Ode a Camilla Parker Bowles, la nuova regina d'Inghilterra

Dopo vent'anni trascorsi nel purgatorio delle rovinafamiglie, la duchessa di Cornovaglia guadagna il suo posto da role-model a palazzo e nella storia

Più Popolare

Cara Camilla,

sarai la mia nuova regina.

Ci ho messo un po' a farmene una ragione, ma devi capirmi: sono stata a lungo giovane e convinta che lo struggimento potesse invecchiare bene. Adesso quando vedo una donna adulta sospirare di «m'ama, non m'ama, e se m'ama mi chiama?» mi viene da chiamare la polizia: per oltraggio al pudore. Tu e Carlo, invece, siete nati già anziani: quanto tempo risparmiato. Vi siete immediatamente riconosciuti – era il 1970, non ero neanche nata – e persino innamorati, poi giudiziosamente separati per règio volere, quindi inopportunamente sposati con cornuti di passaggio. Quando Diana è morta – il prossimo 31 agosto saranno vent'anni – le questioni protocollari si sono semplificate, e avete cominciato ad aspettare. L'amore forse no, ma la pazienza vince su tutto.

Advertisement - Continue Reading Below

Per anni sei stata colpevole. Non potevi uscire di casa, hai raccontato al Mail on Sunday, perché il giardino era infestato dai paparazzi. Tom e Laura erano ancora piccoli, e in bagno tenevano un binocolo per giocare ad avvistarli tutti: «A noi sembrava perfettamente normale». A te probabilmente no: ne hai approfittato per leggere quanto in una vita normale non avresti potuto mai. (Consiglio alle giovinette: diventate l'amante del principe del Galles, è un modo come un altro per prendersi un anno sabbatico). E pure quando la situazione era ormai sufficientemente pacificata da consentire nozze riparatrici – nel 2005, mica il giorno dopo – i sudditi rimanevano scettici: per l'occasione vennero prodotti scarsi souvenir commemorativi, e molti pure con la data sbagliata, ché il matrimonio fu rimandato perché Carlo doveva andare al funerale di papa Woytila. Avevate aspettato tanto, potevate aspettare tanto e un giorno.

Più Popolare

Adesso hai quasi settant'anni. Diana è un fantasma favoloso e invadente, ma non ci sono più dubbi sul tuo destino da regina. Sei pronta, sostieni. I tuoi genitori ti hanno insegnato tutto quello che serve: «Venivano a cena i vicini più noiosi del mondo, e noi eravamo costretti a metterci a tavola. Ovviamente protestavamo – "Ma non possiamo guardare la tv e mangiare bastoncini di pesce?" – ma mamma ci faceva rimanere seduti, e al primo silenzio ordinava: "Parlate! Non mi importa di cosa: del vostro pony o del vostro pappagallo, ma mantenete viva la conversazione"». Così hai imparato a comportarti, e a parlare con la gente: «Senza questa educazione, abituarmi alla vita di corte sarebbe stato più difficile». Siccome non si sa mai, io l'ho messo tra le piccole virtù da tramandare alle mie figlie: archiviati gli struggimenti, l'allenamento alla noia è il segreto della felicità.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Un po' di Xanax e passa tutto
Un secolo dopo il Prozac che ci tirava su, ci serve una cosa che ci tiri giù (dall'ansia)
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, il nuovo Apple store dimostra che questa è una città pulsante
Lo stanno ancora costruendo, ma il negozio del colosso hi tech che sorgerà in Piazza Liberty mi ha acceso l'anima: Milano non resta ferma,...
Firme
CONDIVIDI
A proposito del matrimonio di Jessica Chastain
I giornali americani hanno esaltato il fatto che il marito è nobile: contessa è un titolo più monetizzabile di star di Hollywood?
Firme
CONDIVIDI
Litigare per lo ius soli non è Smart
L'Italia è il Paese della burocrazia, però a noi di Gioia! piace la gente sveglia, che fa: per loro abbiamo creato gli Smart awards
Dopo la nascita dei gemelli Elle e Alexander, Amal e George Clooney si accorgeranno che le altre mamme hanno sempre ragione: sono uscite dai forum di internet e hanno conquistato il mondo.
Firme
CONDIVIDI
Cara Amal, difendici dalle mamme
Ti accorgerai presto che il mondo è diventato un gigantesco circolo di madri che sanno tutto, prima, e meglio di te
Firme
CONDIVIDI
Perché gli alberghi sono peggio degli amanti
Ho tradito il mio solito hotel con un cinque stelle lusso e, come tutte le fedifraghe, mi sono pentita
Milano Zucchero e catrame come sopravvivere al caldo (la triste verità)
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, ma allora fa caldo!
«Milano città del nord e quindi fresca» mai luogo comune è stato più errato e lo scopri (tristemente) solo vivendoci
Firme
CONDIVIDI
Multitasking non è un complimento
Andare in corto circuito, fino a dimenticare un bambino in auto: ma a mandarci in tilt sono le aspettative sociali
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, le cose che odio di questa città che amo
Mi fa sentire a casa, ma ci sono certe questioni di questo posto che proprio non mi vanno giù: i citofoni tecnologici, le zanzare, i numeri...
zerocalcare-cappuccio-rosso-morta
Firme
CONDIVIDI
Chi era Ayse, la Cappuccio Rosso di Zerocalcare
Aveva 23 anni la combattente curda detta Cappuccio Rosso nei fumetti di Zerocalcare sulla guerra siriana: è caduta nell'assalto a Raqqa