Cosa significa la cellulite di Kim Kardashian

È tornata la stagione del bikini, e puntuali spuntano foto non ritoccate del sedere più famoso del web, ma quei cuscinetti parlano di noi

Più Popolare

Cara Kim,

finalmente ho capito chi sei.

Il tuo culo è una macchia di Rorschach. Dopo l'inverno post-traumatico del nostro scontento – la quiete dopo la rapina, una compunta riflessione sul lato oscuro della celebrità – è tornata la stagione dei bikini su tabloid, e puntuale sei partita per una vacanza in Messico dalla quale ci hai fatto recapitare cartoline paparazzate senza ritocco.

La notizia non è che hai la cellulite (di cosa altro pensavamo potesse essere piena una chiappa di quelle dimensioni? Muscoli? Banconote? Provviste per l'inverno?). La notizia è che la tua cellulite è stata argomento di conversazione per almeno un paio di giorni – che su internet equivale a un'ipoteca sull'eternità. E la reazione ai tuoi cuscinotti racconta, come al solito, assai più di noi che di te.

Advertisement - Continue Reading Below

Più Popolare

Ci sono quelle soddisfatte: è l'era dell'orgoglio cicciottello, che coraggiosa sei stata a non scendere in spiaggia scafandrata. Sono convinte che il sovrappeso sia un'espressione di libertà, e che la curva dei tuoi fianchi richieda meno disciplina della retta di Gisele. Ci sono quelle infastidite: ma come ti viene in mente di farti vedere così? Certo che faresti qualunque cosa per attirare l'attenzione (ma dai!). Sono convinte esista un'unica verità: un monolito in formalina, fatto a forma di Audrey Hepburn. E poi ci sono le eterne scontente: il culone è una dichiarazione politica solo quando è grasso naturale, tu chissà quanto hai brigato per deformarlo così. Sono convinte che il segreto del successo sia l'autenticità, nientemeno.

Hey

A post shared by Kim Kardashian West (@kimkardashian) on

In questi giorni in un teatro di Londra è in scena Don Juan in Soho, una riscrittura moderna del Don Giovanni di Molière. No, non sono diventata intellettuale tutt'a un tratto: sul palco c'è quel figo di David Tennant – fu Doctor Who, poi il detective secco di Broadchurch: non il tuo tipo – e mi serviva una scusa per lasciare a casa le figlie. Ha funzionato, e inoltre lì ho capito cosa il tuo sedere racconta di te.

La rivelazione è arrivata col discorsetto finale: «Noi viviamo nell'era delle scuse, da non confondersi con la sincerità», tra gente che è «corrotta, infelice, aggrappata a qualunque cosa mandi avanti la barca in questo oceano di ingiustizia: sfigati con storie da vendere – biografie, confessioni, sfoghi – per un mondo di piagnoni professionisti». Ecco, penserai: un'altra che ti dà della morta di fama.

E invece no, Kim. Tu sei come Don Juan: «Le mie bugie sono oneste; io so quando mento, io so perché». Ti distingui dalla massa di insta-lagnosi, sei una purista della menzogna. E il tuo culo è come ogni seduzione riuscita: tutto il contrario dell'ipocrisia.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, il nuovo Apple store dimostra che questa è una città pulsante
Lo stanno ancora costruendo, ma il negozio del colosso hi tech che sorgerà in Piazza Liberty mi ha acceso l'anima: Milano non resta ferma,...
Firme
CONDIVIDI
A proposito del matrimonio di Jessica Chastain
I giornali americani hanno esaltato il fatto che il marito è nobile: contessa è un titolo più monetizzabile di star di Hollywood?
Firme
CONDIVIDI
Litigare per lo ius soli non è Smart
L'Italia è il Paese della burocrazia, però a noi di Gioia! piace la gente sveglia, che fa: per loro abbiamo creato gli Smart awards
Dopo la nascita dei gemelli Elle e Alexander, Amal e George Clooney si accorgeranno che le altre mamme hanno sempre ragione: sono uscite dai forum di internet e hanno conquistato il mondo.
Firme
CONDIVIDI
Cara Amal, difendici dalle mamme
Ti accorgerai presto che il mondo è diventato un gigantesco circolo di madri che sanno tutto, prima, e meglio di te
Firme
CONDIVIDI
Perché gli alberghi sono peggio degli amanti
Ho tradito il mio solito hotel con un cinque stelle lusso e, come tutte le fedifraghe, mi sono pentita
Milano Zucchero e catrame come sopravvivere al caldo (la triste verità)
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, ma allora fa caldo!
«Milano città del nord e quindi fresca» mai luogo comune è stato più errato e lo scopri (tristemente) solo vivendoci
Firme
CONDIVIDI
Multitasking non è un complimento
Andare in corto circuito, fino a dimenticare un bambino in auto: ma a mandarci in tilt sono le aspettative sociali
Dopo anni passati a essere considerata una rovinafamiglie, la duchessa di Cornovaglia Camilla Parker Bowles ha guadagnato il titolo di regina d'Inghilterra e dei modelli da imitare.
Firme
CONDIVIDI
Cara Camilla, sei la nostra regina
Perché ci hai insegnato le virtù della pazienza, e il segreto della felicità
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, le cose che odio di questa città che amo
Mi fa sentire a casa, ma ci sono certe questioni di questo posto che proprio non mi vanno giù: i citofoni tecnologici, le zanzare, i numeri...
zerocalcare-cappuccio-rosso-morta
Firme
CONDIVIDI
Chi era Ayse, la Cappuccio Rosso di Zerocalcare
Aveva 23 anni la combattente curda detta Cappuccio Rosso nei fumetti di Zerocalcare sulla guerra siriana: è caduta nell'assalto a Raqqa