Invecchiare secondo Emma Thompson

L'età che avanza non si può combattere, ma può diventare un processo sostenibile

Più Popolare

Cara Emma,

sei la mia amica geniale.

L'altro giorno ti ho visto in un programma della tv svedese, e già questo mi ha fatto sentire intelligentissima, ché niente è più spendibile di un aneddoto che comincia con «in Scandinavia». In Scandinavia, per dire, i talk show sono in inglese. O almeno: questo lo era, e il bilinguismo – si sa – l'hanno inventato loro.

A questo talk show in inglese scandinavo e brillante ti sei presentata come le amiche mie intellettuali vorrebbero tanto essere: in tailleur pantalone come Hillary, capello corto e biondo perfetto, scarpe di esemplare buon senso. E hai parlato delle cose di cui si parla tra gente allenata a far bella figura.

Advertisement - Continue Reading Below

Hai parlato di cambiamento climatico, e di quella volta che sei andata al Polo Nord con Greenpeace e tua figlia ti ha costretto a twittare, ma «non è cosa che si adatti alla mia generazione». Di Donald Trump che un giorno ti invitò a uscire, ma ora non ci puoi neanche pensare: chissà se accettando avresti cambiato il mondo. E hai parlato del corpo delle donne, naturalmente. Non vivi a Los Angeles perché sei «vecchia e grassa», non ti farebbero passare alla dogana. Le attrici lì sono così magre, ma così magre. Per forza: non mangiano mai.

Più Popolare

Con il numero esatto di rughe intorno agli occhi che è necessario avere per essere splendide cinquantottenni – il satinato non si porta più, persino i paladini del fotoritocco lasciano tre zampe di gallina a suggerire verosimiglianza – hai perciò avanzato la proposta definitiva: basta con le creme anti-age. Perché dovremmo essere contrarie all'invecchiamento? Siamo vecchie, invecchieremo ancora – bene che vada. Vogliamo creme in difesa di un invecchiamento sostenibile. E sarebbe sciocco fermarsi qui, Emma.

Io, per esempio, non ho abbastanza smagliature da farne una dichiarazione politica. Le foto di Beyoncé incinta hanno reso la coscia striata bandiera della femminista in mutande, e Kendrick Lamar ha scritto una canzone per celebrarne la gloria. Immagino le modelle respinte al casting per il video: «Spiacente, ma di una pelle così compatta non sappiamo che farcene». Quanto Rilastil buttato.

Quando l'altra settimana ho visto il manifesto del festival di Cannes, quello con Claudia Cardinale più sottile (e pettinata) dell'originale, per un po' non ho saputo che pensare: certo che lei andava benissimo com'era, ma un poster mica è un documentario. Poi la medesima Cardinale ha sciolto ogni mio dubbio: «Ce n'est que du cinéma», ha scritto in una nota. Lo era la prima foto come la seconda. Lo è la tua intervista e la gravidanza di Beyoncé. Dobbiamo smettere di credere sia finto solo quello che non ci somiglia.

More from Gioia!:
Sesso in piedi o seduti 40-anni, Louis CK
Firme
CONDIVIDI
Se stare seduti vince sul sesso in piedi
Quarant'anni è un'età schifosa, come mi ha fatto capire il comico Louis CK con il suo monologo
Firme
CONDIVIDI
6 cose che ci ha insegnato il caso Weinstein
Dalla triste vicenda del produttore abbiamo imparato parecchio, per esempio che le donne sono spesso le peggiori nemiche delle donne
Kim Cattrall ha deciso di non partecipare alla riesumazione di Sex and the City, e quindi il terzo film della serie non si farà: sarah Jessica Parker e le altre non l'hanno presa bene.
Firme
CONDIVIDI
Cara Kim, nessuna smette quando vuole
Messaggio per l'attrice di Sex and the City: e se avere dei figli ritardasse la presa in carico della propria libertà?
Harvey Weinstein accuse stupro
Firme
CONDIVIDI
A proposito di Harvey Weinstein: quando è violenza e quando è solo vita
Se mettiamo nella categoria «stupro» chiunque ci provi e ci faccia sentire dieci minuti a disagio, prevedo l'estinzione dell'umanità
Voglio essere magra
Firme
CONDIVIDI
Io che volevo essere magra più di tutto
Ma c'è una bella differenza tra la ricerca del proprio peso forma e la fissazione per il corpo esile a tutti i costi
Ius soli autogol sinistra
Firme
CONDIVIDI
Ius soli, l'autogol della sinistra
Il disegno di legge muore in Parlamento perché Alfano non lo vuole e perché il centrosinistra si è subito arreso
Dopo un'estate di pettegolezzi, Heidi Klum ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia e smettere di cercare uomini che la facciano sentire giovane.
Firme
CONDIVIDI
Cara Heidi Klum, mollare un trentenne è sempre un'ottima idea
Dopo un'estate di pettegolezzi, la modella ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia di accoppiamento
Con una stretta di mano al summit sull'ambiente dell'Onu, Gisele Bündchen ha mandato un messaggio al marito Tom Brady: tu stai al tuo posto, ché al tavolo dei grandi mi siedo io.
Firme
CONDIVIDI
Cara Gisele Bündchen, sei meglio di tuo marito
Tuo marito ha sposato la più bella del reame, che si accontenti: al tavolo dei grandi siedi tu
figli bamboccioni casa
Firme
CONDIVIDI
Quel che si perdono i figli bamboccioni
La sindrome dell'impostore applicata agli immobili: ce la spiega l'attrice di Scandal Katie Lowes
Maria Sharapova ha scritto un libro, Unstoppable, in cui non riesce a confessare una semplice verità: Serena Williams l'ha battuta sul campo da tennis 19 volte di seguito perché è più forte.
Firme
CONDIVIDI
Cara Maria Sharapova, ogni tennista è un'isola
Ma pure su quest'isola la notizia deve essere arrivata: Serena Williams non ti batte perché ti odia, ti batte perché è più forte di te