Milano Zucchero e Catrame, l'incontro illuminante con un artista sconosciuto

È timido e riservato, STERPO, ma quando inizia a parlare della sua arte prende fuoco come un fiammifero

Più Popolare
Advertisement - Continue Reading Below

Canzone per leggere l'umore: Young Lady, You're Scaring me di Ron Gallo

Un po' di tempo fa sono stato invitato a cena da un mio caro amico.

Ero stanco, provato dal caldo, con quel desiderio addosso di andare a casa e basta, bisognoso di ricaricarmi trasformandomi in larva e lasciare il segno sul divano. Alla fine, però, sono uscito. E ho fatto bene. Benissimo. Ho incontrato una persona fantastica.

Più Popolare

Tutti amici che più o meno conoscevo, io in ritardo perché la macchinina in sharing non voleva farmi chiudere il noleggio, ed ecco che, nella lotta silenziosa e meschina della scelta dei posti a tavola, quella per chi avere accanto o di fronte, sono capitato vicino all'unico che non conoscevo. Superato il solito imbarazzo iniziale, ho conosciuto STERPO, poster-artist, trentasei anni, veneziano che vive a Milano dal 2012.

Mi spiega subito che il suo problema è la timidezza (forse la sta vincendo, allora…).

«Non mi piace mostrare il mio viso sui social. Non è snobismo, il mio, è solo odio per le luci puntate addosso. Non mi piace essere al centro dell'attenzione. E poi la verità è che le mie opere sono più interessanti di me».

È timido e riservato, STERPO, ma quando inizia a parlare di quello che fa prende fuoco come un fiammifero. Lui si definisce un mero artigiano, uno che ha un approccio infantile all'arte ma che tanto tutto si riduce sempre, come dice lui, a una cosa soltanto. Le opere piacciono o no?

Advertisement - Continue Reading Below

A me piacciono tantissimo, per quello che può contare, ma la cosa che mi intriga di più è la totale abnegazione alla sua decisione.

«Non riesco ancora a vivere solo delle mie opere, nel frattempo faccio altre mille cose per arrivare a fine mese, ma non mi importa: prima o poi ce la farò».

Ha lasciato un posto sicuro e una vita normale - aveva una libreria di famiglia a Venezia - per trasferirsi a Milano e inseguire non un sogno ma un obiettivo.

«Io non sogno di diventare un artista, quello lo sono già, me lo sento dentro. Io voglio realizzarmi e vivere della cosa che amo di più. Lo devo a me stesso, ci devo provare».

Lo ammetto, quando incontro persone così, io divento automaticamente un loro super fan. Sono rapito dalla fermezza, dal desiderio incondizionato di comunicare un'idea e dal contrasto che c'è tra quello che esprimono con le loro opere e il loro carattere. Un po' come Superman: timido giornalista e al tempo stesso supereroe invincibile.

Advertisement - Continue Reading Below

Da quella sera ho continuato a vederlo, frequentarlo, da appassionato ho sempre sognato di vedere un artista all'opera, qualsiasi cosa faccia.

Quello che fa sembra banale, ma è l'idea in sé e la convinzione di come lo fa che lo rendono credibile.

«Io taglio poster, fogli, immagini che mi rapiscono, e ne cambio il senso e il design iniziale. È come fare una cover acustica di un pezzo dei Metallica».

La canzone è quella ma l'emozione un'altra.

Semplice ma efficace, potente, affascinante.

Ma la risposta più interessante me la dà su Milano.

«È la città del tranello, della bugia, dei vestiti e dei grandi palazzi, ma soprattutto è la città che sta rubando l'arte a Roma. Qui ci sono possibilità e questo mi basta».

Se vi va, e vi piace, seguitelo su Instagram, io intanto esco e vado a prendere una birra con lui.

Prosit!

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Fate uno sforzo e provate a mettervi nei panni (e a vivere i casini) di Woody Allen e Mia Farrow
Ma siamo sicuri che se fossero successe le stesse cose a noi, gente normale, avremmo reagito più compostamente?
Firme
CONDIVIDI
Cosa insegneranno mai a Yale a chi frequenta il corso sulla felicità (per la cronaca: il più seguito nella storia dell'Ateneo)?
Laura Santos ha dato il via al corso più seguito nella storia di Yale: Psychology and the good life, in poche parole come essere felici
Dissenso comune attrici italiane
Firme
CONDIVIDI
Contro le molestie ci vogliono i fatti: l'appello delle attrici italiane
124 firme nella lettera-manifesto "Dissenso comune" per riscrivere il rapporto tra i sessi: è la sfida del secolo e non possiamo perderla
Firme
CONDIVIDI
In che modo Gabriele Muccino ci rovinerà anche questo San Valentino?
Il regista di A casa tutti bene, al cinema dal 14 febbraio, sa delle cose di noi e delle nostre relazioni, e passa i film a sputtanarci
Firme
CONDIVIDI
Ci vuole insolenza per essere una principessa inglese e decidere di sposarsi quest'anno: Eugenia siamo con te
Ci vuole coraggio per decidere di sposarsi quest'anno nella cappella del castello di Windsor, esattamente come Harry e Meghan
Firme
CONDIVIDI
Le regole della coppia aperta? Sono fatte per essere infrante (come tutte le regole dell'umanità)
Nel suo libro La promessa, Sarah Dunn parla di relazioni extraconiugali, felicità e condizionatori
Firme
CONDIVIDI
Cos'è l'amore e perché rimane un mistero bellissimo che la scienza non sa spiegare
Aumentano le app di incontri, ma ci s'innamora sempre meno: è che abbiamo confuso la chimica dell'attrazione con le affinità
Donne vittime Il filo nascosto
Firme
CONDIVIDI
Finalmente al cinema anche le donne possono essere str**ze e bugiarde come gli uomini
È un progresso che ai personaggi femminili di film e serie tv sia offerta la stessa gamma di possibilità di quelli maschili
Donne vittime
Firme
CONDIVIDI
Donne e molestie: si può dire "no", ma non tutte ci riescono
Non si sceglie di essere prede, si accetta, ubbidendo a diktat millenari, per paura, vergogna, abitudine
Ivanka Trump candidata presidente Usa
Firme
CONDIVIDI
Ivanka Trump, da first daughter a prima presidente donna degli Stati Uniti nel giro di un anno?
Le vittorie improbabili sono un talento di famiglia: la figlia favorita di Trump potrebbe anche diventare il primo presidente donna degli...