Non prendete esempio da Serena Williams

La tennista era incinta quando ha vinto gli Australian Open, ma se qualcuno ancora osa indicarla come un esempio positivo, mi metto a urlare

Se leggo un altro tweet su quant'è rappresentativa di noi donne – della nostra resistenza al dolore, alla fatica, agli ostacoli del cuore – Serena Williams, che da incinta ha vinto tornei di tennis contro le migliori del mondo, se leggo un altro status su Facebook su quanto la tennista gestante metta a tacere gli uomini ribadendo la nostra superiorità, se qualcuno ancora osa indicarla come un esempio positivo, mi metto a urlare. Cosa si resta incinte a fare, se non per poter dire «Caro, quella cosa sul soppalco devi prenderla tu, io sono fragile»? Come si permette, Serena, di alzare così tanto gli standard per tutte noi, di imporci di essere eroiche, funzionanti in ogni stato di salute, superiori alla razza umana?

Advertisement - Continue Reading Below

Sì, lo so che sono decenni che raccontiamo barzellette sui maschi che si mettono a letto con 37 e mezzo di febbre mentre noi partoriamo senza anestesia ma, appunto: sono barzellette. Nella realtà, io senza anestesia non faccio neanche la pulizia dei denti. Smettetela di considerare quell'aliena della Williams rappresentativa del genere femminile, sennò mi toccherà pensare che il mio prendere l'antidolorifico per fare la ceretta all'inguine faccia di me un maschio.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Quando sposarsi era meglio che lavorare
Oggi il concetto stesso di «tenore di vita» è ridicolmente antiquato: chi può denunciare in tribunale la crisi economica?
Firme
CONDIVIDI
Nel degrado di Roma nessuno è innocente
Cambiano i sindaci ma la capitale è sempre sporca, i cittadini non fanno la raccolta differenziata e i politici si rimpallano le...
matteo-maffucci-zero-assoluto-foto
Firme
CONDIVIDI
Benvenuti a Milano, dove le minicar NON esistono
Mi sono ripromesso di non fare paragoni tra Milano e Roma: ma come si fa a non soffermarsi su alcuni dettagli?
Firme
CONDIVIDI
Per fare la moglie ci vuole una certa vocazione
Non ho simpatia per le ex mogli che spremono i mariti, ma ho a cuore le altre gettate via dopo tante rinunce
Firme
CONDIVIDI
«Non so scegliere fra marito e amante»
«Lo tradisco, ma gli voglio bene»: prima di mollare un coniuge devoto bisogna capire se l'eros resisterebbe alla vita vera
matteo-maffucci-zero-assoluto
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, nel regno dei maghi
Il mio amico me l'aveva detto: «Vai a vedere questo posto, non è un semplice negozio di magia...»
Firme
CONDIVIDI
Kirk Douglas, Anne e il matrimonio perfetto
Per il loro 63esimo anniversario di nozze l'attore e sua moglie si sono regalati un libro che raccoglie le loro lettere d'amore, e molte...
Firme
CONDIVIDI
Così Macron ha conquistato la Francia
Senza esperienza, senza partito, senza grandi doti comunicative: l'ha votato chi non vuole cedere all'estremismo
Firme
CONDIVIDI
Anna e la cronaca semi-seria della malattia
Anna Savini ha raccontato in un libro la sua lotta contro il cancro: una storia bella e necessaria a chi ne sta vivendo una simile
È tornata la stagione del bikini, e puntuali spuntano le foto non ritoccate dal Messico: il sedere di Kim Kardashian è il più chiacchierato del web.
Firme
CONDIVIDI
Cara Kim, ho capito cosa significa il tuo sedere
La reazione alla tua (peraltro prevedibile) cellulite racconta più di noi che di te, che sei una purista della menzogna