Milano Zucchero e Catrame, le cose che odio di questa città che amo

Mi fa sentire a casa, ma ci sono certe questioni di questo posto che proprio non mi vanno giù: i citofoni tecnologici, le zanzare, i numeri civici inesistenti

Più Popolare
Advertisement - Continue Reading Below

Canzone per leggere l'umore: Everything Now, Arcade Fire

Durante questa settimana mi sono ritrovato a leggere tutti i post che ho pubblicato in questi mesi, lungo periodo dove mi sono reso conto che questa città mi ha davvero rapito, conquistato, fatto sentire a casa.

Ma anche Milano ha un suo lato oscuro e ci sono quelle due o tre cose che davvero non mi fanno dormire la notte (nel vero senso della parola).

Più Popolare

Ecco ciò che odio (e per cui cerco e cercherò risposta) di questa città.

1. Le zanzare

È vero, è stagione, ma io non riesco proprio a trovare una soluzione.

Qui a Milano le zanzare sono geneticamente modificate, ma soprattutto organizzate in squadriglie tipo Luftwaffe, che in questo caso è la temibilissima Zanzara Tigre. È incredibile come l'umore della città condizioni tutto, ma proprio tutto. Sono performanti, instancabili, determinate.

Se ti trovi, in certi orari, in certe zone (Navigli, Sempione, Isola) rischi di trovarti in una bruttissima situazione. Attaccano in gruppo, in stormi, senza chiedere permesso, senza alcuna remora. Sanno che qualcuna di loro ci lascerà le penne, ma il rischio è calcolato: danni collaterali. Ti faranno impazzire, è una certezza.

L'unica soluzione è essere preparati e concentrati come un Navy Seal.

Mai, e dico mai, girare per Milano senza l'unica arma in grado di contenere i danni per la tua sopravvivenza. L'AUTAN. È il tuo migliore amico, la spada nella roccia tolta dalla roccia, la spada laser di Luke Skywalker, lo scudo di Capitan America, l'anello di Frodo. Scordare a casa il tuo tesssoro è come consegnarsi nelle mani di Voldemort.

Allego foto promozionale.

Advertisement - Continue Reading Below

2. I numeri civici dei negozi

Io pensavo di essere distratto o completamente inadatto, ma scoprire che a Milano i negozi e i ristoranti non hanno numeri civici, mi ha fatto diventare matto. La domanda è: perché?

Vi giuro, non lo so, non capisco il senso, il nesso e la motivazione, so solo che nella sua piccolezza, questo bug cittadino aumenta del duecento percento la mia già labile capacità di orientarmi. Sono uno di quelli che si perde nei supermercati e se non ho a disposizione un navigatore non sono assolutamente in grado di conoscere la mia posizione. Comunque ho capito che per il numero civico bisogna fare affidamento al palazzo più vicino. Ripeto: ma perché?

Allego foto interrogativa. Dov'è il numero?

3. Citofoni di ultima generazione

Si stanno diffondendo un po' ovunque. Milano ovviamente ne è piena.

Allora, il punto è che io capisco perfettamente il problema della sicurezza, della riservatezza e varie, ma metterci dieci minuti per riuscire a entrare in un portone lo trovo davvero eccessivo.

Primo passaggio: conoscere il codice (i nomi non ci sono più!). A volte l'assurdo trova il suo culmine con la legenda dei condomini a fianco. E allora perché non mettere direttamente i nomi sui citofoni?

Secondo passaggio: capire che dopo il codice bisogna spingere anche un altro pulsante per inoltrare la richiesta. A volte è l'icona del campanello (intuitivo), a volte la "C", che sta per chiamata, ma che nell'uso comune delle tastiere anglosassoni che utilizziamo quotidianamente significa "Clear", ovvero "Cancella".

Terzo passaggio: c'è un portiere (anzi, scusate, a Milano si chiama portinaio), che ti squadra e probabilmente indossa occhiali a raggi X, comprati dall'ultima pagina de L'Intrepido negli anni Settanta, per capire se stai introducendo qualcosa di sconveniente. Sono convinto che fra poco mi faranno lasciare in portineria i liquidi sopra i 100ml.

Quarto passaggio: altro citofono, stesso codice. Si apre un'altra porta che dà sul nulla. Panico.

Quinto passaggio: chiami il tuo amico e gli chiedi di venirti a prendere.

AIUTO!!!

Allego foto incomprensibile. Qui siamo difronte alla follia. Hai un citofono tradizionale ma ti vuoi complicare la vita lo stesso.

More from Gioia!:
Violenza sulle donne stereotipi da eliminare
Firme
CONDIVIDI
C'è solo un modo per sradicare la violenza sulle donne
Bisogna sradicare anzitutto gli stereotipi di genere, per cambiare la mentalità che accetta e tollera gli abusi fisici e sessuali
Firme
CONDIVIDI
Cara Chrissy, grazie per averci fatto piangere (soprattutto quella volta lì)
Abbiamo un gran bisogno di consolazione, ma dobbiamo anche imparare a non dare sempre la colpa alla società
Jovanotti cita Dalla
Firme
CONDIVIDI
Jovanotti non teme l'effetto nostalgia
Nel brano Oh, vita!, anticipazione del nuovo album che esce a dicembre, cita Futura di Lucio Dalla: ci vuole coraggio per farlo
Firme
CONDIVIDI
Felicità è portare i pantaloni con l'elastico
Se hai deciso che non te ne frega niente di farti guardare, tirarti a lucido è una cosa che non serve quasi mai
Bellezza e diversità  Lupita Nyong'o
Firme
CONDIVIDI
La bellezza non è più femminile singolare
Oggi per distinguersi c'è un solo modo: essere diverse, come Lupita Nyong'o, che non rinuncia ai suoi capelli afro
È ufficiale: Chiara Ferragni e Fedez aspettano il loro primo figlio, ecco perché sarà un bambino molto fortunato.
Firme
CONDIVIDI
Cara Chiara, sarai una madre favolosa
Perché possiedi un superpotere fondamentale per sopravvivere a questi tempi qui
Mamme permalose bambini
Firme
CONDIVIDI
Nessuno è permaloso come una mamma
Le madri di oggi sono, nell'eloquio, indistinguibili da come scriverei una parodia di mia madre
Kris Jenner con la figlia Kim Kardashian
Firme
CONDIVIDI
Cara Kris, le Kardashian non esisterebbero senza di te
Nessuna delle tue figlie sarebbe così com'è ora se tu non avessi avuto l'idea di farne lo spettacolo di questa generazione
Parità stipendio donne
Firme
CONDIVIDI
Equo compenso, non si tratta solo di soldi
Quando pretendiamo una retribuzione pari a quella degli uomini per il nostro lavoro stiamo parlando anche di dignità
Figli calo nascite
Firme
CONDIVIDI
Ma tu un figlio lo vorresti?
Se è vero che i giovani rinunciano ad avere bambini per cause di forza maggiore, perché 
non sono arrabbiati?