Se mi lasci ti cancello: le donne sfregiate dall'acido

L'acido sulla faccia delle donne non brucia solo il corpo, ma scava una ferita dentro da cui è molto difficile guarire

Più Popolare

Se mi lasci ti cancello è il titolo di un bellissimo film di Michel Gondry del 2004. Raccontava la storia di due innamorati, Jim Carrey e Kate Winslet, che al termine di una relazione appassionata e turbolenta si rivolgevano a una clinica specializzata nell'asportare parti di ricordi dal cervello, per sopravvivere al dolore della separazione. Cancellare rende bene l'idea della rimozione. Meglio rimuovere che vivere senza l'altro. Poiché cliniche di questo genere esistono solo nei film, c'è chi s'ingegna, nella vita reale, a cancellare in altro modo.

Advertisement - Continue Reading Below

Se mi lasci ti sfiguro

Alcuni uomini, per esempio,trovano sollievo nel cancellare la faccia dell'amata. Lo fanno con l'acido. In alcuni Paesi, come l'India, il Pakistan, la Cambogia, il Bangladesh, ma anche la Repubblica popolare cinese, il Kenya, il Sudafrica e persino la modernissima Hong Kong, è abitudine abbastanza diffusa: si chiama vitriolage. Non c'è niente di romantico in questa soluzione, non c'è nemmeno amore a dire il vero. Solo rancore e voglia di vendetta: se non vuoi più essere mia, non devi essere di nessuno. Non c'è modo più barbaro di ragionare. Si possono usare l'acido solforico, l'acido nitrico, l'acido cloridrico o altre sostanze corrosive, che bruciano la carne fino alle ossa. Tecnicamente non uccidi la tua vittima, ma in pratica la uccidi innumerevoli volte, con un accanimento che dura all'infinito. Non solo per le lesioni agli organi e al corpo, che richiedono interventi dolorosi e ripetuti, ma anche per la ferita che le scavi dentro, da cui è molto difficile guarire. Provateci voi a tornare alla normalità con una faccia completamente deturpata e la vista quasi sempre compromessa.

Più Popolare

La voce delle vittime

Anni fa mi capitò d'intervistare Fakhra Younas,magnifica danzatrice dagli occhi blu, fuggita dal Pakistan in Italia per mettere centinaia di chilometri tra lei e il marito, esuberante e violento rampollo di un potente politico locale, che l'aveva sfigurata nel sonno per punirla di averlo lasciato. Con la sua testimonianza e il suo libro (Il volto cancellato, Mondadori) aveva dato voce a tutte le donne sfregiate dall'acido, diventando simbolo dell'emancipazione femminile nel mondo islamico. La incontrai in un centro di accoglienza a Roma: era gentile e diffidente, desiderosa di raccontare la sua storia per sentirsi più forte del suo destino, capace di riappropriasene, e insieme fragilissima. Ricordo quell'incontro come un'esperienza molto intensa. Circa un anno dopo, lessi sul giornale che si era tolta la vita buttandosi dal sesto piano di un palazzone a Tor Pagnotta. A Roma non aveva nessuno, a parte il figlio e qualche bravo volontario che l'aiutava a rifarsi una vita. Aveva subito 39 interventi di ricostruzione, da un occhio non ci vedeva più e faceva fatica a masticare. Se non hai una rete di affetti che ti sostiene, non basta la volontà a vincere certi fantasmi, a darti lo slancio per ricominciare.

La testimonianza di Gessica Notaro

Sono convinta che ce la farà,invece, Gessica Notaro, 27 anni, di Rimini, a cui l'ex fidanzato Jorge Edson Tavares, capoverdiano, ha bruciato la faccia il 10 gennaio scorso, mentre usciva dalla sua auto. Non accettava la fine della loro storia e lei, ex finalista di Miss Italia e addestratrice di leoni marini al delfinario di Rimini, una ragazza solare e bellissima, lo aveva già segnalato alle autorità. Qualche giorno fa ha scelto il palco del Maurizio Costanzo Show per mostrare a tutti il suo volto, per dire a Eddy che non è riuscito a "cancellarla". Che lei continua a vivere e a cercare «il sole che splende fuori e dentro di me», malgrado le cicatrici, il trapianto di cornea, i giorni bui. Ma anche a pretendere giustizia. Per lei e per tutte le vittime di violenza. Perché se non basta denunciare il tuo carnefice, chiedere che venga allontanato e arrestato, in che altro modo ci si può salvare?

Scrivetemi a: direttoregioia@hearst.it

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Quando sposarsi era meglio che lavorare
Oggi il concetto stesso di «tenore di vita» è ridicolmente antiquato: chi può denunciare in tribunale la crisi economica?
Firme
CONDIVIDI
Nel degrado di Roma nessuno è innocente
Cambiano i sindaci ma la capitale è sempre sporca, i cittadini non fanno la raccolta differenziata e i politici si rimpallano le...
matteo-maffucci-zero-assoluto-foto
Firme
CONDIVIDI
Benvenuti a Milano, dove le minicar NON esistono
Mi sono ripromesso di non fare paragoni tra Milano e Roma: ma come si fa a non soffermarsi su alcuni dettagli?
Firme
CONDIVIDI
Per fare la moglie ci vuole una certa vocazione
Non ho simpatia per le ex mogli che spremono i mariti, ma ho a cuore le altre gettate via dopo tante rinunce
Firme
CONDIVIDI
«Non so scegliere fra marito e amante»
«Lo tradisco, ma gli voglio bene»: prima di mollare un coniuge devoto bisogna capire se l'eros resisterebbe alla vita vera
matteo-maffucci-zero-assoluto
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, nel regno dei maghi
Il mio amico me l'aveva detto: «Vai a vedere questo posto, non è un semplice negozio di magia...»
Firme
CONDIVIDI
Kirk Douglas, Anne e il matrimonio perfetto
Per il loro 63esimo anniversario di nozze l'attore e sua moglie si sono regalati un libro che raccoglie le loro lettere d'amore, e molte...
Firme
CONDIVIDI
Così Macron ha conquistato la Francia
Senza esperienza, senza partito, senza grandi doti comunicative: l'ha votato chi non vuole cedere all'estremismo
Firme
CONDIVIDI
Anna e la cronaca semi-seria della malattia
Anna Savini ha raccontato in un libro la sua lotta contro il cancro: una storia bella e necessaria a chi ne sta vivendo una simile
È tornata la stagione del bikini, e puntuali spuntano le foto non ritoccate dal Messico: il sedere di Kim Kardashian è il più chiacchierato del web.
Firme
CONDIVIDI
Cara Kim, ho capito cosa significa il tuo sedere
La reazione alla tua (peraltro prevedibile) cellulite racconta più di noi che di te, che sei una purista della menzogna