Addio Ayse dal Cappuccio Rosso, guerriera contro l'avanzata nera del Califfato

Ayse Deniz Karacagil, 23 anni, combattente curda soprannominata Cappuccio Rosso nei fumetti di Zerocalcare sulla guerra siriana, è stata uccisa durante l'assalto a Raqqa

Più Popolare

Quando ancora l'Europa non conosceva le stragi dell'Isis nelle sue città, il terrore ai concerti, i tir assassini, i coltelli e la furia omicida degli uomini bomba ispirati dal califfo Al Baghdadi, una giovane donna combatteva per arrestare l'orrore jihadista.

Si chiamava Ayse Deniz Karacagil, ma per tutti era Aisha, o Cappuccio Rosso, come l'aveva soprannominata il geniale Zerocalcare nei suoi fumetti dalla guerra siriana, narrandone le gesta. In Europa non sapevamo nulla di lei perché il suo era un conflitto lontano. Non sto parlando di secoli fa, ma del 2014. Quando questa giovane e bella curda di 21 anni animava l'unica reale resistenza all'avanzata nera del califfato. Nell'estate di quell'anno Isis aveva conquistato grandi aree nel nord dell'Iraq e della Siria. Ma per il resto del mondo, quella era solo una faccenda tra musulmani.

Advertisement - Continue Reading Below

Per i curdi era diverso. E anche per le curde. Cappuccio Rosso – per via del berretto indossato per sfidare i barbuti – era di stanza a Kobane quando sono entrato, il 4 dicembre del 2014, in quella città siriana al confine con la Turchia. Quell'inverno si combatteva una battaglia decisiva: se Isis l'avesse espugnata, avrebbe potuto scrutare a occhio nudo dentro le case della Turchia, Paese della Nato. E avrebbe controllato una striscia di territorio lunga ben 400 chilometri. Da una parte gli uomini neri del califfo, dall'altra i curdi a difendere Kobane.

Più Popolare

In prima linea, con gli stessi compiti degli uomini, c'erano Aisha e tanti giovani donne. Per quanto mi sforzi, non mi torna in mente Cappuccio Rosso. Forse l'avrò incrociata, mentre s'infilava fra le macerie di una casa nascondiglio col kalashnikov a tracolla. Altre ne ho incontrate. Tutte giovanissime, molte belle e incredibilmente curate e dignitose. Al contrario degli uomini, imbestialiti presto, trovavano il tempo di truccarsi gli occhi e acconciarsi i capelli dentro le trincee, vicino ai morti. Ed erano spesso loro a sfidare corpo a corpo i jihadisti, terrorizzati dall'essere uccisi da una donna e perdere l'ingresso al delirante paradiso dei martiri. Aisha e le altre. Alcune si sono uccise prima di cadere in mano nemica, oppure gettate sotto le ruote delle auto bomba per deviarne la corsa. Aisha e le altre, protagoniste di una rivoluzione femminista contro il fanatismo.

Oggi sappiamo che Cappuccio Rosso è morta nell'assalto a Raqqa, capitale del califfato. Uccisa da una sventagliata di mitra. Non è vero che in guerra i morti sono tutti uguali. Aisha e la sua sete di libertà restano per sempre a ricordarcelo.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Cara Chrissy, grazie per averci fatto piangere (soprattutto quella volta lì)
Abbiamo un gran bisogno di consolazione, ma dobbiamo anche imparare a non dare sempre la colpa alla società
Jovanotti cita Dalla
Firme
CONDIVIDI
Jovanotti non teme l'effetto nostalgia
Nel brano Oh, vita!, anticipazione del nuovo album che esce a dicembre, cita Futura di Lucio Dalla: ci vuole coraggio per farlo
Firme
CONDIVIDI
Felicità è portare i pantaloni con l'elastico
Se hai deciso che non te ne frega niente di farti guardare, tirarti a lucido è una cosa che non serve quasi mai
Bellezza e diversità  Lupita Nyong'o
Firme
CONDIVIDI
La bellezza non è più femminile singolare
Oggi per distinguersi c'è un solo modo: essere diverse, come Lupita Nyong'o, che non rinuncia ai suoi capelli afro
È ufficiale: Chiara Ferragni e Fedez aspettano il loro primo figlio, ecco perché sarà un bambino molto fortunato.
Firme
CONDIVIDI
Cara Chiara, sarai una madre favolosa
Perché possiedi un superpotere fondamentale per sopravvivere a questi tempi qui
Mamme permalose bambini
Firme
CONDIVIDI
Nessuno è permaloso come una mamma
Le madri di oggi sono, nell'eloquio, indistinguibili da come scriverei una parodia di mia madre
Kris Jenner con la figlia Kim Kardashian
Firme
CONDIVIDI
Cara Kris, le Kardashian non esisterebbero senza di te
Nessuna delle tue figlie sarebbe così com'è ora se tu non avessi avuto l'idea di farne lo spettacolo di questa generazione
Parità stipendio donne
Firme
CONDIVIDI
Equo compenso, non si tratta solo di soldi
Quando pretendiamo una retribuzione pari a quella degli uomini per il nostro lavoro stiamo parlando anche di dignità
Figli calo nascite
Firme
CONDIVIDI
Ma tu un figlio lo vorresti?
Se è vero che i giovani rinunciano ad avere bambini per cause di forza maggiore, perché 
non sono arrabbiati?
Non più un intoccabile di Hollywood, il molestatore delle dive Harvey Weinstein ci obbliga a una riflessione in più: oltre all'indignazione e alla solidarietà, dobbiamo essere capaci di raffinare l'analisi ed emanciparci da ruolo di vittime perfette.
Firme
CONDIVIDI
Cara Blythe, le figlie devono imparare a difendersi da sole
Se Gwyneth è in grado di badare a se stessa, che bisogno aveva di una lettera della sua mamma al giornale che l'ha criticata?