Addio Ayse dal Cappuccio Rosso, guerriera contro l'avanzata nera del Califfato

Ayse Deniz Karacagil, 23 anni, combattente curda soprannominata Cappuccio Rosso nei fumetti di Zerocalcare sulla guerra siriana, è stata uccisa durante l'assalto a Raqqa

Più Popolare

Quando ancora l'Europa non conosceva le stragi dell'Isis nelle sue città, il terrore ai concerti, i tir assassini, i coltelli e la furia omicida degli uomini bomba ispirati dal califfo Al Baghdadi, una giovane donna combatteva per arrestare l'orrore jihadista.

Si chiamava Ayse Deniz Karacagil, ma per tutti era Aisha, o Cappuccio Rosso, come l'aveva soprannominata il geniale Zerocalcare nei suoi fumetti dalla guerra siriana, narrandone le gesta. In Europa non sapevamo nulla di lei perché il suo era un conflitto lontano. Non sto parlando di secoli fa, ma del 2014. Quando questa giovane e bella curda di 21 anni animava l'unica reale resistenza all'avanzata nera del califfato. Nell'estate di quell'anno Isis aveva conquistato grandi aree nel nord dell'Iraq e della Siria. Ma per il resto del mondo, quella era solo una faccenda tra musulmani.

Advertisement - Continue Reading Below

Per i curdi era diverso. E anche per le curde. Cappuccio Rosso – per via del berretto indossato per sfidare i barbuti – era di stanza a Kobane quando sono entrato, il 4 dicembre del 2014, in quella città siriana al confine con la Turchia. Quell'inverno si combatteva una battaglia decisiva: se Isis l'avesse espugnata, avrebbe potuto scrutare a occhio nudo dentro le case della Turchia, Paese della Nato. E avrebbe controllato una striscia di territorio lunga ben 400 chilometri. Da una parte gli uomini neri del califfo, dall'altra i curdi a difendere Kobane.

Più Popolare

In prima linea, con gli stessi compiti degli uomini, c'erano Aisha e tanti giovani donne. Per quanto mi sforzi, non mi torna in mente Cappuccio Rosso. Forse l'avrò incrociata, mentre s'infilava fra le macerie di una casa nascondiglio col kalashnikov a tracolla. Altre ne ho incontrate. Tutte giovanissime, molte belle e incredibilmente curate e dignitose. Al contrario degli uomini, imbestialiti presto, trovavano il tempo di truccarsi gli occhi e acconciarsi i capelli dentro le trincee, vicino ai morti. Ed erano spesso loro a sfidare corpo a corpo i jihadisti, terrorizzati dall'essere uccisi da una donna e perdere l'ingresso al delirante paradiso dei martiri. Aisha e le altre. Alcune si sono uccise prima di cadere in mano nemica, oppure gettate sotto le ruote delle auto bomba per deviarne la corsa. Aisha e le altre, protagoniste di una rivoluzione femminista contro il fanatismo.

Oggi sappiamo che Cappuccio Rosso è morta nell'assalto a Raqqa, capitale del califfato. Uccisa da una sventagliata di mitra. Non è vero che in guerra i morti sono tutti uguali. Aisha e la sua sete di libertà restano per sempre a ricordarcelo.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
L'idea del matrimonio giusto è anacronistica
L'idea di garantirsi sicurezza e prestigio sposando un buon partito è anacronistica e svilente, e fa male alle donne
La vita di Victoria Beckham, e di tutta la famiglia più posh d'Inghilterra, è un po' come la nostra, e somiglia a quello che succede sui social: c'è chi ride, chi piange, e chi non sa quello che dice.
Firme
CONDIVIDI
Cara Victoria, la vita vera non è facile
L'ostinazione delle celebrità a fingersi normali sui social network ha convinto noi normali a comportarci come celebrità
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, 3 posti magici che rendono unica l'estate
Milano non è solo il Duomo o la Pinacoteca di Brera, c'è molto di più: d'altra parte, questa città non si mostra subito, va scoperta pian...
Firme
CONDIVIDI
L'età giusta per il sesso orale (e la crostata)
C'è una prima volta per tutto, come dimostrano le storie di due giovani attrici: Rooney Mara e Sophie Turner
Per Gwyneth Paltrow non c'è malanno o accoacco di vecchiaia che non possa essere curato dalla giusta combinazione di integratori, complessi vitaminici e creduloneria: è tutto in vendita su Goop.
Firme
CONDIVIDI
Cara Gwyneth, lasciami invecchiare in pace
Le conversazioni tra amiche sembrano i bollettini di un'epidemia, ognuna ha una diagnosi: la noia è mortale
Salute sanità gratuita Italia assicurazione America
Firme
CONDIVIDI
Che fortuna noi italiani con la sanità gratuita
Siamo così abituati a questa finzione che ci sembra ovvio pagare le tasse come un'italiana e l'assicurazione come un'americana
Menopausa argomento conversazioni happy hour donne over 40
Firme
CONDIVIDI
Menopausa, l'argomento da happy hour delle over 40
Verso i 50 anni è il topic principe degli happy hour fra donne, ma sentirne parlare per una che non ci è entrata è terrorizzante
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, questa è la città in cui voglio sempre tornare
L'aspetto più affascinante dell'estate è sempre il ritorno, perché c'è sempre quella sensazione di aver vissuto qualcosa di potente ma di...
Firme
CONDIVIDI
Ecco perché Ambra che bacia Allegri ci traumatizza
L'ex ragazzina di Non è la Rai pomicia con l'allenatore della Juventus, cinquantenne, ma la nostra «bambina» ha ormai quarant'anni
Donnarumma esame di maturità: se i figli fanno come lui è solo colpa vostra
Firme
CONDIVIDI
Se i figli fanno come Donnarumma è solo colpa vostra
Io da piccola somigliavo a Drew Barrymore, non per questo ritenevo fosse congruo sottrarmi all'esame di quinta elementare