Milano Zucchero e Catrame, la dolce bellezza della solitudine

Mi sono accorto che dal primo luglio, Milano si trasforma nella città dei papà, che fingono tristezza nel rimanere soli

Più Popolare
Advertisement - Continue Reading Below

Canzone per leggere l'umore: Upside Down di Jack Johnson

Finalmente siamo arrivati a Luglio.

Milano, tra caldo afoso e temporali, inizia a cambiare aspetto scoprendo un lato romantico e malinconico, che non mi aspettavo.

Sarà una questione di luce diversa, di umori che cambiano, di un'allegria meno gridata, ma più sincera, sarà che l'estate in città mi ha sempre affascinato per il suo vestito più corto, ma più comodo, meno fashion, ma più intimo. Milano, come Roma, aumenta il suo fascino. È adesso che mi sento profondamente parte di questa città, perché è proprio adesso che ho il tempo di iniziare a catalogare i primi ricordi, a sentire la nostalgia dell'inverno e nello stesso tempo il desiderio di godermi l'oggi e il domani.

Più Popolare

Ma al di là delle mie paturnie emotive mi sono accorto che dal primo luglio, Milano si trasforma nella città dei papà, che fingono tristezza nel rimanere soli.

La città si svuota di mamme e bambini, che vengono parcheggiati in località balneari, soprattutto in Liguria e Versilia, mentre i padri con l'alibi del lavoro vivono il loro vero mese di vacanza: dal lunedì al venerdì ogni sera è perfetta per fare aperitivi, cene, dopocena, reunion con amici storici, partite di calcetto e bicchieri della staffa. Un lungo e infinito hangover settimanale da espiare poi nel fine settimana al ritorno dalla famiglia, quando puntuale arriva la domanda della moglie:

Tesoro, ti vedo stanco, lavori troppo, se vuoi torno a Milano per occuparmi di te.

Lei sa che tu non le dirai mai «sì», lei comunque non ha alcuna intenzione di tornare davvero, ma vuole e deve farti sudare freddo, per vedere nei tuoi occhi la fine della tua preziosissima libertà.

A luglio, a Milano c'è meno traffico e di riflesso più felicità e inevitabilmente aumentano anche le scappatelle extra-coniugali.

E le mogli?

Anche loro in riviera hanno un bel da fare, tra bagnini abbronzati e atletici maestri di tennis e cross fitness.

Tant'è che ho scoperto che l'Autostrada Serravalle tra Milano e Genova è chiamata, la via dei cornuti.

Al di là di tutto, ogni tanto, ritrovarsi a casa, da soli, senza nessuno, senza orari, ci serve per tornare a tempo con noi stessi. Meglio se poi apri la finestra e vedi il mare. Ma anche a Milano, e questa volta anche Roma, va benissimo.

More from Gioia!:
Violenza sulle donne stereotipi da eliminare
Firme
CONDIVIDI
C'è solo un modo per sradicare la violenza sulle donne
Bisogna sradicare anzitutto gli stereotipi di genere, per cambiare la mentalità che accetta e tollera gli abusi fisici e sessuali
Firme
CONDIVIDI
Cara Chrissy, grazie per averci fatto piangere (soprattutto quella volta lì)
Abbiamo un gran bisogno di consolazione, ma dobbiamo anche imparare a non dare sempre la colpa alla società
Jovanotti cita Dalla
Firme
CONDIVIDI
Jovanotti non teme l'effetto nostalgia
Nel brano Oh, vita!, anticipazione del nuovo album che esce a dicembre, cita Futura di Lucio Dalla: ci vuole coraggio per farlo
Firme
CONDIVIDI
Felicità è portare i pantaloni con l'elastico
Se hai deciso che non te ne frega niente di farti guardare, tirarti a lucido è una cosa che non serve quasi mai
Bellezza e diversità  Lupita Nyong'o
Firme
CONDIVIDI
La bellezza non è più femminile singolare
Oggi per distinguersi c'è un solo modo: essere diverse, come Lupita Nyong'o, che non rinuncia ai suoi capelli afro
È ufficiale: Chiara Ferragni e Fedez aspettano il loro primo figlio, ecco perché sarà un bambino molto fortunato.
Firme
CONDIVIDI
Cara Chiara, sarai una madre favolosa
Perché possiedi un superpotere fondamentale per sopravvivere a questi tempi qui
Mamme permalose bambini
Firme
CONDIVIDI
Nessuno è permaloso come una mamma
Le madri di oggi sono, nell'eloquio, indistinguibili da come scriverei una parodia di mia madre
Kris Jenner con la figlia Kim Kardashian
Firme
CONDIVIDI
Cara Kris, le Kardashian non esisterebbero senza di te
Nessuna delle tue figlie sarebbe così com'è ora se tu non avessi avuto l'idea di farne lo spettacolo di questa generazione
Parità stipendio donne
Firme
CONDIVIDI
Equo compenso, non si tratta solo di soldi
Quando pretendiamo una retribuzione pari a quella degli uomini per il nostro lavoro stiamo parlando anche di dignità
Figli calo nascite
Firme
CONDIVIDI
Ma tu un figlio lo vorresti?
Se è vero che i giovani rinunciano ad avere bambini per cause di forza maggiore, perché 
non sono arrabbiati?