Milano Zucchero e Catrame, come sopravvivere al caldo (la triste verità)

«Milano città del nord e quindi fresca» mai luogo comune è stato più errato e lo scopri (tristemente) solo vivendoci

Più Popolare
Advertisement - Continue Reading Below

Canzone per leggere l'umore: Ti amo dei Phoenix

Ok, lo ammetto, non ero pronto.

Se qualcuno di voi in questi giorni si stava chiedendo cosa stessi facendo a Milano, sappiate che al di là degli impegni prettamente professionali, la settimana è stata dedicata solo ed esclusivamente alla mia personale sopravvivenza. Sarà l'età, sarà che il luogo comune «Milano città del nord e quindi fresca» mi ha condizionato, sarà…

Più Popolare

Ma vivere con una temperatura in stile Emirati Arabi, mi ha prosciugato.

Quando ho preso casa, il fatto che fosse esposta ventiquattro ore su ventiquattro al sole, è stata una delle caratteristiche che mi ha spinto a prenderla. Luce, luce sempre, luce che batte in ogni angolo dell'appartamento, luce che illumina fino al tramonto. Bello, bellissimo tutto, bella la sensazione, bello. Mai avrei immaginato una situazione metereologica del genere.

Lo dico senza alcuna remora, ho creduto di impazzire.

In casa non ho l'aria condizionata e come potete immaginare ho cercato di rimuovere il problema facendo finta di niente. Giorno dopo giorno ho vissuto inerme l'evolvere della situazione.

Lunedì.

Sì caldo, ma assolutamente gestibile. La mattina guardandomi allo specchio con aria tronfia e voce impostata da film ho detto frasi come: «È questo quello che sai fare? Tutto qui?».

Martedì.

Qualcuno deve avermi preso alla lettera e la situazione è precipitata. Risveglio più difficile, discretamente sudato e consapevolezza che sarebbe stato solo l'inizio.

Mercoledì.

Era davvero solo l'inizio. Durante la notte ho cercato di creare correnti di refrigerio, aprendo finestre e porte con fare scientifico, capendo in maniera ancora più netta che la mia preparazione di fisica degli elementi è davvero scadente. Notte in bianco in stile Trainspotting. Vedevo draghi ed elfi sudati.

Giovedì.

Ho toccato il fondo. Credo che non ci sia bisogno di scrivere nulla se non allegare una foto per farvi vedere dove ho tentato di dormire.

Venerdì.

Ho dovuto cedere, abdicare, soccombere alla realtà.

Ho obbligato un mio caro amico ad accompagnarmi per andare a comprare l'oggetto più brutto, rumoroso, fastidioso che sia mai stato inventato. "Il condizionatore". Ve lo giuro, lo odio.

È un po' come giocare in una casa al "trova l'errore".

C'hai messo mesi per rendere il tuo nido una diramazione del tuo carattere, il quadro lì, il tavolino di là, la libreria così… ma poi l'occhio si abbassa un istante, catturato da qualcosa che proprio non torna e lo vede lì, pesante, con il suo tubo cafone.

Allego foto per dimostrare la mia disperazione.

Ma una volta acceso la vita è ricominciata a scorrere.

Modalità sedici gradi e ventiquattro ore di massima potenza, cancellando in un istante le notti in cui lasciavo la mia sindone sulle lenzuola e l'inferno vissuto a occhi aperti, per trasportarlo a casa nel giorno più caldo di cui io abbia memoria.

Finalmente, però, posso riniziare a vivere e tornare a scoprire la città.

Allego foto per mostrarvi l'orrido oggetto.

More from Gioia!:
Jovanotti cita Dalla
Firme
CONDIVIDI
Jovanotti non teme l'effetto nostalgia
Nel brano Oh, vita!, anticipazione del nuovo album che esce a dicembre, cita Futura di Lucio Dalla: ci vuole coraggio per farlo
Firme
CONDIVIDI
Felicità è portare i pantaloni con l'elastico
Se hai deciso che non te ne frega niente di farti guardare, tirarti a lucido è una cosa che non serve quasi mai
Bellezza e diversità  Lupita Nyong'o
Firme
CONDIVIDI
La bellezza non è più femminile singolare
Oggi per distinguersi c'è un solo modo: essere diverse, come Lupita Nyong'o, che non rinuncia ai suoi capelli afro
È ufficiale: Chiara Ferragni e Fedez aspettano il loro primo figlio, ecco perché sarà un bambino molto fortunato.
Firme
CONDIVIDI
Cara Chiara, sarai una madre favolosa
Perché possiedi un superpotere fondamentale per sopravvivere a questi tempi qui
Mamme permalose bambini
Firme
CONDIVIDI
Nessuno è permaloso come una mamma
Le madri di oggi sono, nell'eloquio, indistinguibili da come scriverei una parodia di mia madre
Kris Jenner con la figlia Kim Kardashian
Firme
CONDIVIDI
Cara Kris, le Kardashian non esisterebbero senza di te
Nessuna delle tue figlie sarebbe così com'è ora se tu non avessi avuto l'idea di farne lo spettacolo di questa generazione
Parità stipendio donne
Firme
CONDIVIDI
Equo compenso, non si tratta solo di soldi
Quando pretendiamo una retribuzione pari a quella degli uomini per il nostro lavoro stiamo parlando anche di dignità
Figli calo nascite
Firme
CONDIVIDI
Ma tu un figlio lo vorresti?
Se è vero che i giovani rinunciano ad avere bambini per cause di forza maggiore, perché 
non sono arrabbiati?
Non più un intoccabile di Hollywood, il molestatore delle dive Harvey Weinstein ci obbliga a una riflessione in più: oltre all'indignazione e alla solidarietà, dobbiamo essere capaci di raffinare l'analisi ed emanciparci da ruolo di vittime perfette.
Firme
CONDIVIDI
Cara Blythe, le figlie devono imparare a difendersi da sole
Se Gwyneth è in grado di badare a se stessa, che bisogno aveva di una lettera della sua mamma al giornale che l'ha criticata?
Firme
CONDIVIDI
Il maniaco senza qualità è peggio di Weinstein
C'è chi pensa di poterti saltare addosso senza possedere punti di forza evidenti, e senza che tu gli abbia dato il via libera