Milano Zucchero e Catrame, qui l'arte mi fa rosicare

L'arte e la cultura, in città, qualunque essa sia, non sono semplicemente una possibilità per la comunità, ma un'educazione al bello che migliora ognuno di noi

Più Popolare
Advertisement - Continue Reading Below

Canzone per leggere l'umore: Fly away with me, Tom Walker.

Nelle liste incrociate fatte da tutti i miei amici milanesi con «Le cose che devi fare a Milano altrimenti sei uno sfigato», la Fondazione Prada compare in tutte. Dalla prima all'ultima. Poi è successo che la vita ha vinto, la routine anche, corri di qua e corri di là, e alla fine ho sempre scelto di fare altro, rimandando l'appuntamento. Ieri, però, nonostante un caldo che solo a Roma e a Tangeri, accompagnato da un mio caro amico berbero, siamo andati con il suo "cammello a due ruote" a vedere la mostra: TV 70: Francesco Vezzoli guarda la Rai.

Più Popolare

Appena sono entrato non sono riuscito a godermi la mostra pienamente, vuoi perché mi sono perso iniziando dalla sala finale, vuoi perché per un romano a Milano rendersi conto che dei privati hanno investito così tanti soldi per trasformare un'ex distilleria in uno straordinario polo culturale, mi ha fatto rosicare. Lo dico da romano, ovviamente. Una città come Roma, la capitale, che - nonostante tutto - ha decine di imprenditori che avrebbero la forza economica di condividere la loro ricchezza con iniziative simili, continuano a costruire palazzi di merda (scusate il francesismo) e basta. L'arte, la cultura, la creatività, in città, qualunque essa sia, non sono semplicemente una possibilità per la comunità, ma un'educazione al bello che migliora ognuno di noi.

Ecco,la Fondazione Prada è una di quelle strutture da farti sentire fiero di essere italiano. Maestosa, imponente, internazionale.

Non dico altro. Ci siete sicuramente stati, vero?

Advertisement - Continue Reading Below

Torniamo alla mostra.

Non so la natura del vostro rapporto con la Tv - la detestate, la amate eccetera eccetera - ma una volta usciti dal percorso messo in piedi da Francesco Vezzoli, non potrete fare a meno di riflettere. La mostra racconta le produzioni Rai degli anni '70 sottolineando il carattere anarchico-rivoluzionario di quegli anni. Una bomba! È come se la politica avesse sottovalutato la potenza del mezzo televisivo, lasciando inconsapevolmente una libertà creativa pazzesca, aprendo le porte ad artisti, autori, registi. Vedendo gli spezzoni scelti dalle teche Rai sembra di essere davanti a opere di Visual Art. Da Cicciolina a Grace Jones, da Amanda Lear a Raffaella Carrà, Mina e Patty Pravo, le donne sono le protagoniste assolute della rivoluzione culturale di quegli anni. Una mostra che vi consiglio e che inevitabilmente, sulla via di casa, vi suggerirà una domanda: ma se la Tv è lo specchio dei nostri tempi, noi, a che punto siamo?

More from Gioia!:
Violenza sulle donne stereotipi da eliminare
Firme
CONDIVIDI
C'è solo un modo per sradicare la violenza sulle donne
Bisogna sradicare anzitutto gli stereotipi di genere, per cambiare la mentalità che accetta e tollera gli abusi fisici e sessuali
Firme
CONDIVIDI
Cara Chrissy, grazie per averci fatto piangere (soprattutto quella volta lì)
Abbiamo un gran bisogno di consolazione, ma dobbiamo anche imparare a non dare sempre la colpa alla società
Jovanotti cita Dalla
Firme
CONDIVIDI
Jovanotti non teme l'effetto nostalgia
Nel brano Oh, vita!, anticipazione del nuovo album che esce a dicembre, cita Futura di Lucio Dalla: ci vuole coraggio per farlo
Firme
CONDIVIDI
Felicità è portare i pantaloni con l'elastico
Se hai deciso che non te ne frega niente di farti guardare, tirarti a lucido è una cosa che non serve quasi mai
Bellezza e diversità  Lupita Nyong'o
Firme
CONDIVIDI
La bellezza non è più femminile singolare
Oggi per distinguersi c'è un solo modo: essere diverse, come Lupita Nyong'o, che non rinuncia ai suoi capelli afro
È ufficiale: Chiara Ferragni e Fedez aspettano il loro primo figlio, ecco perché sarà un bambino molto fortunato.
Firme
CONDIVIDI
Cara Chiara, sarai una madre favolosa
Perché possiedi un superpotere fondamentale per sopravvivere a questi tempi qui
Mamme permalose bambini
Firme
CONDIVIDI
Nessuno è permaloso come una mamma
Le madri di oggi sono, nell'eloquio, indistinguibili da come scriverei una parodia di mia madre
Kris Jenner con la figlia Kim Kardashian
Firme
CONDIVIDI
Cara Kris, le Kardashian non esisterebbero senza di te
Nessuna delle tue figlie sarebbe così com'è ora se tu non avessi avuto l'idea di farne lo spettacolo di questa generazione
Parità stipendio donne
Firme
CONDIVIDI
Equo compenso, non si tratta solo di soldi
Quando pretendiamo una retribuzione pari a quella degli uomini per il nostro lavoro stiamo parlando anche di dignità
Figli calo nascite
Firme
CONDIVIDI
Ma tu un figlio lo vorresti?
Se è vero che i giovani rinunciano ad avere bambini per cause di forza maggiore, perché 
non sono arrabbiati?