Perché Donald Trump non deve abbandonare gli accordi sul clima di Parigi

Come la mettiamo con l'ozono? Col global warming? Con gli orsi polari? Sfilarsi dagli accordi di Parigi significa davvero rifiutare il futuro

Più Popolare

Estate, Milano, colonne di San Lorenzo. Ci si vede con vecchi amici in un piccolo locale coi tavolini all'aperto. Si ordina Coca e birra. La Coca arriva senza ghiaccio, l'afa malgrado l'ora dà alla testa. Due expat del gruppo si lamentano. Vivono da anni negli Stati Uniti e sono diventati intolleranti alle bibite senza cubetti e alle molestie del clima non domato. Laggiù da loro hanno abolito da tempo gli inconvenienti della stagionalità. In estate si vive nelle ghiacciaie dei luoghi chiusi con condizionatore a palla, in inverno nel caldo malato degli ambienti sopra i 30 gradi. Il meteo è una cosa fuori dai vetri da cui stare al riparo. La notte è bella, ci sono le stelle, ma loro lì, in quel santuario di sampietrini e movida sciallata, reclamano un posto dentro, vicino al bocchettone. Il bocchettone non c'è, c'è solo una pala che gira pigramente. Vecchia Milano che ostenta un'aria vintage per la causa hipster. Non lo capiscono, sono indignati, danno ai presenti dei trogloditi.

Advertisement - Continue Reading Below

Come la mettiamo con il global warming?

Ma che paese è un paese in cui si suda persino a quell'ora? Da loro tutti, anche i più poveri, hanno un climatizzatore. A casa e in auto, ovunque. Sempre acceso, come la luce, pure quando si esce. Lo spirito eco dei trogloditi rugge. E come la mettiamo con l'ozono? Col global warming? Con gli orsi polari? Noi qui, ginetti, attenti a non disperdere inutilmente CO2, a interrogarci sulle targhe alterne, a fare la guerra alle polveri sottili, e loro dall'altra parte dell'oceano, a ridersela dell'effetto serra, mandando in malora il mondo intero per stare freschi in Ohio e in Minnesota.

Più Popolare

Donald Trump non deve sfilarsi dagli accordi sul clima

Quando il presidente Donald Trump nei giorni scorsi ha dichiarato che gli Usa si sfileranno dall'accordo di Parigi, il più importante mai firmato per contrastare il riscaldamento globale riducendo le emissioni di gas serra, mi è rivenuta in mente quella sera a Milano. Perché ho riprovato, su larga scala, la stessa frustrazione che si prova quando si lotta per una causa comune e il solito furbo o disgraziato ti gira le spalle e ti lascia da solo. Non tanto e non solo perché non vale, ma perché certe sfide per essere vinte richiedono il contributo di tutti, lo sforzo collettivo, sennò è come pulire in dieci una stanza mentre un cretino, dietro, continua a buttare cartacce e lattine. Per fortuna non tutti sono come i miei amici expat e come Trump, cioè irresponsabili e anacronistici. Perché pensare di ignorare l'impegno a mantenere al di sotto dei 2°C l'aumento della temperatura globale significa, come ha detto Obama - che ha sottoscritto nel 2015 quel trattato con altri 195 Paesi - "rifiutare il futuro". E infatti, l'America moderna ed ecofriendly non ci sta: hanno protestato 61 sindaci in rappresentanza di circa 36milioni di cittadini; le amministrazioni di New York, Los Angeles, Boston, Chicago; le grandi industrie fan dell'economia green.

Non distruggiamo il pianeta

E intanto io mi chiedo come siamo arrivati fin qua, a questo pianeta così ridotto male. Dov'è che abbiamo sbagliato e perché? Per superbia, delirio d'onnipotenza, avventatezza? Quand'è che abbiamo perso il controllo e deciso che potevamo disporre della natura come volevamo, piegarla ai nostri capricci, sciuparla in nome del progresso e del profitto? Rimpiango i giorni col maglione spesso e la canotta di lana in casa a studiare, mentre fuori l'inverno passava e i caloriferi alitavano un timido tepore; le estati col braccio fuori dal finestrino a masticare vento e aria calda in autostrada; le camicie appiccicate in classe gli ultimi giorni di scuola; le mani allacciate nelle tasche del suo caban a dicembre aspettando un bacio rapido e caldo all'ora di ricreazione. Era più bello e poetico il mondo non addomesticato. Magari meno comodo, ma più gustoso di questo in vaschetta coi Natali in t-shirt.

Scrivetemi a: direttoregioia@hearst.it

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, il nuovo Apple store dimostra che questa è una città pulsante
Lo stanno ancora costruendo, ma il negozio del colosso hi tech che sorgerà in Piazza Liberty mi ha acceso l'anima: Milano non resta ferma,...
Firme
CONDIVIDI
A proposito del matrimonio di Jessica Chastain
I giornali americani hanno esaltato il fatto che il marito è nobile: contessa è un titolo più monetizzabile di star di Hollywood?
Firme
CONDIVIDI
Litigare per lo ius soli non è Smart
L'Italia è il Paese della burocrazia, però a noi di Gioia! piace la gente sveglia, che fa: per loro abbiamo creato gli Smart awards
Dopo la nascita dei gemelli Elle e Alexander, Amal e George Clooney si accorgeranno che le altre mamme hanno sempre ragione: sono uscite dai forum di internet e hanno conquistato il mondo.
Firme
CONDIVIDI
Cara Amal, difendici dalle mamme
Ti accorgerai presto che il mondo è diventato un gigantesco circolo di madri che sanno tutto, prima, e meglio di te
Firme
CONDIVIDI
Perché gli alberghi sono peggio degli amanti
Ho tradito il mio solito hotel con un cinque stelle lusso e, come tutte le fedifraghe, mi sono pentita
Milano Zucchero e catrame come sopravvivere al caldo (la triste verità)
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, ma allora fa caldo!
«Milano città del nord e quindi fresca» mai luogo comune è stato più errato e lo scopri (tristemente) solo vivendoci
Firme
CONDIVIDI
Multitasking non è un complimento
Andare in corto circuito, fino a dimenticare un bambino in auto: ma a mandarci in tilt sono le aspettative sociali
Dopo anni passati a essere considerata una rovinafamiglie, la duchessa di Cornovaglia Camilla Parker Bowles ha guadagnato il titolo di regina d'Inghilterra e dei modelli da imitare.
Firme
CONDIVIDI
Cara Camilla, sei la nostra regina
Perché ci hai insegnato le virtù della pazienza, e il segreto della felicità
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, le cose che odio di questa città che amo
Mi fa sentire a casa, ma ci sono certe questioni di questo posto che proprio non mi vanno giù: i citofoni tecnologici, le zanzare, i numeri...
zerocalcare-cappuccio-rosso-morta
Firme
CONDIVIDI
Chi era Ayse, la Cappuccio Rosso di Zerocalcare
Aveva 23 anni la combattente curda detta Cappuccio Rosso nei fumetti di Zerocalcare sulla guerra siriana: è caduta nell'assalto a Raqqa