Milano Zucchero e Catrame, le cose che odio di questa città che amo

Mi fa sentire a casa, ma ci sono certe questioni di questo posto che proprio non mi vanno giù: i citofoni tecnologici, le zanzare, i numeri civici inesistenti

Più Popolare
Advertisement - Continue Reading Below

Canzone per leggere l'umore: Everything Now, Arcade Fire

Durante questa settimana mi sono ritrovato a leggere tutti i post che ho pubblicato in questi mesi, lungo periodo dove mi sono reso conto che questa città mi ha davvero rapito, conquistato, fatto sentire a casa.

Ma anche Milano ha un suo lato oscuro e ci sono quelle due o tre cose che davvero non mi fanno dormire la notte (nel vero senso della parola).

Più Popolare

Ecco ciò che odio (e per cui cerco e cercherò risposta) di questa città.

1. Le zanzare

È vero, è stagione, ma io non riesco proprio a trovare una soluzione.

Qui a Milano le zanzare sono geneticamente modificate, ma soprattutto organizzate in squadriglie tipo Luftwaffe, che in questo caso è la temibilissima Zanzara Tigre. È incredibile come l'umore della città condizioni tutto, ma proprio tutto. Sono performanti, instancabili, determinate.

Se ti trovi, in certi orari, in certe zone (Navigli, Sempione, Isola) rischi di trovarti in una bruttissima situazione. Attaccano in gruppo, in stormi, senza chiedere permesso, senza alcuna remora. Sanno che qualcuna di loro ci lascerà le penne, ma il rischio è calcolato: danni collaterali. Ti faranno impazzire, è una certezza.

L'unica soluzione è essere preparati e concentrati come un Navy Seal.

Mai, e dico mai, girare per Milano senza l'unica arma in grado di contenere i danni per la tua sopravvivenza. L'AUTAN. È il tuo migliore amico, la spada nella roccia tolta dalla roccia, la spada laser di Luke Skywalker, lo scudo di Capitan America, l'anello di Frodo. Scordare a casa il tuo tesssoro è come consegnarsi nelle mani di Voldemort.

Allego foto promozionale.

Advertisement - Continue Reading Below

2. I numeri civici dei negozi

Io pensavo di essere distratto o completamente inadatto, ma scoprire che a Milano i negozi e i ristoranti non hanno numeri civici, mi ha fatto diventare matto. La domanda è: perché?

Vi giuro, non lo so, non capisco il senso, il nesso e la motivazione, so solo che nella sua piccolezza, questo bug cittadino aumenta del duecento percento la mia già labile capacità di orientarmi. Sono uno di quelli che si perde nei supermercati e se non ho a disposizione un navigatore non sono assolutamente in grado di conoscere la mia posizione. Comunque ho capito che per il numero civico bisogna fare affidamento al palazzo più vicino. Ripeto: ma perché?

Allego foto interrogativa. Dov'è il numero?

3. Citofoni di ultima generazione

Si stanno diffondendo un po' ovunque. Milano ovviamente ne è piena.

Allora, il punto è che io capisco perfettamente il problema della sicurezza, della riservatezza e varie, ma metterci dieci minuti per riuscire a entrare in un portone lo trovo davvero eccessivo.

Primo passaggio: conoscere il codice (i nomi non ci sono più!). A volte l'assurdo trova il suo culmine con la legenda dei condomini a fianco. E allora perché non mettere direttamente i nomi sui citofoni?

Secondo passaggio: capire che dopo il codice bisogna spingere anche un altro pulsante per inoltrare la richiesta. A volte è l'icona del campanello (intuitivo), a volte la "C", che sta per chiamata, ma che nell'uso comune delle tastiere anglosassoni che utilizziamo quotidianamente significa "Clear", ovvero "Cancella".

Terzo passaggio: c'è un portiere (anzi, scusate, a Milano si chiama portinaio), che ti squadra e probabilmente indossa occhiali a raggi X, comprati dall'ultima pagina de L'Intrepido negli anni Settanta, per capire se stai introducendo qualcosa di sconveniente. Sono convinto che fra poco mi faranno lasciare in portineria i liquidi sopra i 100ml.

Quarto passaggio: altro citofono, stesso codice. Si apre un'altra porta che dà sul nulla. Panico.

Quinto passaggio: chiami il tuo amico e gli chiedi di venirti a prendere.

AIUTO!!!

Allego foto incomprensibile. Qui siamo difronte alla follia. Hai un citofono tradizionale ma ti vuoi complicare la vita lo stesso.

More from Gioia!:
Hillary Clinton con Anna Wintour
Firme
CONDIVIDI
Anche Hillary Clinton ha il suo complesso (come noi)
Ci sono quelle che ti umiliano a forza di plank per gli addominali e quelle cui basta uno sguardo, come Anna Wintour
Femminicidio e libertà delle ragazze
Firme
CONDIVIDI
Femminicidi, le ragazze devono essere libere
L'amore non ordina e non vieta, le ragazze non devono avere padroni
Nessun avevva dubbi su quale fosse la natura della relazione di Katie Holmes e Jamie Foxx, ma dopo quattro anni l'embargo è stato sollevato, e ora possono farsi fotografare in pubblico.
Firme
CONDIVIDI
Katie e Jamie: storia di un amore segreto
Dopo quattro anni di smentite la storia con Jamie Foxx è confermata, ma riuscirà l'amore a sopravvivere all'ufficialità?
serie-tv-problema-di-coppia-guia-soncini
Firme
CONDIVIDI
Le serie tv ora sono un problema di coppia
Le mie amiche si annoiano con Narcos, i mariti si addormentano con Fleabag, ma divani separati mai: cominci con Netflix e poi...
Firme
CONDIVIDI
Figli: fino a che età è giusto mantenerli?
I figli hanno diritto ad essere mantenuti fino a una certa età, i genitori, d'altra parte, a scaricarli dopo una certa età
Insieme al marito Mark Zuckerberg, Priscilla Chan ha scritto su Facebook una lettera, alla neonata figlia secondogenita, piena di buoni sentimenti e riassumibile in: stai lontana da Facebook
Firme
CONDIVIDI
Cara Priscilla, devi comprare un giardino più grande (per Mark)
O qualunque altra cosa possa servire a tenerlo lontano da Facebook
Bruce Springsteen concerto Broadway
Firme
CONDIVIDI
Quando il desiderio rimane in standby
E poi cerchi di consolarti dicendoti che lo spettacolo di Bruce Springsteen sarà insignificante
Firme
CONDIVIDI
Anche una pacca sul sedere è molestia sessuale
La popstar ha vinto in tribunale contro un dj che l'aveva palpeggiata: anche questo è un abuso, che non può essere accettato o sminuito
Helen Mirren film Paolo Virzì
Firme
CONDIVIDI
Niente «cose da vecchia» per Helen Mirren se il regista è Virzì
L'attrice 71enne recita in Elle & John, film «di malati terminali», e Paolo Virzì le ha spiegato un'ovvietà: si ammalano anche i giovani
Jerry Lewis ricordo inventore di tutto
Firme
CONDIVIDI
Omaggio a Jerry Lewis, l'inventore di tutto
Celebre per le sue smorfie, ha avuto tante intuizioni geniali: come un film, mai uscito, che raccontava la stessa storia di La vita è bella