Genitori separati: cosa dire ai figli?

Bisogna sempre parlare bene al figlio di un padre, anche se indegno, oppure se un genitore è spregevole i figli hanno il diritto di saperlo? Le lettere delle lettrici di Gioia!

Più Popolare

10 aprile 2017 (Argomento: genitori separati - è giusto parlare bene ai figli del padre o della madre, a ogni costo?) Grazie, care lettrici, per avere risposto alla domanda che vi avevo fatto su Gioia! n.8. A una moglie sul punto di separarsi, avevo detto che ora sarebbe venuta la parte più difficile, «parlare bene al figlio di un padre indegno». Un'altra lettrice, Lea, si è ribellata all'idea, scrivendo che se un genitore è spregevole, i figli hanno il diritto di saperlo. La sua lettera mi ha messo dei dubbi, e vi ho pregato di raccontare le vostre esperienze. Eccone qualcuna.

Advertisement - Continue Reading Below

Le lettere

«I miei genitori sono divorziati. Mia madre sentiva la nostalgia della giovinezza, mai vissuta a causa di un matrimonio precoce, e non voleva più saperne di mio padre, troppo geloso. Da subito ha dato tutta la colpa a lui (anche di essersi innamorata di un altro). Mio padre era buono con me, e soffrivo a sentirne parlare male, a 14 anni non mi interessavano i loro impicci amorosi, ma solo che mi volessero bene. Un cattivo marito può essere un buon padre. È più importante il bene dei figli o la voglia di screditare l'ex marito?». (Irene, 22 anni)

Più Popolare

«Mia moglie mi ha lasciato per un altro, dopo un lungo tradimento. Ma ha ottenuto la custodia dei nostri due gemelli. Io non ho mai detto una parola contro di lei, ma i ragazzi erano diffidenti con me e ho scoperto che lei mi calunniava, dipingendomi come un mostro. Allora ho vuotato il sacco. Non me ne pento. A 18 anni hanno scelto di stare con me. La verità fa male, ma è sempre un bene». (L. B.)

«Mi sono separata quando il quarto figlio aveva sei mesi, quel figlio che lui non voleva ma che ha adorato da subito, ricambiato da un amore che va oltre i rapporti sbagliati, le mancanze, le assenze. Un padre è per sempre. Ho mentito il meno possibile ma è impossibile non mentire affatto. Ma ho insegnato loro a non accettare le ingiustizie, e a combatterle. Non so se ci sono riuscita, ma ho dato ai figli la consapevolezza che possono farcela a non morire schiacciati, nonostante tutto». (La Pas)

«I miei si sono separati che avevo tre anni, si sono sempre fatti la guerra, da liti violente e fisiche a battaglie legali infinite. Ero più legata a mio padre ma ho scelto di stare con mia madre. Lui mi diceva sempre quanto la disprezzava, lei invece non lo ha mai fatto, e se io, montata da lui, la aggredivo, taceva. Lui poi si è rivelato una persona e non un dio come lo vedevo, anzi meno di una persona. Quando avevo 20 anni mi disse di non volermi più nella sua vita: la sua donna gli aveva chiesto di scegliere fra lei e me, e aveva scelto lei. In più mi ha citata in tribunale per danni morali, chiedendo indietro 18 anni di alimenti. Ora ho 34 anni, un figlio, e sto con l'uomo della mia vita. Mio padre, se mi incontra mi ignora. Sono felice di avere avuto un buon papà per 20 anni, e una buona mamma per 34. Ringrazio mio padre per avermi detto come mi dovevo comportare, ma soprattutto ringrazio mia madre per avermelo dimostrato con l'esempio». (Vera Bertorello)

«Separata da quando nostro figlio aveva 6 anni, non ho mai fatto commenti sul mio ex, perché mio figlio avesse un padre. Ora lui ha 23 anni e mi ringrazia.È felice di avere un rapporto con lui nonostante le sue mancanze. Se i padri sono degli inetti, i figli sanno tutto». Valentina (PD)

«Quando ho scoperto che mio marito andava con le baby-squillo, ho chiesto il divorzio. Nostra figlia aveva 13 anni. Non le ho detto tutto, ma non le ho nascosto che il padre aveva fatto qualcosa di brutto. Per adesso, lui può incontrarla solo in presenza mia o dell'assistente sociale. Fra due anni sarà maggiorenne, deciderà lei. Ma per ora sento il dovere di difenderla». (Senza firma)

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Gisele Bündchen forza della natura alias: come reagire benissimo alle sconfitte
Ciò nonostante, anche quando piangi sei uno schianto: è la regola Bündchen dell'infallibilità
Firme
CONDIVIDI
Fate uno sforzo e provate a mettervi nei panni (e a vivere i casini) di Woody Allen e Mia Farrow
Ma siamo sicuri che se fossero successe le stesse cose a noi, gente normale, avremmo reagito più compostamente?
Firme
CONDIVIDI
Domanda: ma il Festival di Sanremo di Claudio Baglioni non doveva andare malissimo?
Perché Baglioni è un classico, il jukebox delle nostre vite, uno che ci fa saltare sul divano con le prime quattro note di La vita è adesso
Firme
CONDIVIDI
Cosa insegneranno mai a Yale a chi frequenta il corso sulla felicità (per la cronaca: il più seguito nella storia dell'Ateneo)?
Laura Santos ha dato il via al corso più seguito nella storia di Yale: Psychology and the good life, in poche parole come essere felici
Dissenso comune attrici italiane
Firme
CONDIVIDI
Contro le molestie ci vogliono i fatti: l'appello delle attrici italiane
124 firme nella lettera-manifesto "Dissenso comune" per riscrivere il rapporto tra i sessi: è la sfida del secolo e non possiamo perderla
Firme
CONDIVIDI
In che modo Gabriele Muccino ci rovinerà anche questo San Valentino?
Il regista di A casa tutti bene, al cinema dal 14 febbraio, sa delle cose di noi e delle nostre relazioni, e passa i film a sputtanarci
Firme
CONDIVIDI
Ci vuole insolenza per essere una principessa inglese e decidere di sposarsi quest'anno: Eugenia siamo con te
Ci vuole coraggio per decidere di sposarsi quest'anno nella cappella del castello di Windsor, esattamente come Harry e Meghan
Firme
CONDIVIDI
Le regole della coppia aperta? Sono fatte per essere infrante (come tutte le regole dell'umanità)
Nel suo libro La promessa, Sarah Dunn parla di relazioni extraconiugali, felicità e condizionatori
Firme
CONDIVIDI
Cos'è l'amore e perché rimane un mistero bellissimo che la scienza non sa spiegare
Aumentano le app di incontri, ma ci s'innamora sempre meno: è che abbiamo confuso la chimica dell'attrazione con le affinità
Donne vittime Il filo nascosto
Firme
CONDIVIDI
Finalmente al cinema anche le donne possono essere str**ze e bugiarde come gli uomini
È un progresso che ai personaggi femminili di film e serie tv sia offerta la stessa gamma di possibilità di quelli maschili