«Il mio capo mi ha fatto una gran corte, poi ha trovato un'altra da sedurre»

«Mi ha corteggiata, però senza portarmi a letto: si è presto stancato e ha sedotto una nuova favorita»: lui si nutre di nuove prede ma tu non sei un agnellino, pensavi di far carriera ma ti è andata male

Più Popolare

La scrittrice Barbara Alberti risponde alle lettrici e ai lettori di Gioia! che vogliono sottoporle i loro problemi di cuore: scrivetele all'indirizzo maleducazione.sentimentale@hearst.it. Ecco il suo consiglio a una donna che dopo avere accettato la corte del suo capo ha perso le possibilità di far carriera in quel posto di lavoro.

La lettera

«Psicologa alle prime armi, avevo pochi pazienti. Così quando mi hanno offerto di lavorare per un'importante associazione diretta da un nume in materia, mi è sembrato di entrare nell'Olimpo. Subito una buona clientela. Tutti pendevano dalla labbra del Capo, e lui mi trattava come un genio, mi prospettava una grande carriera, i miei colleghi – quasi tutti donne – erano gelosi. Solo sua moglie era gentile. Lui mi ha fatto una gran corte senza portarmi a letto (io ci sarei andata), solo baci dietro le porte. Mi sentivo fra le braccia di Zeus. Ma si è presto raffreddato, per sedurre una nuova favorita (con lei, però, a letto c'è andato). La moglie è d'accordo che lui arruoli un esercito di devote. Ora che non sono più in carica, lei e gli altri, tutti ruffiani sleali che conoscevano il gioco, ridono di me. Se me ne vado, perdo il mio giro di pazienti. Sono furiosa per essere caduta in trappola, vorrei incenerire quel mostro, che mi ha fatto sentire una regina e poi un'immondizia… ». (Lou)

Advertisement - Continue Reading Below

Risponde Barbara Alberti

Ti sta bene. Zeus, Olimpo… È solo una piccola corte attorno a un grande ometto, un deuccio che schiavizza la moglie riducendola a complice e mezzana (lei non fa pena, visto che accetta). E, intorno, un cerchio di donne che fanno parte di un sistema di potere. Non occorre portarle tutte a letto. Il tuo capetto trombone non si scomoda per tutte, anche lì c'è una gerarchia, con te ha pensato che bastasse qualche bacio e un po' di adulazione. Una corte con gerarchie non meno ridicole di quelle del Re Sole, dove a poco a poco i raggi si allontanano, perché Lui si nutre di nuove prede. Tu, però, mica sei capitata lì come un agnellino; tu pensavi di far carriera con l'aiuto del sovrano, solo che t'è andata male. E quanto alla lealtà, la gentilezza della moglie non ti ha certo trattenuto dall'avere una storia col marito. Sei come loro, solo meno sveglia: ci sei cascata come un tordo. Hai le bassezze della furberia, ma non il talento.

More from Gioia!:
Violenza sulle donne stereotipi da eliminare
Firme
CONDIVIDI
C'è solo un modo per sradicare la violenza sulle donne
Bisogna sradicare anzitutto gli stereotipi di genere, per cambiare la mentalità che accetta e tollera gli abusi fisici e sessuali
Firme
CONDIVIDI
Cara Chrissy, grazie per averci fatto piangere (soprattutto quella volta lì)
Abbiamo un gran bisogno di consolazione, ma dobbiamo anche imparare a non dare sempre la colpa alla società
Jovanotti cita Dalla
Firme
CONDIVIDI
Jovanotti non teme l'effetto nostalgia
Nel brano Oh, vita!, anticipazione del nuovo album che esce a dicembre, cita Futura di Lucio Dalla: ci vuole coraggio per farlo
Firme
CONDIVIDI
Felicità è portare i pantaloni con l'elastico
Se hai deciso che non te ne frega niente di farti guardare, tirarti a lucido è una cosa che non serve quasi mai
Bellezza e diversità  Lupita Nyong'o
Firme
CONDIVIDI
La bellezza non è più femminile singolare
Oggi per distinguersi c'è un solo modo: essere diverse, come Lupita Nyong'o, che non rinuncia ai suoi capelli afro
È ufficiale: Chiara Ferragni e Fedez aspettano il loro primo figlio, ecco perché sarà un bambino molto fortunato.
Firme
CONDIVIDI
Cara Chiara, sarai una madre favolosa
Perché possiedi un superpotere fondamentale per sopravvivere a questi tempi qui
Mamme permalose bambini
Firme
CONDIVIDI
Nessuno è permaloso come una mamma
Le madri di oggi sono, nell'eloquio, indistinguibili da come scriverei una parodia di mia madre
Kris Jenner con la figlia Kim Kardashian
Firme
CONDIVIDI
Cara Kris, le Kardashian non esisterebbero senza di te
Nessuna delle tue figlie sarebbe così com'è ora se tu non avessi avuto l'idea di farne lo spettacolo di questa generazione
Parità stipendio donne
Firme
CONDIVIDI
Equo compenso, non si tratta solo di soldi
Quando pretendiamo una retribuzione pari a quella degli uomini per il nostro lavoro stiamo parlando anche di dignità
Figli calo nascite
Firme
CONDIVIDI
Ma tu un figlio lo vorresti?
Se è vero che i giovani rinunciano ad avere bambini per cause di forza maggiore, perché 
non sono arrabbiati?