di discussione e diatribe da gennaio in giù. Strumento di ricatto per i capi, arma di negoziazione per scambi di favori. Altrove si fa "un giro della Corsica". Qui si migra letteralmente, con palinsesto ben organizzato tra prima settimana in montagna per disintossicarsi, viaggio all'estero per svagarsi, gran finale al mare "vicino casa" per prepararsi al rientro.

Il rientro

Ovvio che poi ci si senta stressati già a metà settembre, al pensiero che si ricomincia. 11 mesi ad aspettare le prossime vacanzone d'agosto, litigando nel frattempo per i ponti e l'Epifania, rompendo amicizie decennali di computer per i giorni della settimana bianca, meditando ripescaggi di licenze maternità mai consumate nella zona Cesarini del prepensionamento. Ma non basterebbe lavorare un po' meno o un po' meglio, concedendosi più tempo libero durante l'anno, più musei, più paesaggi, più tramonti, più serate in compagnia, per trasformare tutto l'anno in un benevolo agosto? Le soluzioni sono sempre a portata di mano. Ma a noi ci piace tanto litigare.

Maria Elena Viola, direttore di Gioia! Scrivetemi a: direttoregioia@hearst.it

More from Gioia!:
femminicidio: per le donne uccise dagli uomini l'allarme non scatta mai
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: per le donne l'allarme sicurezza non scatta mai
S'allunga la lista delle donne uccise dagli uomini che stavano loro accanto, ma si fa finta che le emergenze nazionali siano altre
Kaia Gerber, La figlia di Cindy Crawford è uno schianto, fa la modella, rilascia dichiarazioni ragionevolmente giudiziose, ma ecco perché non sarà mai irripetibile come la madre.
Firme
CONDIVIDI
Cara Cindy, tua figlia non sarà mai bella come te
La fotogenia si eredita, il mestiere si impara, l'irripetibilità è un accidente
Firme
CONDIVIDI
E tu dov'eri quando è morta la principessa Diana?
Lady D era il pezzetto di cultura popolare che univa noi e le nostre nonne: è scomparsa 20 anni fa, il 31 agosto 1997
nomofobia
Firme
CONDIVIDI
Compito per le vacanze: spegnere lo smartphone
Quando comincerete ad assaporare l'ebbrezza della non reperibilità vuol dire che ne siete fuori: si chiama ritorno alla vita, ed è...
Sostiene Monica Lewinski che gli uomini nuovi (come Brad Pitt o il principe Harry) sono finalmente diventati profondi, affascinanti, vulnerabili, e financo femministi: ma siamo sicure sia una vittoria?
Firme
CONDIVIDI
Cara Monica, la lagna è come l'amore: non si divide, si moltiplica
Capisco il sollievo del mal comune, ma non condivido il mezzo gaudio per l'improvvisa familiarità che certi famosi ostentano col crepacuore
Firme
CONDIVIDI
Se la celeb sembra (ma non è) una di noi
La prima fu Diana, l'ultima è Angelina Jolie che, forse per la crisi dei 40, dichiara di piangere nella doccia per non far preoccupare i...
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, quando i saluti più veri sono quelli tra te e te
Milano si comporta come Roma, quando la lasci non ti saluta, ma devi salutarla tu: quando ero adolescente prendevo il motorino e andavo...
woody-allen-guia-soncini
Firme
CONDIVIDI
Tutto quello che Woody Allen non ha mai detto sui gatti
«Preferirebbe stare mezz'ora in un ascensore al buio o una giornata in una suite piena di cani e gatti?». La sua risposta vi sorprenderà
Firme
CONDIVIDI
La parità come la intendono a Hollywood
«Prendere delle modelle, coprirle di lividi e farne delle eroine d'azione, da mostrare nude»: succede a Charlize Theron in Atomica bionda
Firme
CONDIVIDI
L'idea del matrimonio giusto è anacronistica
L'idea di garantirsi sicurezza e prestigio sposando un buon partito è fuori dal tempo e svilente. E fa male alle donne