Milano Zucchero e Catrame, come sopravvivere al caldo (la triste verità)

«Milano città del nord e quindi fresca» mai luogo comune è stato più errato e lo scopri (tristemente) solo vivendoci

Più Popolare
Advertisement - Continue Reading Below

Canzone per leggere l'umore: Ti amo dei Phoenix

Ok, lo ammetto, non ero pronto.

Se qualcuno di voi in questi giorni si stava chiedendo cosa stessi facendo a Milano, sappiate che al di là degli impegni prettamente professionali, la settimana è stata dedicata solo ed esclusivamente alla mia personale sopravvivenza. Sarà l'età, sarà che il luogo comune «Milano città del nord e quindi fresca» mi ha condizionato, sarà…

Più Popolare

Ma vivere con una temperatura in stile Emirati Arabi, mi ha prosciugato.

Quando ho preso casa, il fatto che fosse esposta ventiquattro ore su ventiquattro al sole, è stata una delle caratteristiche che mi ha spinto a prenderla. Luce, luce sempre, luce che batte in ogni angolo dell'appartamento, luce che illumina fino al tramonto. Bello, bellissimo tutto, bella la sensazione, bello. Mai avrei immaginato una situazione metereologica del genere.

Lo dico senza alcuna remora, ho creduto di impazzire.

In casa non ho l'aria condizionata e come potete immaginare ho cercato di rimuovere il problema facendo finta di niente. Giorno dopo giorno ho vissuto inerme l'evolvere della situazione.

Lunedì.

Sì caldo, ma assolutamente gestibile. La mattina guardandomi allo specchio con aria tronfia e voce impostata da film ho detto frasi come: «È questo quello che sai fare? Tutto qui?».

Martedì.

Qualcuno deve avermi preso alla lettera e la situazione è precipitata. Risveglio più difficile, discretamente sudato e consapevolezza che sarebbe stato solo l'inizio.

Mercoledì.

Era davvero solo l'inizio. Durante la notte ho cercato di creare correnti di refrigerio, aprendo finestre e porte con fare scientifico, capendo in maniera ancora più netta che la mia preparazione di fisica degli elementi è davvero scadente. Notte in bianco in stile Trainspotting. Vedevo draghi ed elfi sudati.

Giovedì.

Ho toccato il fondo. Credo che non ci sia bisogno di scrivere nulla se non allegare una foto per farvi vedere dove ho tentato di dormire.

Venerdì.

Ho dovuto cedere, abdicare, soccombere alla realtà.

Ho obbligato un mio caro amico ad accompagnarmi per andare a comprare l'oggetto più brutto, rumoroso, fastidioso che sia mai stato inventato. "Il condizionatore". Ve lo giuro, lo odio.

È un po' come giocare in una casa al "trova l'errore".

C'hai messo mesi per rendere il tuo nido una diramazione del tuo carattere, il quadro lì, il tavolino di là, la libreria così… ma poi l'occhio si abbassa un istante, catturato da qualcosa che proprio non torna e lo vede lì, pesante, con il suo tubo cafone.

Allego foto per dimostrare la mia disperazione.

Ma una volta acceso la vita è ricominciata a scorrere.

Modalità sedici gradi e ventiquattro ore di massima potenza, cancellando in un istante le notti in cui lasciavo la mia sindone sulle lenzuola e l'inferno vissuto a occhi aperti, per trasportarlo a casa nel giorno più caldo di cui io abbia memoria.

Finalmente, però, posso riniziare a vivere e tornare a scoprire la città.

Allego foto per mostrarvi l'orrido oggetto.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
A proposito del matrimonio di Jessica Chastain
I giornali americani hanno esaltato il fatto che il marito è nobile: contessa è un titolo più monetizzabile di star di Hollywood?
Firme
CONDIVIDI
Litigare per lo ius soli non è Smart
L'Italia è il Paese della burocrazia, però a noi di Gioia! piace la gente sveglia, che fa: per loro abbiamo creato gli Smart awards
Dopo la nascita dei gemelli Elle e Alexander, Amal e George Clooney si accorgeranno che le altre mamme hanno sempre ragione: sono uscite dai forum di internet e hanno conquistato il mondo.
Firme
CONDIVIDI
Cara Amal, difendici dalle mamme
Ti accorgerai presto che il mondo è diventato un gigantesco circolo di madri che sanno tutto, prima, e meglio di te
Firme
CONDIVIDI
Perché gli alberghi sono peggio degli amanti
Ho tradito il mio solito hotel con un cinque stelle lusso e, come tutte le fedifraghe, mi sono pentita
Firme
CONDIVIDI
Multitasking non è un complimento
Andare in corto circuito, fino a dimenticare un bambino in auto: ma a mandarci in tilt sono le aspettative sociali
Dopo anni passati a essere considerata una rovinafamiglie, la duchessa di Cornovaglia Camilla Parker Bowles ha guadagnato il titolo di regina d'Inghilterra e dei modelli da imitare.
Firme
CONDIVIDI
Cara Camilla, sei la nostra regina
Perché ci hai insegnato le virtù della pazienza, e il segreto della felicità
zerocalcare-cappuccio-rosso-morta
Firme
CONDIVIDI
Chi era Ayse, la Cappuccio Rosso di Zerocalcare
Aveva 23 anni la combattente curda detta Cappuccio Rosso nei fumetti di Zerocalcare sulla guerra siriana: è caduta nell'assalto a Raqqa
donald-trump-accordo-clima
Firme
CONDIVIDI
Donald Trump, non distruggiamo il pianeta!
Come la mettiamo con l'ozono? Col global warming? Con gli orsi polari? Sfilarsi dagli accordi di Parigi significa rifiutare il futuro
Firme
CONDIVIDI
Il terrorismo si combatte con la cultura
I jihadisti hanno lasciato i territori dello Stato Islamico e sono pronti a inflitrarsi e colpire altrove: ma invocare muri e leggi...
Il 28 maggio 2017 Francesco Totti ha concluso i suoi 25 anni di carriera nella Roma, ecco perché il suo discorso sincero ha commosso tutti.
Firme
CONDIVIDI
Francesco Totti è diventato grande
Invece noi siamo solo un po' più vecchi