Perché L'Inganno di Sofia Coppola è un film alla moda

Il film L'inganno di Sofia Coppola, presentato al Festival di Cannes, soddisfa tutti i requisiti per essere popolare oggi a Hollywood

ALTRI DA Speciale Festival di Cannes 2017
20 articles
Joaquin Phoenix: «Ho fatto bingo!»
Tutti gli abiti più belli visti sul red carpet del Festival di Cannes
Tutte le meglio vestite sul red carpet di Cannes
Le coppie famose più belle sul red carpet di Cannes
Le coppie più tenere sul red carpet di Cannes

Cara Sofia,

com'è difficile essere alla moda.

In questi giorni sei a Cannes per presentare L'inganno, un film che da solo è sublime compendio di cosa serve per essere popolare oggi a Hollywood (al netto di: avere un padre famoso che di nome fa Francis Ford). Primo: è un remake. Di un film del '71 che in Italia si chiama La notte brava del soldato Jonathan – originariamente si intitolano entrambi The Beguiled, ma la coerenza è una qualità che tende a perdersi con la traduzione – e racconta di un soldato ferito, accidentalmente ricoverato in un collegio per signorine sudiste, che si ritrova vittima di queste pazze scatenate.

Advertisement - Continue Reading Below

Secondo: ribalta l'onnipresente male gaze, il punto di vista maschilista. Non sono pazze scatenate, sono creature multidimensionali, ognuna con la sua buona ragione per sentirsi oppressa. Terzo: è stato voluto, girato, prodotto e/o interpretato da un gruppo di primedonne conclamate, tra cui Nicole Kidman, in magica armonia. Quarto: ha la benedizione di Beyoncé, sotto forma di piantagione della Louisiana in cui è stato girato, la stessa di Lemonade. Quinto: ha consentito la pubblicazione di un'intervista a due voci – la tua e quella di Kirsten Dunst – piena di deliziosi aneddoti e rassicuranti sorellanze.

More From Speciale Festival di Cannes 2017
20 articles
Joaquin Phoenix: «Ho fatto bingo!»
Tutti gli abiti più belli visti sul red carpet del Festival di Cannes
Tutte le meglio vestite sul red carpet di Cannes
Le coppie famose più belle sul red carpet di Cannes
Le coppie più tenere sul red carpet di Cannes
Cannes, Palma d'oro a The square: tutti i...
Diario da Cannes, scatta il toto Palma d'oro

Il frammento che è rimbalzato ovunque, però, è il meno credibile di tutti: tu avresti suggerito alla cara Kirsten di perdere qualche chilo, ché l'oppressione si porta meglio da emaciate, ma lei si sarebbe rifiutata perché «è troppo difficile quando hai 35 anni e odi la ginnastica». (E vedrai dopo, bambina mia). Siccome mi hanno insegnato che il sessismo è quella cosa che ti fa reagire diversamente a seconda del genere degli esseri umani interessati, mi sono immaginata la stessa conversazione tra papà tuo e un Marlon Brando qualunque che proprio non ne vuole sapere di sformarsi la mascella per far somigliare Don Corleone a un vecchio bulldog: «È troppo difficile quando hai 46 anni e scendi da un tram che si chiama Desiderio».

In questi stessi giorni tutti stanno guardando The Handmaid's Tale, serie tv che parimenti soddisfa le specifiche per il successo: è un remake, parla di donne oppresse, è piena di facce note – ma senza Nicole Kidman – dirette per i primi tre episodi da Reed Morano, una delle registe di Lemonade. È altresì tratta da Il racconto dell'ancella di Margaret Atwood, la quale ci tiene a specificare che il suo non è un romanzo femminista, «se con questo si intende un manifesto ideologico in cui tutte le donne sono angeli, o troppo vittime per poter fare delle scelte». In altre parole: non basta essere femmine, per evitare di dire stupidaggini.

More from Gioia!:
Kyle MacLachlan nella terza stagione di Twin Peaks
Film
CONDIVIDI
Il diario dell'ottava giornata di Cannes
Due film in concorso che non lasciano il segno e l'anteprima di Twin Peaks che hanno già visto tutti: oggi Cannes ci riserva ben poche...
Cannes 70
Film
CONDIVIDI
Il diario della settima giornata di Cannes
Una promozione (L'inganno di Sofia Coppola), una stroncatura (Rodin con Vincent Lindon) e molti appuntamenti per i cinefili
Film
CONDIVIDI
Il diario della sesta giornata di Cannes
Nicole Kidman, ancora tu? L'attrice è protagonista della serie tv diretta da Jane Campion: e non è finita qui
Abbigliamento
CONDIVIDI
Ieri come oggi: il glamour delle dive di Cannes
Da Sophia Loren a Grace Kelly fino a Brigitte Bardot: perché il festival di Cannes è anche questo, bellezza e divismo in bianco e nero
Nicole Kidman
Film
CONDIVIDI
Il diario della quinta giornata di Cannes
Nicole Kidman, oggi in uno delle sue 4 apparizioni sul red carpet, è la più acclamata e finalmente spunta una storia d'amore
Abbigliamento
CONDIVIDI
Lo stile iconico della Croisette
Tra il parigino e il navy: la moda di Cannes (durante il Festival e non) segue precise regole
Jasmine Trinca in Fortunata
Film
CONDIVIDI
Il diario della quarta giornata di Cannes
Nella quarta giornata di Festival ci si rilassa dopo la tensione per l'allarme bomba (falso), e finalmente si ride
Il cast di The Square
Film
CONDIVIDI
Il diario della terza giornata di Cannes
Day 3: il Festival ricorda i militanti sieropositivi e scandaglia le relazioni umane, tra commedia e satira
Il cast di Okja
Film
CONDIVIDI
Il diario della seconda giornata di Cannes
Le frontiere del cinema, si allargano ma forse il Festival non è ancora pronto e scoppia la polemica sui film Netflix
Abbigliamento
CONDIVIDI
Emily, una tanghera sul red carpet di Cannes
Quando il look sexy catalizza l'attenzione: la top model, questa volta, ha superato se stessa in una creazione di Peter Dundas