Quando sposarsi era meglio che lavorare

Oggi il concetto stesso di «tenore di vita» è ridicolmente antiquato: chi può denunciare in tribunale la crisi economica?

Più Popolare

I miei genitori si sono detestati finché morte (di lui) non li ha separati, come aveva ordinato loro il prete trentasette anni prima. Sono rimasti sposati in salute, malattia, amanti (di lui), abbandoni del tetto coniugale (indovinate un po': sempre di lui), ricchezza (di lui) e tracolli finanziari (inevitabili, visto che il bilancio di famiglia lo teneva lei, che era capace di farsi prestare i soldi dalla cameriera pur di non rinunciare a un tenore di vita comprensivo di autista – non è un esempio di fantasia). Di solito dico che è un problema generazionale: c'è stato un tempo in cui era un'eccezione che le donne lavorassero, un'eccezione che confinava con la follia; la norma non era certo un genio della matematica come la prima moglie di Einstein, ma una che dicesse il rosario come la moglie del Gattopardo. Ma so di mentire: sì, era così all'epoca di mia nonna (che rimase vedova a quarant'anni e non uscì mai più di casa se non per andare in chiesa); ma pochi decenni dopo era già tutto diverso.

Advertisement - Continue Reading Below

Di tutte le parenti di entrambi i rami familiari, mia madre è l'unica donna che non abbia mai lavorato: tra le sue coetanee hanno sempre avuto un impiego sua sorella e le sue cognate, le sue cugine e le meno infelici delle sue amiche (non ho mai visto nessuno non lavorare e avere un qualche equilibrio psichico). E stiamo parlando dello sprofondo del Molise o della Brianza o di Bologna, neanche vado a scomodare casi di parti più avanzate del mondo, neanche cito il fatto che Nora Ephron era coetanea di mia madre e quando ha scoperto che il marito la tradiva il suo primo pensiero non è stato come tenerselo comunque né come farsi mantenere a vita: si è messa a lavorare (come, nelle stesse circostanze, fece la sorella di mio padre). Quando la settimana scorsa la corte di Cassazione ha stabilito che quello per cui devi conservare lo stesso tenore di vita dopo il divorzio, e devi farlo coi soldi del tuo ex, è un principio antiquato, i miei conoscenti si sono divisi in due fazioni. Quelli (in genere avvocati) che sostenevano fosse punitivo per le donne, e tutto per colpa di qualche avida che vuole troppo (ho il sospetto che le loro clienti siano ex mogli che hanno perfino meno voglia di lavorare di mia madre). E quelli, tutti ex mariti che hanno come principale argomento di conversazione le pretese economiche delle ex mogli, che si sentivano finalmente vendicati. Il fatto però è che è il concetto stesso di «tenore di vita» a essere ridicolmente antiquato.

Più Popolare

L'idea che ci sia qualcosa di garantito è fantascientifica per chiunque fosse già adulta all'inizio di questo secolo. Se siete libere professioniste, guadagnerete molto meno di dieci anni fa (lo so perché sono una di voi). Se eravate lavoratrici dipendenti, non è detto lo siate ancora. Non siamo andate a frignare in tribunale, anche perché non c'è un tribunale presso il quale denunciare il destino cinico e baro, la crisi e la sfiga di non vivere in anni di boom economico.

Ci siamo date da fare, com'è normale che sia. Senza aspettare che ci salvasse il principe azzurro. Specialmente se quel principe azzurro somiglia a papà, cioè è un uomo infelice che si fa due conti e capisce che, se deve comunque mantenere una moglie insopportabile, tanto vale non dover pagare anche l'affitto d'un secondo appartamento.

(Nella foto d'apertura: un'immagine della terza stagione di Revenge, ndr).

More from Gioia!:
Jovanotti cita Dalla
Firme
CONDIVIDI
Jovanotti non teme l'effetto nostalgia
Nel brano Oh, vita!, anticipazione del nuovo album che esce a dicembre, cita Futura di Lucio Dalla: ci vuole coraggio per farlo
Firme
CONDIVIDI
Felicità è portare i pantaloni con l'elastico
Se hai deciso che non te ne frega niente di farti guardare, tirarti a lucido è una cosa che non serve quasi mai
Bellezza e diversità  Lupita Nyong'o
Firme
CONDIVIDI
La bellezza non è più femminile singolare
Oggi per distinguersi c'è un solo modo: essere diverse, come Lupita Nyong'o, che non rinuncia ai suoi capelli afro
È ufficiale: Chiara Ferragni e Fedez aspettano il loro primo figlio, ecco perché sarà un bambino molto fortunato.
Firme
CONDIVIDI
Cara Chiara, sarai una madre favolosa
Perché possiedi un superpotere fondamentale per sopravvivere a questi tempi qui
Mamme permalose bambini
Firme
CONDIVIDI
Nessuno è permaloso come una mamma
Le madri di oggi sono, nell'eloquio, indistinguibili da come scriverei una parodia di mia madre
Kris Jenner con la figlia Kim Kardashian
Firme
CONDIVIDI
Cara Kris, le Kardashian non esisterebbero senza di te
Nessuna delle tue figlie sarebbe così com'è ora se tu non avessi avuto l'idea di farne lo spettacolo di questa generazione
Parità stipendio donne
Firme
CONDIVIDI
Equo compenso, non si tratta solo di soldi
Quando pretendiamo una retribuzione pari a quella degli uomini per il nostro lavoro stiamo parlando anche di dignità
Figli calo nascite
Firme
CONDIVIDI
Ma tu un figlio lo vorresti?
Se è vero che i giovani rinunciano ad avere bambini per cause di forza maggiore, perché 
non sono arrabbiati?
Non più un intoccabile di Hollywood, il molestatore delle dive Harvey Weinstein ci obbliga a una riflessione in più: oltre all'indignazione e alla solidarietà, dobbiamo essere capaci di raffinare l'analisi ed emanciparci da ruolo di vittime perfette.
Firme
CONDIVIDI
Cara Blythe, le figlie devono imparare a difendersi da sole
Se Gwyneth è in grado di badare a se stessa, che bisogno aveva di una lettera della sua mamma al giornale che l'ha criticata?
Firme
CONDIVIDI
Il maniaco senza qualità è peggio di Weinstein
C'è chi pensa di poterti saltare addosso senza possedere punti di forza evidenti, e senza che tu gli abbia dato il via libera