Ai figli mitomani spiegate cos'è una bolletta

I figli delle mie amiche, anche se sono fuori casa, elemosinano ricariche e paghette

In un vecchio film di Woody Allen, Interiors, Diane Keaton fa la scrittrice d'insuccesso figlia di famiglia altoborghese. Quando il film è uscito avevo sei anni, e non so quanti decenni siano che non lo rivedo, tuttavia ricordo ancora il litigio durante il quale una delle sorelle le rinfaccia: «Papà ti mantiene perché tu possa guadagnarti l'eternità scrivendo». Quell'istantanea lì era al tempo stesso ambizione e monito: sarò quella così intellettuale da non potersi occupare delle cose materiali; sarò quella così mitomane da credere che alle bollette debba pensarci qualcun altro mentre io coltivo la mia vita interiore.

Advertisement - Continue Reading Below

Adesso che ho l'età per essere io papà, vedo lo stesso scivoloso confine tra ambizione e mitomania nei figli più grandi delle mie amiche. Quelle (poche) che sono riuscite a mandarli a calci via di casa mi raccontano di universitari che elemosinano ricariche per il cellulare e paghette extra perché è arrivata una bolletta e loro mai si sarebbero aspettati che la società pretendesse da loro soldi per l'elettricità: cos'abbiamo un governo di sinistra a fare, se non è gratis? Ho la tentazione di rispondere che potrebbe essere segno di grandezza: nella sua autobiografia, Bruce Springsteen racconta d'aver suonato per anni solo per pagare i debiti col fisco, giacché, quando aveva iniziato, proprio non aveva idea esistessero un lordo, un netto, delle tasse, e insomma per anni non aveva pagato niente. Ma poi penso che per carità, ci manca solo che alimenti la megalomania della prole altrui.

Più Popolare

Invece, vorrei che leggessero di quella mamma dell'Ontario che ha presentato il conto al figlio 23enne, che da un anno vive con lei assieme alla fidanzata, ed era stato sgarbato. C'è dentro tutto, dal dentista a una tassa speciale: «imposta sull'essere uno stronzo ingrato», 1.000 dollari. Il ragazzo ha messo online il conto. Dice che ora ha capito, non aveva idea dei costi, sarà più mansueto. Secondo me, ha capito solo che ormai anche sulle sgridate si possono prendere i like.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Cara Chrissy, grazie per averci fatto piangere (soprattutto quella volta lì)
Abbiamo un gran bisogno di consolazione, ma dobbiamo anche imparare a non dare sempre la colpa alla società
Jovanotti cita Dalla
Firme
CONDIVIDI
Jovanotti non teme l'effetto nostalgia
Nel brano Oh, vita!, anticipazione del nuovo album che esce a dicembre, cita Futura di Lucio Dalla: ci vuole coraggio per farlo
Firme
CONDIVIDI
Felicità è portare i pantaloni con l'elastico
Se hai deciso che non te ne frega niente di farti guardare, tirarti a lucido è una cosa che non serve quasi mai
Bellezza e diversità  Lupita Nyong'o
Firme
CONDIVIDI
La bellezza non è più femminile singolare
Oggi per distinguersi c'è un solo modo: essere diverse, come Lupita Nyong'o, che non rinuncia ai suoi capelli afro
È ufficiale: Chiara Ferragni e Fedez aspettano il loro primo figlio, ecco perché sarà un bambino molto fortunato.
Firme
CONDIVIDI
Cara Chiara, sarai una madre favolosa
Perché possiedi un superpotere fondamentale per sopravvivere a questi tempi qui
Mamme permalose bambini
Firme
CONDIVIDI
Nessuno è permaloso come una mamma
Le madri di oggi sono, nell'eloquio, indistinguibili da come scriverei una parodia di mia madre
Kris Jenner con la figlia Kim Kardashian
Firme
CONDIVIDI
Cara Kris, le Kardashian non esisterebbero senza di te
Nessuna delle tue figlie sarebbe così com'è ora se tu non avessi avuto l'idea di farne lo spettacolo di questa generazione
Parità stipendio donne
Firme
CONDIVIDI
Equo compenso, non si tratta solo di soldi
Quando pretendiamo una retribuzione pari a quella degli uomini per il nostro lavoro stiamo parlando anche di dignità
Figli calo nascite
Firme
CONDIVIDI
Ma tu un figlio lo vorresti?
Se è vero che i giovani rinunciano ad avere bambini per cause di forza maggiore, perché 
non sono arrabbiati?
Non più un intoccabile di Hollywood, il molestatore delle dive Harvey Weinstein ci obbliga a una riflessione in più: oltre all'indignazione e alla solidarietà, dobbiamo essere capaci di raffinare l'analisi ed emanciparci da ruolo di vittime perfette.
Firme
CONDIVIDI
Cara Blythe, le figlie devono imparare a difendersi da sole
Se Gwyneth è in grado di badare a se stessa, che bisogno aveva di una lettera della sua mamma al giornale che l'ha criticata?