Perché andrò con mia figlia al concerto di Ariana Grande

A neanche due settimana dall'attentato la popstar torna a Manchester per un concerto di beneficenza in onore delle vittime: è per loro che bisogna vincere la paura

Più Popolare

«Non ci arrenderemo, non ci faremo condizionare dal terrore», ha scritto Ariana Grande su Twitter a neanche una settimana dall'attacco all'uscita del suo concerto a Manchester del 22 maggio. Dopo la sospensione immediata del Dangerous Woman Tour – «Per avere modo di valutare approfonditamente la situazione e tributare il doveroso rispetto alle vittime» – lei si era rifugiata a casa della mamma, in Florida, comprensibilmente traumatizzata. Poi la reazione: «Ho deciso di tornare a Manchester per passare un po' di tempo con i miei fan, e tenere un concerto in onore delle vittime per raccogliere fondi destinati alle loro famiglie».

Advertisement - Continue Reading Below

Si chiamerà One Love Manchester, si terrà al campo da cricket dell'Old Trafford la sera di domenica 4 giugno, e si preannuncia memorabile: hanno finora confermato Justin Bieber, i Coldplay, Katy Perry, Miley Cyrus, Pharrell Williams, Usher, Black Eyed Pea, i Take That, Niall Horan degli One Direction. La regolare tournée riprenderà quindi il 7 a Parigi; restano gli appuntamenti di Roma e Torino, il 15 e il 17 giugno.

Più Popolare

Non serve essere la popstar al concerto della quale 22 persone, perlopiù giovanissime, sono state ammazzate da un terrorista scellerato – e 116 ferite – per capire che l'eroismo non è un riflesso automatico. Che la paura è un nodo secco alla gola, indeglutibile. Che la prima risposta ogni volta – quella che non si può pronunciare – è decidere di non uscire più, basta, arrendiamoci: rimaniamo vivi. E però non si può. Non si deve. Non si fa.

Ho una figlia di otto anni – otto: come Saffie, che era a Manchester – che da qualche tempo ha deciso che lei e Ariana Grande sono anime affini. I giornali sono pieni di consigli per spiegare il terrorismo ai bambini, ma io l'altra mattina ho fatto finta di niente: bisognava correre a scuola – è stata la mia scusa – e a cena avremmo potuto parlarne con calma. «C'è stato un attentato» è una frase che non la coglie di sorpresa – la mia realtà è la sua normalità – ma volevo che per qualche ora ancora potesse sentirsi sicura. Sicura che dai concerti di Ariana Grande si torna vive.

«Sono stata proprio fortunata, mamma», mi ha detto quella sera, «perché se fossimo stati a Manchester ci sarei stata anche io, mi ci avresti portato. Vero che mi ci avresti portato?» Eh? Boh, sì, credo di sì. «Voglio dire» – a otto anni non esiste un momento sbagliato per estorcere una promessa – «Se viene a Milano mi ci porti, no?». Silenzio. Poi mi sono sentita rispondere col tono rassicurante che consigliano i giornali: sì che ti ci porto, amore, certo. Dentro ogni fibra della mia codardia strillava: «Che cosa ti dice il cervello, cretina». Ma è precisamente questo il motivo per cui i bambini sono preziosi. Ti costringono alla promessa di essere coraggiosa, e non ti lasciano in pace finché non la mantieni.

More from Gioia!:
Hillary Clinton con Anna Wintour
Firme
CONDIVIDI
Anche Hillary Clinton ha il suo complesso (come noi)
Ci sono quelle che ti umiliano a forza di plank per gli addominali e quelle cui basta uno sguardo, come Anna Wintour
Femminicidio e libertà delle ragazze
Firme
CONDIVIDI
Femminicidi, le ragazze devono essere libere
L'amore non ordina e non vieta, le ragazze non devono avere padroni
Nessun avevva dubbi su quale fosse la natura della relazione di Katie Holmes e Jamie Foxx, ma dopo quattro anni l'embargo è stato sollevato, e ora possono farsi fotografare in pubblico.
Firme
CONDIVIDI
Katie e Jamie: storia di un amore segreto
Dopo quattro anni di smentite la storia con Jamie Foxx è confermata, ma riuscirà l'amore a sopravvivere all'ufficialità?
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame: il potere dell'amore renderà possibile l'integrazione
Calcolando che già ad oggi il cognome più diffuso a Milano non è Brambilla, ma Hu e ormai iniziano a esserci generazioni di cinesi milanesi...
serie-tv-problema-di-coppia-guia-soncini
Firme
CONDIVIDI
Le serie tv ora sono un problema di coppia
Le mie amiche si annoiano con Narcos, i mariti si addormentano con Fleabag, ma divani separati mai: cominci con Netflix e poi...
Firme
CONDIVIDI
Figli: fino a che età è giusto mantenerli?
I figli hanno diritto ad essere mantenuti fino a una certa età, i genitori, d'altra parte, a scaricarli dopo una certa età
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, l'agonia dell'ascoltare i racconti delle vacanze altrui
Armati di sorriso standard e tanta pazienza iniziamo a giro antiorario, con telefono per un supporto fotografico, a sentire gli...
Insieme al marito Mark Zuckerberg, Priscilla Chan ha scritto su Facebook una lettera, alla neonata figlia secondogenita, piena di buoni sentimenti e riassumibile in: stai lontana da Facebook
Firme
CONDIVIDI
Cara Priscilla, devi comprare un giardino più grande (per Mark)
O qualunque altra cosa possa servire a tenerlo lontano da Facebook
Bruce Springsteen concerto Broadway
Firme
CONDIVIDI
Quando il desiderio rimane in standby
E poi cerchi di consolarti dicendoti che lo spettacolo di Bruce Springsteen sarà insignificante
Firme
CONDIVIDI
Anche una pacca sul sedere è molestia sessuale
La popstar ha vinto in tribunale contro un dj che l'aveva palpeggiata: anche questo è un abuso, che non può essere accettato o sminuito