Se la celeb sembra (ma non è) una di noi

La prima fu Diana, l'ultima è Angelina Jolie, che, forse per la crisi dei 40, dichiara di piangere nella doccia per non far preoccupare i suoi figli

Più Popolare

Una delle impronte più letali che Diana Spencer ha lasciato sul pianeta è quella degenerazione dei meccanismi della celebrità che potremmo riassumere nello slogan sono-una-di-voi. Sono-una-di-voi: ho sposato un erede al trono, ma credevo fosse un matrimonio d'amore. Sono-una-di-voi: non reggo lo stress di essere la più famosa del mondo e vomito in bagno. Sembro una divinità miliardaria, ma sono proprio come voi. Per qualche misterioso intoppo psicologico nella lucidità di noi plebaglia, il meccanismo funziona: non sappiamo più che farcene di dive che ci facciano sognare e sembrino irraggiungibili; vogliamo poster che ci facciano vedere la cellulite perché sì, potrebbero permettersi professionisti che rendano lisce le loro cosce, ma non li ingaggiano – giacché esse sono-una-di-noi.

Advertisement - Continue Reading Below

L'ultima è Angelina Jolie, tornata con un film da promuovere e una copertina dell'edizione americana di Vanity Fair che è la schizofrenia del sono-una-di-voi in purezza. Il bello di Angelina era che non era mai stata una-di-noi, neanche nelle più apparentemente populiste delle sue scelte. Certo, era una mamma, ma aveva sei figli e continuava a girare il mondo, salvare i poveri, fare film: mica era una-di-noi che col figlio unico già ci lamentiamo di non avere tempo per guardare il tg (per massimo di bullismo, era talmente non una-di-noi che per i sei figli sosteneva di non avere neanche una babysitter). Da giovane, poi, era stata tutto quel che noi ci saremmo sentite ridicole a essere: il fratello da limonare sul palco degli Oscar, il marito con la fiala di sangue al collo, la più fotogenica delle gioventù bruciate.

Più Popolare

Ma ora – probabilmente è la crisi dei quaranta, ci siamo passate tutte – Angelina è più dolente Diana Spencer che mai, più «sembro speciale ma sono fragile» come una fashion blogger di quart'ordine di quanto si sia disposte a sopportare, più aspirante ospite di Barbara D'Urso che «piango nella doccia per non far preoccupare i miei figli» (giuro, dice davvero questa cosa: si vede che i figli non hanno Google, c'è da star certi che l'intervista non la leggeranno mai e continueranno a non sapere che piange).

Nel servizio fotografico è magnifica come sempre, come d'altra parte lo è in ogni foto paparazzata che abbiamo visto in questi anni; dice che il divorzio l'ha così traumatizzata che ha i capelli grigi e ha avuto una paralisi d'un nervo che le ha immobilizzato mezza faccia: eppure ha sempre lo stesso aspetto, Nostra Signora Dei Lineamenti Simmetrici. Certo, se avesse detto «Sono sempre una figa spaziale: ho un dna fortunato, mica come voi» non sarebbe stata la nuova reginetta delle una-di-voi. Se solo evitiamo di guardare le foto e notare che anche con la menopausa precoce non ha messo su un etto, magari ci crediamo, che è una-di-noi.

Era già abbastanza fastidiosa l'influenza di Diana sulle altre (Kate Middleton parla delle fatiche della maternità come fosse una madre single che fa i turni in fabbrica: è una-di-noi, non ve n'eravate accorte?), ma anche Angelina che ride paziente quando il cane esce dalla piscina e s'accomoda sul divano nuovo è francamente troppo. E non funziona, Angie, per farci sentire simili a te: il tuo divano costa un anno di stipendio di una-di-noi, se il cane ci sale sopra da bagnato come minimo lo facciamo al forno, tutte noi.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Vi racconto come sono diventata la più grande esperta di capelli vivente e vi svelo tutto quello che ho imparato
Altro che sacchetti biodegradabili: voto il primo partito che faccia una legge per cui lo shampoo è incluso nel costo della piega
Oprah Winfrey Golden globes 2018
Firme
CONDIVIDI
Perché il discorso di Oprah sulle donne dovrebbe farci riflettere
Ma non occorre la molestia sessuale, basta la rinuncia costante 
alle nostre ambizioni a renderci ancora "sesso debole"
Rivoluzione bacio
Firme
CONDIVIDI
La strategia vincente per ottenere tutto quello che si vuole? Far sbroccare l'interlocutore
Così passa dalla parte del torto, come sa fare bene Stefania Sandrelli con Vittorio Gassman nel film La terrazza
Sessantotto anniversario 50 anni
Firme
CONDIVIDI
Il Sessantotto 50 anni dopo e le nuove rivoluzioni possibili
Abbiamo ripreso lo spirito creativo del '68, che ha appena compiuto 50 anni, per immaginare un mondo diverso
vestiti costosi
Firme
CONDIVIDI
Noi, che l'abito costoso vogliamo ammortizzarlo
Da quando ci sono i cellulari con fotocamera quel completo risolutivo non puoi più indossarlo senza sembrare una che non si cambia mai
scrivere gratis
Firme
CONDIVIDI
Scrivete solo se qualcuno vi paga
Conosco gente che scrive decine di cartelle non retribuite su siti senza budget: come mai non distinguono un hobby da un mestiere?
Fine anno 2017 cosa tenere cosa buttare
Firme
CONDIVIDI
Cosa vuoi tenere e cosa vuoi buttare del 2017?
Butto le frasi retoriche e le parole a vanvera, tengo le battaglie delle donne e la loro forza inesauribile
Angela Lansbury, in un'intervista a Radio Times, ha parlato di donne, molestie e responsabilità: la reazione del web è stata immediata e scomposta
Firme
CONDIVIDI
Cara Angela, con noi giovani bisogna avere pazienza (siamo scemi)
Per quanto complessa sia la questione delle molestie, la nostra reazione è sempre a misura di tweet
Natale amore odio
Firme
CONDIVIDI
Con il Natale non ci sono mezze misure: o si è lovers o si è haters
Il mondo si divide in due categorie, quelli che lo amano e quelli che lo odiano: a me fa simpatia, ma sono un disastro con gli addobbi
Insieme al marito John Legend, Chrissy Teigen ha annunciato sui social la sua seconda gravidanza, ottenuta attraverso la fecondazione in vitro, come ha sempre raccontato con sana disinvoltura.
Firme
CONDIVIDI
Cara Chrissy, servono anche i figli maschi
Il tuo lo sarà perché, come hai spiegato disinvolta, "è l'unico embrione rimasto", e ti tornerà utilissimo