Genitori separati: cosa dire ai figli?

Bisogna sempre parlare bene al figlio di un padre, anche se indegno, oppure se un genitore è spregevole i figli hanno il diritto di saperlo? Le lettere delle lettrici di Gioia!

Più Popolare

10 aprile 2017 (Argomento: genitori separati - è giusto parlare bene ai figli del padre o della madre, a ogni costo?) Grazie, care lettrici, per avere risposto alla domanda che vi avevo fatto su Gioia! n.8. A una moglie sul punto di separarsi, avevo detto che ora sarebbe venuta la parte più difficile, «parlare bene al figlio di un padre indegno». Un'altra lettrice, Lea, si è ribellata all'idea, scrivendo che se un genitore è spregevole, i figli hanno il diritto di saperlo. La sua lettera mi ha messo dei dubbi, e vi ho pregato di raccontare le vostre esperienze. Eccone qualcuna.

Advertisement - Continue Reading Below

Le lettere

«I miei genitori sono divorziati. Mia madre sentiva la nostalgia della giovinezza, mai vissuta a causa di un matrimonio precoce, e non voleva più saperne di mio padre, troppo geloso. Da subito ha dato tutta la colpa a lui (anche di essersi innamorata di un altro). Mio padre era buono con me, e soffrivo a sentirne parlare male, a 14 anni non mi interessavano i loro impicci amorosi, ma solo che mi volessero bene. Un cattivo marito può essere un buon padre. È più importante il bene dei figli o la voglia di screditare l'ex marito?». (Irene, 22 anni)

Più Popolare

«Mia moglie mi ha lasciato per un altro, dopo un lungo tradimento. Ma ha ottenuto la custodia dei nostri due gemelli. Io non ho mai detto una parola contro di lei, ma i ragazzi erano diffidenti con me e ho scoperto che lei mi calunniava, dipingendomi come un mostro. Allora ho vuotato il sacco. Non me ne pento. A 18 anni hanno scelto di stare con me. La verità fa male, ma è sempre un bene». (L. B.)

«Mi sono separata quando il quarto figlio aveva sei mesi, quel figlio che lui non voleva ma che ha adorato da subito, ricambiato da un amore che va oltre i rapporti sbagliati, le mancanze, le assenze. Un padre è per sempre. Ho mentito il meno possibile ma è impossibile non mentire affatto. Ma ho insegnato loro a non accettare le ingiustizie, e a combatterle. Non so se ci sono riuscita, ma ho dato ai figli la consapevolezza che possono farcela a non morire schiacciati, nonostante tutto». (La Pas)

«I miei si sono separati che avevo tre anni, si sono sempre fatti la guerra, da liti violente e fisiche a battaglie legali infinite. Ero più legata a mio padre ma ho scelto di stare con mia madre. Lui mi diceva sempre quanto la disprezzava, lei invece non lo ha mai fatto, e se io, montata da lui, la aggredivo, taceva. Lui poi si è rivelato una persona e non un dio come lo vedevo, anzi meno di una persona. Quando avevo 20 anni mi disse di non volermi più nella sua vita: la sua donna gli aveva chiesto di scegliere fra lei e me, e aveva scelto lei. In più mi ha citata in tribunale per danni morali, chiedendo indietro 18 anni di alimenti. Ora ho 34 anni, un figlio, e sto con l'uomo della mia vita. Mio padre, se mi incontra mi ignora. Sono felice di avere avuto un buon papà per 20 anni, e una buona mamma per 34. Ringrazio mio padre per avermi detto come mi dovevo comportare, ma soprattutto ringrazio mia madre per avermelo dimostrato con l'esempio». (Vera Bertorello)

«Separata da quando nostro figlio aveva 6 anni, non ho mai fatto commenti sul mio ex, perché mio figlio avesse un padre. Ora lui ha 23 anni e mi ringrazia.È felice di avere un rapporto con lui nonostante le sue mancanze. Se i padri sono degli inetti, i figli sanno tutto». Valentina (PD)

«Quando ho scoperto che mio marito andava con le baby-squillo, ho chiesto il divorzio. Nostra figlia aveva 13 anni. Non le ho detto tutto, ma non le ho nascosto che il padre aveva fatto qualcosa di brutto. Per adesso, lui può incontrarla solo in presenza mia o dell'assistente sociale. Fra due anni sarà maggiorenne, deciderà lei. Ma per ora sento il dovere di difenderla». (Senza firma)

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Un po' di Xanax e passa tutto
Un secolo dopo il Prozac che ci tirava su, ci serve una cosa che ci tiri giù (dall'ansia)
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, il nuovo Apple store dimostra che questa è una città pulsante
Lo stanno ancora costruendo, ma il negozio del colosso hi tech che sorgerà in Piazza Liberty mi ha acceso l'anima: Milano non resta ferma,...
Firme
CONDIVIDI
A proposito del matrimonio di Jessica Chastain
I giornali americani hanno esaltato il fatto che il marito è nobile: contessa è un titolo più monetizzabile di star di Hollywood?
Firme
CONDIVIDI
Litigare per lo ius soli non è Smart
L'Italia è il Paese della burocrazia, però a noi di Gioia! piace la gente sveglia, che fa: per loro abbiamo creato gli Smart awards
Dopo la nascita dei gemelli Elle e Alexander, Amal e George Clooney si accorgeranno che le altre mamme hanno sempre ragione: sono uscite dai forum di internet e hanno conquistato il mondo.
Firme
CONDIVIDI
Cara Amal, difendici dalle mamme
Ti accorgerai presto che il mondo è diventato un gigantesco circolo di madri che sanno tutto, prima, e meglio di te
Firme
CONDIVIDI
Perché gli alberghi sono peggio degli amanti
Ho tradito il mio solito hotel con un cinque stelle lusso e, come tutte le fedifraghe, mi sono pentita
Milano Zucchero e catrame come sopravvivere al caldo (la triste verità)
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, ma allora fa caldo!
«Milano città del nord e quindi fresca» mai luogo comune è stato più errato e lo scopri (tristemente) solo vivendoci
Firme
CONDIVIDI
Multitasking non è un complimento
Andare in corto circuito, fino a dimenticare un bambino in auto: ma a mandarci in tilt sono le aspettative sociali
Dopo anni passati a essere considerata una rovinafamiglie, la duchessa di Cornovaglia Camilla Parker Bowles ha guadagnato il titolo di regina d'Inghilterra e dei modelli da imitare.
Firme
CONDIVIDI
Cara Camilla, sei la nostra regina
Perché ci hai insegnato le virtù della pazienza, e il segreto della felicità
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, le cose che odio di questa città che amo
Mi fa sentire a casa, ma ci sono certe questioni di questo posto che proprio non mi vanno giù: i citofoni tecnologici, le zanzare, i numeri...