Perché andrò con mia figlia al concerto di Ariana Grande

A neanche due settimana dall'attentato la popstar torna a Manchester per un concerto di beneficenza in onore delle vittime: è per loro che bisogna vincere la paura

Più Popolare

«Non ci arrenderemo, non ci faremo condizionare dal terrore», ha scritto Ariana Grande su Twitter a neanche una settimana dall'attacco all'uscita del suo concerto a Manchester del 22 maggio. Dopo la sospensione immediata del Dangerous Woman Tour – «Per avere modo di valutare approfonditamente la situazione e tributare il doveroso rispetto alle vittime» – lei si era rifugiata a casa della mamma, in Florida, comprensibilmente traumatizzata. Poi la reazione: «Ho deciso di tornare a Manchester per passare un po' di tempo con i miei fan, e tenere un concerto in onore delle vittime per raccogliere fondi destinati alle loro famiglie».

Advertisement - Continue Reading Below

Si chiamerà One Love Manchester, si terrà al campo da cricket dell'Old Trafford la sera di domenica 4 giugno, e si preannuncia memorabile: hanno finora confermato Justin Bieber, i Coldplay, Katy Perry, Miley Cyrus, Pharrell Williams, Usher, Black Eyed Pea, i Take That, Niall Horan degli One Direction. La regolare tournée riprenderà quindi il 7 a Parigi; restano gli appuntamenti di Roma e Torino, il 15 e il 17 giugno.

Più Popolare

Non serve essere la popstar al concerto della quale 22 persone, perlopiù giovanissime, sono state ammazzate da un terrorista scellerato – e 116 ferite – per capire che l'eroismo non è un riflesso automatico. Che la paura è un nodo secco alla gola, indeglutibile. Che la prima risposta ogni volta – quella che non si può pronunciare – è decidere di non uscire più, basta, arrendiamoci: rimaniamo vivi. E però non si può. Non si deve. Non si fa.

Ho una figlia di otto anni – otto: come Saffie, che era a Manchester – che da qualche tempo ha deciso che lei e Ariana Grande sono anime affini. I giornali sono pieni di consigli per spiegare il terrorismo ai bambini, ma io l'altra mattina ho fatto finta di niente: bisognava correre a scuola – è stata la mia scusa – e a cena avremmo potuto parlarne con calma. «C'è stato un attentato» è una frase che non la coglie di sorpresa – la mia realtà è la sua normalità – ma volevo che per qualche ora ancora potesse sentirsi sicura. Sicura che dai concerti di Ariana Grande si torna vive.

«Sono stata proprio fortunata, mamma», mi ha detto quella sera, «perché se fossimo stati a Manchester ci sarei stata anche io, mi ci avresti portato. Vero che mi ci avresti portato?» Eh? Boh, sì, credo di sì. «Voglio dire» – a otto anni non esiste un momento sbagliato per estorcere una promessa – «Se viene a Milano mi ci porti, no?». Silenzio. Poi mi sono sentita rispondere col tono rassicurante che consigliano i giornali: sì che ti ci porto, amore, certo. Dentro ogni fibra della mia codardia strillava: «Che cosa ti dice il cervello, cretina». Ma è precisamente questo il motivo per cui i bambini sono preziosi. Ti costringono alla promessa di essere coraggiosa, e non ti lasciano in pace finché non la mantieni.

More from Gioia!:
Violenza sulle donne stereotipi da eliminare
Firme
CONDIVIDI
C'è solo un modo per sradicare la violenza sulle donne
Bisogna sradicare anzitutto gli stereotipi di genere, per cambiare la mentalità che accetta e tollera gli abusi fisici e sessuali
Firme
CONDIVIDI
Cara Chrissy, grazie per averci fatto piangere (soprattutto quella volta lì)
Abbiamo un gran bisogno di consolazione, ma dobbiamo anche imparare a non dare sempre la colpa alla società
Jovanotti cita Dalla
Firme
CONDIVIDI
Jovanotti non teme l'effetto nostalgia
Nel brano Oh, vita!, anticipazione del nuovo album che esce a dicembre, cita Futura di Lucio Dalla: ci vuole coraggio per farlo
Firme
CONDIVIDI
Felicità è portare i pantaloni con l'elastico
Se hai deciso che non te ne frega niente di farti guardare, tirarti a lucido è una cosa che non serve quasi mai
Bellezza e diversità  Lupita Nyong'o
Firme
CONDIVIDI
La bellezza non è più femminile singolare
Oggi per distinguersi c'è un solo modo: essere diverse, come Lupita Nyong'o, che non rinuncia ai suoi capelli afro
È ufficiale: Chiara Ferragni e Fedez aspettano il loro primo figlio, ecco perché sarà un bambino molto fortunato.
Firme
CONDIVIDI
Cara Chiara, sarai una madre favolosa
Perché possiedi un superpotere fondamentale per sopravvivere a questi tempi qui
Mamme permalose bambini
Firme
CONDIVIDI
Nessuno è permaloso come una mamma
Le madri di oggi sono, nell'eloquio, indistinguibili da come scriverei una parodia di mia madre
Kris Jenner con la figlia Kim Kardashian
Firme
CONDIVIDI
Cara Kris, le Kardashian non esisterebbero senza di te
Nessuna delle tue figlie sarebbe così com'è ora se tu non avessi avuto l'idea di farne lo spettacolo di questa generazione
Parità stipendio donne
Firme
CONDIVIDI
Equo compenso, non si tratta solo di soldi
Quando pretendiamo una retribuzione pari a quella degli uomini per il nostro lavoro stiamo parlando anche di dignità
Figli calo nascite
Firme
CONDIVIDI
Ma tu un figlio lo vorresti?
Se è vero che i giovani rinunciano ad avere bambini per cause di forza maggiore, perché 
non sono arrabbiati?