Milano Zucchero e Catrame, come sarà la mia estate milanese?

La sto aspettando come un viaggio dall'altra parte del mondo, perché Roma per me è un libro aperto, ma Milano, no: ci sono le cicale?

Più Popolare
Advertisement - Continue Reading Below

Canzone per leggere l'umore: Bruises di Lewis Capaldi

Sono stati giorni sospesi.

A Milano, a Venezia, a Roma. È iniziata la stagione da essere umano senza fissa dimora.

La primavera e l'estate per me significano da tempo un lungo viaggio in musica, durante il quale tornare a casa - ogni tanto - voleva dire non perdere il controllo della vita quotidiana. Pensare che questa volta "casa" sarà Milano, mi eccita non poco. Primo caldo infernale, prima notte con le finestre aperte, prime nostalgie invernali, prima trasferta in cerca di mare.

Più Popolare

Come sarà la mia estate milanese?

La sto aspettando come se dovessi partire per un viaggio dall'altra parte del mondo. Ogni città in questa parte dell'anno cambia forma, colore, intensità. Roma per me è un libro aperto, riletto e sottolineato. Milano, no. Milano è lì che mi aspetta con la copertina e la rilegatura intonsa, pronto a essere letto.

Domanda: le cicale a Milano ci sono?

Può sembrare una sciocchezza, ma queste cose fanno la differenza. Dal punto di vista emotivo, ovviamente. È una questione di punti di riferimento, scenografia, certezze. Sapere quello che ti aspetta. Sono un nostalgico cronico, affezionato a tutto quello che si ripete, fedele alle liturgie legate al tempo che passa.

Una città per me è un lunghissimo elenco di cose da scoprire, da fare o da non ripetere. Il mio è stato un trasferimento di vita emozionale, come questi post che scrivo ogni settimana. Parto sempre dal mio stato d'animo, e oggi sono più malinconico. Le feste, i ponti e il cielo che cambia mi hanno sempre regalato giorni dove prendo appunti per il mio futuro.

Se mi venisse voglia di mangiare una granita a Milano, dove vado?

È l'associazione Milano-estate che mi suona in maniera strana.

Non sono emotivamente pronto, anche se sento l'odore della città che cambia, le zanzare che arrivano, e ho la consapevolezza di essermi accorto solo oggi che la mia casa - quarto piano esposta 24 ore al giorno al sole - non ha l'aria condizionata.

Morirò?

Credo di sì. Io, però, affronterò tutto come vanno affrontati gli appuntamenti importanti. Con coraggio e spirito di sopravvivenza.

Un'ultima cosa. A Milano, a luglio, è accettabile la pennica dopo pranzo? Non mi chiedete cos'è, però.

Matteo Maffucci, cantante degli Zero Assoluto, lascia Roma per Milano: qui potete seguire le sue peripezie di expat.

More from Gioia!:
Sesso in piedi o seduti 40-anni, Louis CK
Firme
CONDIVIDI
Se stare seduti vince sul sesso in piedi
Quarant'anni è un'età schifosa, come mi ha fatto capire il comico Louis CK con il suo monologo
Firme
CONDIVIDI
6 cose che ci ha insegnato il caso Weinstein
Dalla triste vicenda del produttore abbiamo imparato parecchio, per esempio che le donne sono spesso le peggiori nemiche delle donne
Kim Cattrall ha deciso di non partecipare alla riesumazione di Sex and the City, e quindi il terzo film della serie non si farà: sarah Jessica Parker e le altre non l'hanno presa bene.
Firme
CONDIVIDI
Cara Kim, nessuna smette quando vuole
Messaggio per l'attrice di Sex and the City: e se avere dei figli ritardasse la presa in carico della propria libertà?
Harvey Weinstein accuse stupro
Firme
CONDIVIDI
A proposito di Harvey Weinstein: quando è violenza e quando è solo vita
Se mettiamo nella categoria «stupro» chiunque ci provi e ci faccia sentire dieci minuti a disagio, prevedo l'estinzione dell'umanità
Voglio essere magra
Firme
CONDIVIDI
Io che volevo essere magra più di tutto
Ma c'è una bella differenza tra la ricerca del proprio peso forma e la fissazione per il corpo esile a tutti i costi
Ius soli autogol sinistra
Firme
CONDIVIDI
Ius soli, l'autogol della sinistra
Il disegno di legge muore in Parlamento perché Alfano non lo vuole e perché il centrosinistra si è subito arreso
Dopo un'estate di pettegolezzi, Heidi Klum ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia e smettere di cercare uomini che la facciano sentire giovane.
Firme
CONDIVIDI
Cara Heidi Klum, mollare un trentenne è sempre un'ottima idea
Dopo un'estate di pettegolezzi, la modella ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia di accoppiamento
Con una stretta di mano al summit sull'ambiente dell'Onu, Gisele Bündchen ha mandato un messaggio al marito Tom Brady: tu stai al tuo posto, ché al tavolo dei grandi mi siedo io.
Firme
CONDIVIDI
Cara Gisele Bündchen, sei meglio di tuo marito
Tuo marito ha sposato la più bella del reame, che si accontenti: al tavolo dei grandi siedi tu
figli bamboccioni casa
Firme
CONDIVIDI
Quel che si perdono i figli bamboccioni
La sindrome dell'impostore applicata agli immobili: ce la spiega l'attrice di Scandal Katie Lowes
Maria Sharapova ha scritto un libro, Unstoppable, in cui non riesce a confessare una semplice verità: Serena Williams l'ha battuta sul campo da tennis 19 volte di seguito perché è più forte.
Firme
CONDIVIDI
Cara Maria Sharapova, ogni tennista è un'isola
Ma pure su quest'isola la notizia deve essere arrivata: Serena Williams non ti batte perché ti odia, ti batte perché è più forte di te