Cara Helen, insegna la parità a tuo marito Pharrell (e agli altri papà pigri)

«Non ho mai cambiato un pannolino in vita mia», dice lui, «ma sono tanto stanco»: ecco come convincere un padre impunito ad alzarsi di notte

Più Popolare

Cara Helen,

non farti abbindolare.

Ti scrivo, nonostante tu non abbia fatto niente per meritartelo – mica sei famosa – perché sono preoccupata. Ho visto l'intervista a Pharrell, tuo marito. Quella in cui parla della vita con tre gemelli nuovi. L'ho vista: dice che fai tutto tu. L'ho rivista: dice di non aver mai cambiato un pannolino. L'ho vista un'altra volta: dice che sì, avete tate e domestici, ma la situazione resta pesantissima. Essi piangono, addirittura. È il caso più sfacciato di padre impunito mai diagnosticato.

Advertisement - Continue Reading Below

Più Popolare

La paternità, come l'inferno, si divide in gironi. Ci sono gli Entusiasti. Sono quelli che subito si scaricano le app, cominciano a misurare il tempo in settimane, e a metà del primo trimestre sono già guru del mercato dei passeggini. Hanno un'opinione su tutto – e blog, rubriche sui giornali, Instagram curatissimi e Twitter spiritosi per difenderla neanche fosse la Juventus. Arrivano a sera stremati, per questo non si alzano quando il ragazzino piange. Non lo sentono: mica è cattiveria.

Ci sono gli Ignavi. Vivono con un obiettivo: non avere le palle rotte. Fanno quello che gli viene chiesto – manco male – ma non prendono iniziative. Se interpellati, si proclamano artefici di parità: dovremmo ringraziarli. Per combatterli è stato perfezionato il concetto di «carico mentale» – una disegnatrice francese ne ha fatto un fumetto su Facebook, è diventata un'eroina – ovvero: «Ma mica me l'hai detto» non è una linea di difesa sufficiente se sei adulto, sono le nove di sera, io torno da una trasferta in Bangladesh e tu non hai neanche pensato di scaricare i menu del pizza express. Gli Ignavi di notte non si alzano, ma al mattino chiedono scusa: perché non li abbiamo svegliati?

Poi ci sono gli Impuniti. Gli Impuniti prosperano sulla convinzione – tradizionalmente materna – che ci vuole più tempo a spiegarlo (o a svegliarli) che a farlo da sole. Loro il problema del carico mentale lo hanno risolto così: bisogna fare come se non ci fossero. Il carico è lo stesso, ma una risparmia la fatica delle illusioni. Gli Impuniti sono sprovvisti di amor proprio, e possono rimbalzare per ore le richieste più elementari. Gli Impuniti di notte non si alzano, e al mattino protestano perché non sono riusciti a riposare.

Con tutti, dopo la mezzanotte, funziona una cosa sola, Helen. Le botte. Proprio: i calci. Forti. A mitraglia. Come fosse una lezione di Soul Cycle. In un paio di settimane anche il più pelandrone scatta al primo vagito. Nessun padre è più complicato di un cane di Pavlov.

More from Gioia!:
femminicidio: per le donne uccise dagli uomini l'allarme non scatta mai
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: per le donne l'allarme sicurezza non scatta mai
S'allunga la lista delle donne uccise dagli uomini che stavano loro accanto, ma si fa finta che le emergenze nazionali siano altre
Kaia Gerber, La figlia di Cindy Crawford è uno schianto, fa la modella, rilascia dichiarazioni ragionevolmente giudiziose, ma ecco perché non sarà mai irripetibile come la madre.
Firme
CONDIVIDI
Cara Cindy, tua figlia non sarà mai bella come te
La fotogenia si eredita, il mestiere si impara, l'irripetibilità è un accidente
Firme
CONDIVIDI
E tu dov'eri quando è morta la principessa Diana?
Lady D era il pezzetto di cultura popolare che univa noi e le nostre nonne: è scomparsa 20 anni fa, il 31 agosto 1997
nomofobia
Firme
CONDIVIDI
Compito per le vacanze: spegnere lo smartphone
Quando comincerete ad assaporare l'ebbrezza della non reperibilità vuol dire che ne siete fuori: si chiama ritorno alla vita, ed è...
Sostiene Monica Lewinski che gli uomini nuovi (come Brad Pitt o il principe Harry) sono finalmente diventati profondi, affascinanti, vulnerabili, e financo femministi: ma siamo sicure sia una vittoria?
Firme
CONDIVIDI
Cara Monica, la lagna è come l'amore: non si divide, si moltiplica
Capisco il sollievo del mal comune, ma non condivido il mezzo gaudio per l'improvvisa familiarità che certi famosi ostentano col crepacuore
Firme
CONDIVIDI
Se la celeb sembra (ma non è) una di noi
La prima fu Diana, l'ultima è Angelina Jolie che, forse per la crisi dei 40, dichiara di piangere nella doccia per non far preoccupare i...
Firme
CONDIVIDI
Vacanze: finalmente si parte!
Solo da noi l'estate viene vissuta con tale enfasi: qui si emigra letteralmente ed è tutto uno stress. Soprattutto al rientro
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, quando i saluti più veri sono quelli tra te e te
Milano si comporta come Roma, quando la lasci non ti saluta, ma devi salutarla tu: quando ero adolescente prendevo il motorino e andavo...
woody-allen-guia-soncini
Firme
CONDIVIDI
Tutto quello che Woody Allen non ha mai detto sui gatti
«Preferirebbe stare mezz'ora in un ascensore al buio o una giornata in una suite piena di cani e gatti?». La sua risposta vi sorprenderà
Firme
CONDIVIDI
La parità come la intendono a Hollywood
«Prendere delle modelle, coprirle di lividi e farne delle eroine d'azione, da mostrare nude»: succede a Charlize Theron in Atomica bionda