Addio Ayse dal Cappuccio Rosso, guerriera contro l'avanzata nera del Califfato

Ayse Deniz Karacagil, 23 anni, combattente curda soprannominata Cappuccio Rosso nei fumetti di Zerocalcare sulla guerra siriana, è stata uccisa durante l'assalto a Raqqa

Più Popolare

Quando ancora l'Europa non conosceva le stragi dell'Isis nelle sue città, il terrore ai concerti, i tir assassini, i coltelli e la furia omicida degli uomini bomba ispirati dal califfo Al Baghdadi, una giovane donna combatteva per arrestare l'orrore jihadista.

Si chiamava Ayse Deniz Karacagil, ma per tutti era Aisha, o Cappuccio Rosso, come l'aveva soprannominata il geniale Zerocalcare nei suoi fumetti dalla guerra siriana, narrandone le gesta. In Europa non sapevamo nulla di lei perché il suo era un conflitto lontano. Non sto parlando di secoli fa, ma del 2014. Quando questa giovane e bella curda di 21 anni animava l'unica reale resistenza all'avanzata nera del califfato. Nell'estate di quell'anno Isis aveva conquistato grandi aree nel nord dell'Iraq e della Siria. Ma per il resto del mondo, quella era solo una faccenda tra musulmani.

Advertisement - Continue Reading Below

Per i curdi era diverso. E anche per le curde. Cappuccio Rosso – per via del berretto indossato per sfidare i barbuti – era di stanza a Kobane quando sono entrato, il 4 dicembre del 2014, in quella città siriana al confine con la Turchia. Quell'inverno si combatteva una battaglia decisiva: se Isis l'avesse espugnata, avrebbe potuto scrutare a occhio nudo dentro le case della Turchia, Paese della Nato. E avrebbe controllato una striscia di territorio lunga ben 400 chilometri. Da una parte gli uomini neri del califfo, dall'altra i curdi a difendere Kobane.

Più Popolare

In prima linea, con gli stessi compiti degli uomini, c'erano Aisha e tanti giovani donne. Per quanto mi sforzi, non mi torna in mente Cappuccio Rosso. Forse l'avrò incrociata, mentre s'infilava fra le macerie di una casa nascondiglio col kalashnikov a tracolla. Altre ne ho incontrate. Tutte giovanissime, molte belle e incredibilmente curate e dignitose. Al contrario degli uomini, imbestialiti presto, trovavano il tempo di truccarsi gli occhi e acconciarsi i capelli dentro le trincee, vicino ai morti. Ed erano spesso loro a sfidare corpo a corpo i jihadisti, terrorizzati dall'essere uccisi da una donna e perdere l'ingresso al delirante paradiso dei martiri. Aisha e le altre. Alcune si sono uccise prima di cadere in mano nemica, oppure gettate sotto le ruote delle auto bomba per deviarne la corsa. Aisha e le altre, protagoniste di una rivoluzione femminista contro il fanatismo.

Oggi sappiamo che Cappuccio Rosso è morta nell'assalto a Raqqa, capitale del califfato. Uccisa da una sventagliata di mitra. Non è vero che in guerra i morti sono tutti uguali. Aisha e la sua sete di libertà restano per sempre a ricordarcelo.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Vi racconto come sono diventata la più grande esperta di capelli vivente e vi svelo tutto quello che ho imparato
Altro che sacchetti biodegradabili: voto il primo partito che faccia una legge per cui lo shampoo è incluso nel costo della piega
Oprah Winfrey Golden globes 2018
Firme
CONDIVIDI
Perché il discorso di Oprah sulle donne dovrebbe farci riflettere
Ma non occorre la molestia sessuale, basta la rinuncia costante 
alle nostre ambizioni a renderci ancora "sesso debole"
Rivoluzione bacio
Firme
CONDIVIDI
La strategia vincente per ottenere tutto quello che si vuole? Far sbroccare l'interlocutore
Così passa dalla parte del torto, come sa fare bene Stefania Sandrelli con Vittorio Gassman nel film La terrazza
Sessantotto anniversario 50 anni
Firme
CONDIVIDI
Il Sessantotto 50 anni dopo e le nuove rivoluzioni possibili
Abbiamo ripreso lo spirito creativo del '68, che ha appena compiuto 50 anni, per immaginare un mondo diverso
vestiti costosi
Firme
CONDIVIDI
Noi, che l'abito costoso vogliamo ammortizzarlo
Da quando ci sono i cellulari con fotocamera quel completo risolutivo non puoi più indossarlo senza sembrare una che non si cambia mai
scrivere gratis
Firme
CONDIVIDI
Scrivete solo se qualcuno vi paga
Conosco gente che scrive decine di cartelle non retribuite su siti senza budget: come mai non distinguono un hobby da un mestiere?
Fine anno 2017 cosa tenere cosa buttare
Firme
CONDIVIDI
Cosa vuoi tenere e cosa vuoi buttare del 2017?
Butto le frasi retoriche e le parole a vanvera, tengo le battaglie delle donne e la loro forza inesauribile
Angela Lansbury, in un'intervista a Radio Times, ha parlato di donne, molestie e responsabilità: la reazione del web è stata immediata e scomposta
Firme
CONDIVIDI
Cara Angela, con noi giovani bisogna avere pazienza (siamo scemi)
Per quanto complessa sia la questione delle molestie, la nostra reazione è sempre a misura di tweet
Natale amore odio
Firme
CONDIVIDI
Con il Natale non ci sono mezze misure: o si è lovers o si è haters
Il mondo si divide in due categorie, quelli che lo amano e quelli che lo odiano: a me fa simpatia, ma sono un disastro con gli addobbi
Insieme al marito John Legend, Chrissy Teigen ha annunciato sui social la sua seconda gravidanza, ottenuta attraverso la fecondazione in vitro, come ha sempre raccontato con sana disinvoltura.
Firme
CONDIVIDI
Cara Chrissy, servono anche i figli maschi
Il tuo lo sarà perché, come hai spiegato disinvolta, "è l'unico embrione rimasto", e ti tornerà utilissimo