House of cards? Lei è competente lui divino

A casa Underwood, Claire vale quanto Frank, ma è lui a tenerci incollate alla tv per vedere una serie che da quattro stagioni ha finito le idee

Più Popolare

Sta per compiere dieci anni: tocca trovargli un nome. Nel luglio 2007, con Damages, nacque il tipo di telefilm che teoricamente dovrebbe chiudere subito: la trama non sta in piedi; i cattivi diventano buoni poi tornano cattivi poi però forse avevamo capito male, in un accumulo di colpi di scena di cui sembrano aver perso il filo gli stessi sceneggiatori; e nessuna di noi è in grado di rispondere a chi ci chieda di cosa parli la storia che stiamo guardando. Epperò ne siamo ipnotizzate, per una ragione religiosa: all'interno di queste "pecionate" (espressione romana che sta a significare "opere che non brillano per precisione"), c'è sempre un dio della recitazione. Una divinità per vedere un sopracciglio alzato o un monologo furibondo della quale siamo disposte a sorbirci decine di ore d'implausibilità.

Advertisement - Continue Reading Below

Nel 2007, in Damages, la divina era Glenn Close. Poi c'è stata The newsroom, la cui unica ragion d'essere era la presenza scenica di Jeff Daniels; Le regole del delitto perfetto, che sembrerebbe una produzione Mediaset se non fosse per quella dea di Viola Davis; per non dire di The blacklist: überpecionata, ma poi arriva James Spader e t'incanta. Nel genere "pecionate che ci prendono per incantamento", House of cards è forse il titolo più noto. È al quinto anno e ha esaurito le idee che avesse senso mettere in scena da almeno quattro stagioni; eppure continuiamo a stare davanti alla tv in attesa che Kevin Spacey dica una cattiveria sfondando la quarta parete – espressione tecnica che indica i sublimi momenti in cui ci guarda negli occhi e parla proprio con noi, che pubblico fortunato. Siamo tutte rapite dalla magia d'un attore gigantesco che tiene su una serie insensata con la sola forza delle sue facce sprezzanti.

Più Popolare

We're here to protect you.

A post shared by House of Cards (@houseofcards) on

Hillary Clinton ha appena riassunto al New York Magazine i risultati elettorali (quelli del mondo reale, non quelli di House of cards) così: «Un maschio incompetente che viene preferito a una donna capace non è un evento storico: è un martedì americano qualunque». Siccome il tema della parità di guadagno tra i sessi si porta molto, e non c'è attrice milionaria che non voglia dirci che è proprio come noi, che dobbiamo litigare perché il capufficio ci consideri quanto il vicino di scrivania (più scarso ma maschio), Robin Wright se n'è approfittata. È un anno che va in giro dicendo che lei, eroica, si è impuntata e si è fatta pagare come Spacey, dato che Claire ha lo stesso peso di Frank. Persino gli sceneggiatori devono averle creduto: nell'House of cards del 2017, la first lady è risoluta e ambiziosa e competente, mica una modella slava solo decorativa, e perciò sfonda anche lei la quarta parete, parla con noi, diventa davvero protagonista.

Nel frattempo, però, Robin ha confessato. No, non guadagna davvero quanto Kevin: lui è produttore, la serie se l'è inventata, ha delle voci in più in busta paga. Confessa ma non ammette l'evidenza: per nessuno spettatore che non abbia battuto la testa, Claire ha lo stesso peso del marito. Sì, i suoi tubini sono favolosi e i tagli di capelli da correre con le foto dal parrucchiere, mentre Frank è sempre conciato come un avvocato dei Parioli con la Smart; ma ci sorbiamo tredici ore di tv per quello pagato meglio, in un raro caso di meritocrazia: all'attrice competente, preferiamo l'attore divino.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Vi racconto come sono diventata la più grande esperta di capelli vivente e vi svelo tutto quello che ho imparato
Altro che sacchetti biodegradabili: voto il primo partito che faccia una legge per cui lo shampoo è incluso nel costo della piega
Oprah Winfrey Golden globes 2018
Firme
CONDIVIDI
Perché il discorso di Oprah sulle donne dovrebbe farci riflettere
Ma non occorre la molestia sessuale, basta la rinuncia costante 
alle nostre ambizioni a renderci ancora "sesso debole"
Rivoluzione bacio
Firme
CONDIVIDI
La strategia vincente per ottenere tutto quello che si vuole? Far sbroccare l'interlocutore
Così passa dalla parte del torto, come sa fare bene Stefania Sandrelli con Vittorio Gassman nel film La terrazza
Sessantotto anniversario 50 anni
Firme
CONDIVIDI
Il Sessantotto 50 anni dopo e le nuove rivoluzioni possibili
Abbiamo ripreso lo spirito creativo del '68, che ha appena compiuto 50 anni, per immaginare un mondo diverso
vestiti costosi
Firme
CONDIVIDI
Noi, che l'abito costoso vogliamo ammortizzarlo
Da quando ci sono i cellulari con fotocamera quel completo risolutivo non puoi più indossarlo senza sembrare una che non si cambia mai
scrivere gratis
Firme
CONDIVIDI
Scrivete solo se qualcuno vi paga
Conosco gente che scrive decine di cartelle non retribuite su siti senza budget: come mai non distinguono un hobby da un mestiere?
Fine anno 2017 cosa tenere cosa buttare
Firme
CONDIVIDI
Cosa vuoi tenere e cosa vuoi buttare del 2017?
Butto le frasi retoriche e le parole a vanvera, tengo le battaglie delle donne e la loro forza inesauribile
Angela Lansbury, in un'intervista a Radio Times, ha parlato di donne, molestie e responsabilità: la reazione del web è stata immediata e scomposta
Firme
CONDIVIDI
Cara Angela, con noi giovani bisogna avere pazienza (siamo scemi)
Per quanto complessa sia la questione delle molestie, la nostra reazione è sempre a misura di tweet
Natale amore odio
Firme
CONDIVIDI
Con il Natale non ci sono mezze misure: o si è lovers o si è haters
Il mondo si divide in due categorie, quelli che lo amano e quelli che lo odiano: a me fa simpatia, ma sono un disastro con gli addobbi
Insieme al marito John Legend, Chrissy Teigen ha annunciato sui social la sua seconda gravidanza, ottenuta attraverso la fecondazione in vitro, come ha sempre raccontato con sana disinvoltura.
Firme
CONDIVIDI
Cara Chrissy, servono anche i figli maschi
Il tuo lo sarà perché, come hai spiegato disinvolta, "è l'unico embrione rimasto", e ti tornerà utilissimo