Curvy: non offendiamoci se la stampa ci chiama culone

Alla fine bisogna decidersi: se una abbraccia il partito del «mi piaccio come sono», non può prendersela se la stampa la etichetta come «una taglia forte»: vale per Amy Schumer, Lena Dunham e Kate Winslet

Le attrici si agitavano molto meno prima, quando a Hollywood toccava essere giovani, rispetto a ora, che è questione di taglia e l'egemonia apparente è delle culone. La conquista del territorio da parte di quelle che non sono mai entrate in una 42 è avvenuta a botte d'immedesimabilità: la meraviglia di essere simili, io povera disgraziata e tu multimilionaria, entrambe guardate male da commesse che temono lo sfondamento delle lampo delle gonne che ci ostiniamo a voler provare. Ma ogni egemonia si nutre dell'atteggiarsi a vittima: il tuo carnefice è la stampa che vuole smagrirti, mentre tu sei un'orgogliosa culona che ribadisce ogni minuto che si piace così com'è. 

Advertisement - Continue Reading Below

Il mese scorso Lena Dunham aveva fatto una piazzata perché un giornale spagnolo aveva messo in copertina una sua foto ritoccata (un classico: la parte dell'indignata d'essere stata resa più alta e più magra l'aveva già interpretata Kate Winslet anni fa). Il giornale le aveva risposto con un cortese giro di parole riconducibile a: ciccia, a noi la foto è arrivata così direttamente dal fotografo, al limite gliel'avevi fatta ritoccare tu prima. Lena ha impapocchiato una contorta risposta sulla colpa dei giornali (e ti pareva) che a furia di ritoccarla le hanno reso irriconoscibile il suo stesso corpo. 

Più Popolare

Ora tocca ad Amy Schumer, indignata perché l'edizione americana di Glamour l'ha messa in una lista di «donne che ci ispirano». Sul numero speciale taglie forti. Naturalmente Amy (come Lena, come Kate) vuole proteggere le ragazzine che la vedono definita "taglia forte" e magari sono come lei e si complessano. Generosamente preoccupata per le adolescenti, mica nervosa perché le hanno dato della culona sulla copertina d'un giornale. 

Senza mettersi a ridere, Amy ci spiega poi che le taglie forti sono dalla 16 (una 52 italiana) in su, e lei invece sta tra la 6 e la 8. Tra la 42 e la 44. Purtroppo tocca scegliere: o fate di voi stesse un manifesto del «mi piaccio come sono», o vi calate le taglie. Ci sono stati anni felici (o se non felici almeno sottili) in cui entravo nella 42, cara Amy: il mio punto vita d'allora misurava come il tuo girocoscia d'adesso. Dammi retta: la taglia si vede, calarsi gli anni è più ragionevole. 

More from Gioia!:
milano-zucchero-e-catrame-mi-sono-perso-al-cimitero-monumentale
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, non fate i superstiziosi
Da quando a Milano mi sono sentito dire spesso di andare a vedere il Cimitero Monumentale, e alla fine ho seguito il consiglio
Firme
CONDIVIDI
Terroristi per caso, da Parigi a Londra
L'attacco al Parlamento di Londra del 22 marzo è stato l'ultimo attentato che ha sconvolto l'Europa, ma prima c'era stato l'aeroporto d'Orly
Firme
CONDIVIDI
Bullo è una parola che fa ridere
È tempo di chiamare le cose con il loro nome: i bulli bulli, chi compie atti gravi che violano corpi e identità, invece, criminali
Kristen Stewart, famosa per un certo approccio annoiato ai red carpet, sostiene di essere timida
Firme
CONDIVIDI
Kristen, hai il permesso di non sorridere
In nome e per conto di tutte quelle che non vogliono essere simpatiche, vogliono essere lasciate in pace
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, ho conosciuto un artista
Potete chiamarlo anche artigiano o visionario: Fabrizio è una persona che smonta oggetti o li recupera per costruirne altri. Bellissimi
Firme
CONDIVIDI
«La mia ragazza vuole sapere se sono bisessuale»
«Io tutta questa ansia della definizione non la capisco», perché tu cogli l'essenza dell'amore: volere quella persona e nessun'altra, come...
Firme
CONDIVIDI
Il video virale del professore e la (finta) colf
Il video con l'intervista all'esperto Robert Kelly è un bel test su come gli stereotipi ci portino quasi sempre fuori strada
Firme
CONDIVIDI
Se vuoi ingrassare, cercati un colpevole
È una strategia di sopravvivenza: la gente non vuole che tu ammetta serenamente i tuoi limiti, la gente vuole che te ne scusi
Firme
CONDIVIDI
Emma Bonino sui migranti, senza falsi buonismi
Alla convention del Pd ha detto una cosa di sinistra: dobbiamo occuparci della loro integrazione, perché sono una risorsa
Firme
CONDIVIDI
Se sfoghi nel cibo il tuo male di vivere
Alle bambine vorrei ricordare che i protagonisti dei film più belli non sono i vincenti, ma i goffi che ancora non sanno di essere speciali