Kirk Douglas, Anne e il matrimonio perfetto

Per il loro 63esimo anniversario di nozze l'attore e la sua seconda moglie, Anne Buydens, si sono regalati un libro che raccoglie le loro lettere d'amore, e molte altre perle

Più Popolare

Qualcuna di voi sa che anni fa scrissi un libro sull'adulterio, su come noi europei siamo molto più adulti nell'approcciarlo rispetto agli americani. Se su quel libro mi intervistava qualche americano, vedevo mandibole cadere a terra all'idea che, in un matrimonio di lunga durata, il tradimento sia parte del pacchetto, e la monogamia nei secoli dei secoli sia impossibile (non per nulla è un concetto inventato quando si moriva a cinquant'anni).

Advertisement - Continue Reading Below

Poi è arrivata Anne Buydens, francese sposata da 63 anni (non è un refuso: sessantatré) con un signore che si chiama Kirk Douglas e ha fatto la storia di Hollywood. Quando si sono incontrati, lui aveva già due figli dalla prima moglie. Adesso lui ne ha compiuti 100 (non è un refuso: cento), e i due si sono fatti un regalo: un libro che raccolga le lettere d'un matrimonio riuscito. Kirk and Anne: Letters of love, laughter, and a lifetime in Hollywood contiene molte perle, nonché la miglior risposta alle vestali della monogamia indignate dai costumi coniugali europei. «Sono europea: sapevo che la fedeltà totale è irrealistica in un matrimonio», scrive Anne. Trent'anni fa il giovane settantenne Kirk Douglas scrisse un'autobiografia. Raccontava, col permesso della moglie, alcune delle sue storielle, da come ci aveva provato a vuoto con Lauren Bacall al flirt che aveva avuto con Christina Crawford (la figlia di Joan che scrisse Mammina cara). Il commento della moglie che gli aveva dato il permesso di raccontare i diversivi con le altre è: «Sono certa che sia stato quel candore a fare del libro un bestseller».

Più Popolare

Probabilmente c'entra l'aver trascorso tutta la vita nel cinema (Anne era un'addetta stampa, le affidarono Kirk sul set di Atto d'amore, a Parigi), ma il matrimonio dei Douglas è una sceneggiatura perfetta, e un manuale per aspiranti all'eternità di coppia. È tutto favoloso, dalla prima volta in cui lui la invita con certi amici suoi in un ristorante chic, e lei «No grazie, preferisco andare a casa a farmi due uova» («'sta stronza», racconta d'aver comprensibilmente pensato lui, «io sono una star del cinema»); alle nozze durante cui lei avrebbe confuso lawfully con awfully, mutando la formula «mio marito di fronte alla legge» in «orrendamente mio marito»; a quella volta che litigarono perché lei non si fidava degli aerei privati e lui prese un volo di linea ma odiandola, e l'aereo privato su cui avrebbe dovuto volare era quello di Mike Todd, l'allora marito di Liz Taylor. Che si schiantò, e Kirk si salvò. È tutto perfetto, e nella prefazione Michael Douglas rievoca la madre, la prima signora Douglas, Diana: Anne la chiamava «la nostra ex moglie». Manca solo qualcuno che chieda a Catherine Zeta-Jones se anche lei chiama così quella che l'ha preceduta.

More from Gioia!:
Emergenza migranti: tutti addosso allo scafista
Firme
CONDIVIDI
Emergenza migranti: dagli allo scafista
È lui il nuovo nemico assoluto: fermarlo è la priorità, la causa comune che ci autorizza a buttare a mare tutto il resto
Firme
CONDIVIDI
Facebook, il cimitero delle nostre illusioni
La funzione «Accadde oggi» ti ricorda cosa scrivevi tot anni fa: così scopri quanto sono scemi quelli che ti sembravano intelligenti
Primo amore da vivere senza riserve
Firme
CONDIVIDI
Primo amore: vivilo senza riserve
Altri ne verranno, di amori che tolgono il respiro, ma nessuno avrà la forza dirompente e fiduciosa di questo, acerbo e senza codici
femminicidio: per le donne uccise dagli uomini l'allarme non scatta mai
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: per le donne l'allarme sicurezza non scatta mai
S'allunga la lista delle donne uccise dagli uomini che stavano loro accanto, ma si fa finta che le emergenze nazionali siano altre
Kaia Gerber, La figlia di Cindy Crawford è uno schianto, fa la modella, rilascia dichiarazioni ragionevolmente giudiziose, ma ecco perché non sarà mai irripetibile come la madre.
Firme
CONDIVIDI
Cara Cindy, tua figlia non sarà mai bella come te
La fotogenia si eredita, il mestiere si impara, l'irripetibilità è un accidente
Firme
CONDIVIDI
E tu dov'eri quando è morta la principessa Diana?
Lady D era il pezzetto di cultura popolare che univa noi e le nostre nonne: è scomparsa 20 anni fa, il 31 agosto 1997
nomofobia
Firme
CONDIVIDI
Compito per le vacanze: spegnere lo smartphone
Quando comincerete ad assaporare l'ebbrezza della non reperibilità vuol dire che ne siete fuori: si chiama ritorno alla vita, ed è...
Sostiene Monica Lewinski che gli uomini nuovi (come Brad Pitt o il principe Harry) sono finalmente diventati profondi, affascinanti, vulnerabili, e financo femministi: ma siamo sicure sia una vittoria?
Firme
CONDIVIDI
Cara Monica, la lagna è come l'amore: non si divide, si moltiplica
Capisco il sollievo del mal comune, ma non condivido il mezzo gaudio per l'improvvisa familiarità che certi famosi ostentano col crepacuore
Firme
CONDIVIDI
Se la celeb sembra (ma non è) una di noi
La prima fu Diana, l'ultima è Angelina Jolie che, forse per la crisi dei 40, dichiara di piangere nella doccia per non far preoccupare i...
Firme
CONDIVIDI
Vacanze: finalmente si parte!
Solo da noi l'estate viene vissuta con tale enfasi: qui si emigra letteralmente ed è tutto uno stress. Soprattutto al rientro