Rifiuti a Roma: nel degrado della capitale nessuno è innocente

Cambiano i sindaci ma la capitale è sempre sporca, i cittadini non sanno cosa sia la raccolta differenziata e i politici non fanno che rimpallarsi le responsabilità

Mutano i presidenti alla Casa Bianca e all'Eliseo, nuovi missili partono dalla Corea del nord, versioni sempre più costose ed elaborate di smartphone invadono i mercati globali. Per non parlare degli uragani sempre diversi che aggrediscono le coste del Messico. Ma Roma non cambia mai.

Era zozza col sindaco di centrodestra. Era lercia con quello del Pd. È sudicia con la sindaca cinquestelle. Nulla nel pianeta è più immutabile dell'olezzo emanato dai cassonetti traboccanti che addobbano le strade della capitale. Quasi tutti tenuti con le bocche aperte da provvidenziali bastoni che permettono a un esercito di parassiti del rifiuto di razzolarci dentro. D'altra parte, il recupero di materiali di scarto dai cassoni alimenta un florido mercato parallelo di ferro, carta, elettrodomestici e sanitari.

Advertisement - Continue Reading Below

Eppure, di fronte allo sfacelo di marciapiedi e giardini impraticabili, la politica non fa altro che rimpallarsi le responsabilità. La sindaca Raggi, che aveva promesso la rivoluzione dei rifiuti, costretta a pagare i tedeschi perché si prendano l'immondizia romana. E sempre pronta a incolpare le amministrazioni precedenti. Matteo Renzi che invita i militanti a indossare la pettorina gialla e spazzare le strade nell'ennesimo spot elettorale. Come se il suo partito con lo sfascio di Roma non avesse nulla a che fare.

Più Popolare

In mezzo i cittadini, certo non incolpevoli di tanto sudiciume. Nella capitale una vera raccolta differenziata è ancora sconosciuta, come si evince da una semplice sosta di dieci minuti in area cassonetto. E troppi si sentono in diritto di liberarsi per strada di un rifiuto ingombrante, frigorifero compreso. Quanto all'Ama, l'immensa municipalizzata dei rifiuti, è stata spolpata da partiti, sindacati e corruttori. Da grande bellezza a grande discarica, non ci sono innocenti nel degrado capitale: almeno i partiti ci risparmino il loro indecente rimpallo delle colpe.

More from Gioia!:
Violenza sulle donne stereotipi da eliminare
Firme
CONDIVIDI
C'è solo un modo per sradicare la violenza sulle donne
Bisogna sradicare anzitutto gli stereotipi di genere, per cambiare la mentalità che accetta e tollera gli abusi fisici e sessuali
Firme
CONDIVIDI
Cara Chrissy, grazie per averci fatto piangere (soprattutto quella volta lì)
Abbiamo un gran bisogno di consolazione, ma dobbiamo anche imparare a non dare sempre la colpa alla società
Jovanotti cita Dalla
Firme
CONDIVIDI
Jovanotti non teme l'effetto nostalgia
Nel brano Oh, vita!, anticipazione del nuovo album che esce a dicembre, cita Futura di Lucio Dalla: ci vuole coraggio per farlo
Firme
CONDIVIDI
Felicità è portare i pantaloni con l'elastico
Se hai deciso che non te ne frega niente di farti guardare, tirarti a lucido è una cosa che non serve quasi mai
Bellezza e diversità  Lupita Nyong'o
Firme
CONDIVIDI
La bellezza non è più femminile singolare
Oggi per distinguersi c'è un solo modo: essere diverse, come Lupita Nyong'o, che non rinuncia ai suoi capelli afro
È ufficiale: Chiara Ferragni e Fedez aspettano il loro primo figlio, ecco perché sarà un bambino molto fortunato.
Firme
CONDIVIDI
Cara Chiara, sarai una madre favolosa
Perché possiedi un superpotere fondamentale per sopravvivere a questi tempi qui
Mamme permalose bambini
Firme
CONDIVIDI
Nessuno è permaloso come una mamma
Le madri di oggi sono, nell'eloquio, indistinguibili da come scriverei una parodia di mia madre
Kris Jenner con la figlia Kim Kardashian
Firme
CONDIVIDI
Cara Kris, le Kardashian non esisterebbero senza di te
Nessuna delle tue figlie sarebbe così com'è ora se tu non avessi avuto l'idea di farne lo spettacolo di questa generazione
Parità stipendio donne
Firme
CONDIVIDI
Equo compenso, non si tratta solo di soldi
Quando pretendiamo una retribuzione pari a quella degli uomini per il nostro lavoro stiamo parlando anche di dignità
Figli calo nascite
Firme
CONDIVIDI
Ma tu un figlio lo vorresti?
Se è vero che i giovani rinunciano ad avere bambini per cause di forza maggiore, perché 
non sono arrabbiati?