I foreign fighters tornano in Europa, ma il terrorismo si combatte con la cultura, non con la paura

La strage di Manchester dimostra che i jihadisti hanno lasciato i territori dello Stato Islamico e sono pronti a infiltrarsi e colpire altrove: ma invocare muri e leggi speciali è follia

La strage di Manchester è un cambio di passo dell'Isis. Che credevamo quasi sconfitta con la battaglia di Mosul e l'imminente attacco a Raqqa, le due capitali in Siria e Iraq del califfato, e invece dimostra di avere capacità di trasformazione e riorganizzazione.

Nei territori dello Stato Islamico, sotto attacco della coalizione anti terroristi, restano pochi fanatici combattenti a opporre resistenza sequestrando civili e usandoli come scudi umani. Ma il grosso dei jihadisti ha già lasciato Mosul portando via armi chimiche ed esplosivi, ingegneri ed esperti capaci di fabbricare ordigni letali, infiltrarsi e progettare attentati altrove. Fra loro, centinaia di foreign fighters di ritorno: inglesi, belgi, francesi che stanno lasciando l'Iraq per rientrare in Europa e seminare da noi il terrore.

Advertisement - Continue Reading Below

Abedi, l'attentatore di Manchester, non ha agito da solo ma ha potuto contare su un network terroristico che ha viaggiato fra Siria, Turchia e Libia. Quest'ultima, distante poche centinaia di miglia dalle coste italiane, è nel caos totale e offre ai terroristi basi e appoggi logistici. Mentre il progetto di uno Stato terrorista, lo Stato Islamico proclamato dal califfo Al Baghdadi a Mosul nel giugno del 2014, sta lasciando il campo a un terrorismo "carsico" che colpisce e si nasconde nelle città occidentali. Ancora una volta, a portare la morte è un cittadino europeo: Abedi era nato a Manchester da genitori libici. Ancora una volta, i servizi di intelligence si erano fatti sfuggire la sua pericolosità.

Più Popolare

Ma invocare muri e leggi speciali sognando nuove Guantanamo europee è follia: la battaglia contro il terrorismo ha bisogno di integrazione dei servizi di difesa e di intelligence, massima cooperazione fra Stati e tanti, tanti soldi. Oltre a maggiore integrazione sociale, abolizione dei quartieri ghetto dove i musulmani vivono separati, più educazione alla convivenza e alla laicità nelle scuole, patti con l'islam moderato. Una battaglia dei trent'anni, almeno. Dove l'imperativo è restare ciò che siamo: democrazie liberali che combattono la paura con la cultura.

More from Gioia!:
Violenza sulle donne stereotipi da eliminare
Firme
CONDIVIDI
C'è solo un modo per sradicare la violenza sulle donne
Bisogna sradicare anzitutto gli stereotipi di genere, per cambiare la mentalità che accetta e tollera gli abusi fisici e sessuali
Firme
CONDIVIDI
Cara Chrissy, grazie per averci fatto piangere (soprattutto quella volta lì)
Abbiamo un gran bisogno di consolazione, ma dobbiamo anche imparare a non dare sempre la colpa alla società
Jovanotti cita Dalla
Firme
CONDIVIDI
Jovanotti non teme l'effetto nostalgia
Nel brano Oh, vita!, anticipazione del nuovo album che esce a dicembre, cita Futura di Lucio Dalla: ci vuole coraggio per farlo
Firme
CONDIVIDI
Felicità è portare i pantaloni con l'elastico
Se hai deciso che non te ne frega niente di farti guardare, tirarti a lucido è una cosa che non serve quasi mai
Bellezza e diversità  Lupita Nyong'o
Firme
CONDIVIDI
La bellezza non è più femminile singolare
Oggi per distinguersi c'è un solo modo: essere diverse, come Lupita Nyong'o, che non rinuncia ai suoi capelli afro
È ufficiale: Chiara Ferragni e Fedez aspettano il loro primo figlio, ecco perché sarà un bambino molto fortunato.
Firme
CONDIVIDI
Cara Chiara, sarai una madre favolosa
Perché possiedi un superpotere fondamentale per sopravvivere a questi tempi qui
Mamme permalose bambini
Firme
CONDIVIDI
Nessuno è permaloso come una mamma
Le madri di oggi sono, nell'eloquio, indistinguibili da come scriverei una parodia di mia madre
Kris Jenner con la figlia Kim Kardashian
Firme
CONDIVIDI
Cara Kris, le Kardashian non esisterebbero senza di te
Nessuna delle tue figlie sarebbe così com'è ora se tu non avessi avuto l'idea di farne lo spettacolo di questa generazione
Parità stipendio donne
Firme
CONDIVIDI
Equo compenso, non si tratta solo di soldi
Quando pretendiamo una retribuzione pari a quella degli uomini per il nostro lavoro stiamo parlando anche di dignità
Figli calo nascite
Firme
CONDIVIDI
Ma tu un figlio lo vorresti?
Se è vero che i giovani rinunciano ad avere bambini per cause di forza maggiore, perché 
non sono arrabbiati?