Anche per Victoria Beckham vivere sui social non è facile

Su Facebook e Instagram ci sentiamo tutti come la famiglia più «posh» di Inghilterra: ci illudiamo di essere un brand e viviamo perennemente in scena, ma non sempre funziona

Più Popolare

Cara Victoria,

avere una vita non è mai stato così difficile.

Per il compleanno di Harper, tutti e tre i fratelli – persino Cruz, che non potrebbe avere un account Instagram perché non ha compiuto 13 anni, e infatti sotto hai provveduto a specificare che lo gestisce la società del manager di Justin Bieber, posso solo immaginare al termine di quali estenuanti contrattazioni – hanno postato una deliziosa foto con l'infanta per significarle i sensi del più devoto affetto. Mi figuro le raccomandazioni quella mattina a colazione: «Allora io vado: non giocate a pallone in salotto, fate almeno mezz'ora di compiti, e ricordatevi gli auguri a Harper prima di sera» – con lo stesso tono con cui mia madre mi diceva «telefona alla nonna, e sii gentile».

Advertisement - Continue Reading Below

Più Popolare

È perché voi siete un brand, dirai tu. Come le patatine: coi nomi registrati e tutto il resto. E se quella cavernicola di Stella McCartney si infuria quando la sua bambina di buone letture finisce sugli iPad di tutto il mondo, in quanto invitata al tè di Harper a Buckingham Palace, è uno squisito problema suo: come poteva pensare che il glorioso evento rimanesse privato? O almeno: così mi ha risposto un'amica, quarantenne debuttante, quando le ho fatto notare che le foto della sua festa erano pubbliche e – nel mio piccolo mondo povero – praticamente dappertutto. (Non mi sono «infuriata», lo giuro, però avrei molto gradito i diritti di approvazione, o almeno un uso più democratico di Photoshop).

Forse anche lei è un po' brand, e io un po' cavernicola. L'ostinazione di voi celebri a condividere la normalità – saggi di fine anno, picnic fuori porta, pisolini col mascara – ha finito per illudere noi normali di vivere come celebrità: perennemente in scena. Nelle immancabili foto dal mare, innanzitutto: la dolce vita dei bagni Moby Dick. Nelle dichiarazioni d'amore il giorno dell'anniversario: per fortuna che Facebook si ricorda la data. Nelle figliolanze rappresentate con pignoleria: dalla linea sul test di gravidanza alla seconda (eccellentissima) laurea. Ma anche nella malattia, nel dolore, nel lutto.

Ora: io lo so che ognuno soffre come può. E che la vita somiglia a quello che succede su Facebook: uno che piange, uno che ride, uno che parla di cose che non sa. Ma come devo reagire alla notizia della morte della (presumo ultracentenaria) «adorata nonnina» di un collega di tre lavori fa? Una faccetta triste è un tributo adeguato? E per tragedie maggiori? Ci si aspetta un cuore? Un commento? Un telegramma? Non sono capace di reagire in pubblico a tanta desolata familiarità. Un social network serve quando sei felice, quando sei triste non ti serve a niente.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Vi racconto come sono diventata la più grande esperta di capelli vivente e vi svelo tutto quello che ho imparato
Altro che sacchetti biodegradabili: voto il primo partito che faccia una legge per cui lo shampoo è incluso nel costo della piega
Oprah Winfrey Golden globes 2018
Firme
CONDIVIDI
Perché il discorso di Oprah sulle donne dovrebbe farci riflettere
Ma non occorre la molestia sessuale, basta la rinuncia costante 
alle nostre ambizioni a renderci ancora "sesso debole"
Rivoluzione bacio
Firme
CONDIVIDI
La strategia vincente per ottenere tutto quello che si vuole? Far sbroccare l'interlocutore
Così passa dalla parte del torto, come sa fare bene Stefania Sandrelli con Vittorio Gassman nel film La terrazza
Sessantotto anniversario 50 anni
Firme
CONDIVIDI
Il Sessantotto 50 anni dopo e le nuove rivoluzioni possibili
Abbiamo ripreso lo spirito creativo del '68, che ha appena compiuto 50 anni, per immaginare un mondo diverso
vestiti costosi
Firme
CONDIVIDI
Noi, che l'abito costoso vogliamo ammortizzarlo
Da quando ci sono i cellulari con fotocamera quel completo risolutivo non puoi più indossarlo senza sembrare una che non si cambia mai
scrivere gratis
Firme
CONDIVIDI
Scrivete solo se qualcuno vi paga
Conosco gente che scrive decine di cartelle non retribuite su siti senza budget: come mai non distinguono un hobby da un mestiere?
Fine anno 2017 cosa tenere cosa buttare
Firme
CONDIVIDI
Cosa vuoi tenere e cosa vuoi buttare del 2017?
Butto le frasi retoriche e le parole a vanvera, tengo le battaglie delle donne e la loro forza inesauribile
Angela Lansbury, in un'intervista a Radio Times, ha parlato di donne, molestie e responsabilità: la reazione del web è stata immediata e scomposta
Firme
CONDIVIDI
Cara Angela, con noi giovani bisogna avere pazienza (siamo scemi)
Per quanto complessa sia la questione delle molestie, la nostra reazione è sempre a misura di tweet
Natale amore odio
Firme
CONDIVIDI
Con il Natale non ci sono mezze misure: o si è lovers o si è haters
Il mondo si divide in due categorie, quelli che lo amano e quelli che lo odiano: a me fa simpatia, ma sono un disastro con gli addobbi
Insieme al marito John Legend, Chrissy Teigen ha annunciato sui social la sua seconda gravidanza, ottenuta attraverso la fecondazione in vitro, come ha sempre raccontato con sana disinvoltura.
Firme
CONDIVIDI
Cara Chrissy, servono anche i figli maschi
Il tuo lo sarà perché, come hai spiegato disinvolta, "è l'unico embrione rimasto", e ti tornerà utilissimo