Che fortuna noi italiani con la sanità gratuita

Siamo così abituati all'illogica finzione della sanità gratuita che ci sembra ovvio pagare le tasse come un'italiana e l'assicurazione come un'americana

Qualche settimana fa mi hanno fatto una biopsia (tutto bene, grazie). Negli stessi giorni, ho compilato la dichiarazione dei redditi, e quindi il costo della biopsia mi ha particolarmente innervosita. Se avete mai pagato le tasse lo sapete: i primi 129 euro di spese mediche sono affaracci tuoi (detto educatamente: franchigia), dal centotrentesimo euro detrai, dal tuo reddito lordo, il 19 per cento – meno d'un quinto – di quel che hai speso.

Advertisement - Continue Reading Below

Ho letto, da quando è presidente Trump, centinaia di articoli indignati per il taglio dei fondi a organizzazioni come Planned parenthood, che tutelano la salute delle donne. La linea di tutti coloro che (giustamente) difendono l'accesso gratuito all'assistenza sanitaria in materia di riproduzione e non solo è: la pillola anticoncezionale in certi casi è indispensabile (per chi soffre di endometriosi, per esempio), non si può renderla un costo insostenibile. Tutto giusto, condividiamo il loro sdegno.

Più Popolare

Ma io pago molte più tasse di un'americana che guadagni quanto me, e le pago perché vivo in un Paese in cui la sanità è pubblica, e lo Stato si accolla quel che negli Stati Uniti viene compensato da organizzazioni private – in teoria. In pratica, io mi pago la pillola da trent'anni, e nessuno se ne indigna. 19 euro per 13 cicli l'anno: 247 euro, nell'ipotesi dell'irrealtà in cui io non abbia mai un'altra spesa sanitaria (una carie, un dolore al ginocchio, una biopsia: qualsiasi altra cosa per cui paghi un medico privato o un ticket ospedaliero). Tolti dai 247 quei 129 che amen, ne restano 118, il 19 per cento dei quali mi verrà riconosciuto non come rimborso ma come detrazione dal mio reddito lordo: pagherò le tasse su 23 euro in meno, avendone spesi 247.

Ne parlavo con amici a cena e mi hanno guardato stupefatti: fatti un'assicurazione, no? Siamo così abituati all'illogica finzione della sanità gratuita che ci sembra ovvio pagare le tasse come un'italiana e l'assicurazione come un'americana. Però protestiamo perché la sanità sia gratuita. In America.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Cara Chrissy, grazie per averci fatto piangere (soprattutto quella volta lì)
Abbiamo un gran bisogno di consolazione, ma dobbiamo anche imparare a non dare sempre la colpa alla società
Jovanotti cita Dalla
Firme
CONDIVIDI
Jovanotti non teme l'effetto nostalgia
Nel brano Oh, vita!, anticipazione del nuovo album che esce a dicembre, cita Futura di Lucio Dalla: ci vuole coraggio per farlo
Firme
CONDIVIDI
Felicità è portare i pantaloni con l'elastico
Se hai deciso che non te ne frega niente di farti guardare, tirarti a lucido è una cosa che non serve quasi mai
Bellezza e diversità  Lupita Nyong'o
Firme
CONDIVIDI
La bellezza non è più femminile singolare
Oggi per distinguersi c'è un solo modo: essere diverse, come Lupita Nyong'o, che non rinuncia ai suoi capelli afro
È ufficiale: Chiara Ferragni e Fedez aspettano il loro primo figlio, ecco perché sarà un bambino molto fortunato.
Firme
CONDIVIDI
Cara Chiara, sarai una madre favolosa
Perché possiedi un superpotere fondamentale per sopravvivere a questi tempi qui
Mamme permalose bambini
Firme
CONDIVIDI
Nessuno è permaloso come una mamma
Le madri di oggi sono, nell'eloquio, indistinguibili da come scriverei una parodia di mia madre
Kris Jenner con la figlia Kim Kardashian
Firme
CONDIVIDI
Cara Kris, le Kardashian non esisterebbero senza di te
Nessuna delle tue figlie sarebbe così com'è ora se tu non avessi avuto l'idea di farne lo spettacolo di questa generazione
Parità stipendio donne
Firme
CONDIVIDI
Equo compenso, non si tratta solo di soldi
Quando pretendiamo una retribuzione pari a quella degli uomini per il nostro lavoro stiamo parlando anche di dignità
Figli calo nascite
Firme
CONDIVIDI
Ma tu un figlio lo vorresti?
Se è vero che i giovani rinunciano ad avere bambini per cause di forza maggiore, perché 
non sono arrabbiati?
Non più un intoccabile di Hollywood, il molestatore delle dive Harvey Weinstein ci obbliga a una riflessione in più: oltre all'indignazione e alla solidarietà, dobbiamo essere capaci di raffinare l'analisi ed emanciparci da ruolo di vittime perfette.
Firme
CONDIVIDI
Cara Blythe, le figlie devono imparare a difendersi da sole
Se Gwyneth è in grado di badare a se stessa, che bisogno aveva di una lettera della sua mamma al giornale che l'ha criticata?