Milano Zucchero e Catrame, quanta vita è già passata nella mia nuova città

Sono entrato nel sesto mese della mia vita a Milano, il tempo è volato e tutto mi è più familiare: sono diventato parte del mio quartiere, cosa che, per un abitudinario come me, è una super conquista

Più Popolare
Advertisement - Continue Reading Below

Canzone per leggere l'umore: Quando sono con te di Ex-Otago

Sono entrato nel sesto mese della mia vita a Milano.

il tempo è volato alla velocità della luce, come spesso capita quando si vive intensamente. Rileggendo il primo post che ho scritto - se vi va, fatelo anche voi - mi rendo conto di quanta vita sia già passata nella mia nuova città. Sono arrivato stappando una bottiglia di vino e oggi, che è di nuovo inverno - fa un freddo cane - mi sale una strana nostalgia legata al mio arrivo qui.

Più Popolare

Se mi affaccio alla finestra vedo la foto del primo giorno, anche se tutto mi è ovviamente più familiare. Sono diventato parte del mio quartiere, cosa che, per un abitudinario come me, è una super conquista.

Sono sempre le persone, alla fine, che mi legano e mi fanno sentire a casa. La mia prima conquista è essere riuscito a trovare finalmente il mio bar, ormai diventato una sorta di "Centro di accoglienza chiacchiere in libertà". Marito e moglie gestiscono il Bar Vertigo, un tribute bar in onore degli U2.

Advertisement - Continue Reading Below

Nonostante abbia le fattezze di un bar "normale", sulle pareti ci sono anni e anni di foto - soprattutto di Bono Vox - memorabilia, dischi d'oro e di platino della band di Dublino.

Advertisement - Continue Reading Below

In questi mesi, abbiamo costruito un rapporto, grazie al quale sono riuscito a ottenere:

1. Il cornetto, non brioche, è SEMPLICE, non vuoto, neutro, vegano, o light. Semplice.

2. Sono diventato consulente-assaggiatore della rivoluzionaria macchina per fare il caffè, chiamata "Ferrari" per il suo costo esorbitante, che, nonostante crei tempi di attesa pari all'ufficio delle Poste, è il fiore all'occhiello della via.

3. Quando ci sono le partite di cartello, il bar si trasforma in un una piccola "Bombonera" di Buenos Aires, dove il mio tavolo è sempre prenotato.

Il fatto di entrare in un bar e chiedere "il solito" e sentire "Ciao Matteo", mi fa volare. Bello.

Più Popolare

Se ci passate, chiedete di Lele, lui saprà sempre cosa farvi bere. Non assecondatelo troppo, però.

Rimanendo sotto casa, c'è il ristorante "Gli orti del Belvedere", con cui ormai ho una sorta di convenzione non scritta: potrei arrivare a qualsiasi ora, qualcosa di buono mangerei sempre. L'uomo da cercare, in caso siate alla ricerca di una cucina ottima a base di pesce, è Francesco, uomo affabile, elegantissimo e con il capello sempre giusto. È così gentile da farvi sentire immediatamente riconoscenti delle sue attenzioni.

Io e Francesco ormai siamo amici, e quel saluto da un marciapiede all'altro, ogni giorno, quando cammino per la mia via è necessario per il mio umore.

Piatti consigliati: baccalà mantecato, la caponatina e orata al sale.

I miei obiettivi per il futuro, adesso, sono altri.

Devo approfondire la mia amicizia con Ercole e il suo storico negozio di alimentari. Non sarà facile, lo ammetto, ha un'aria burbera e un po' mi inibisce, ma sono sicuro che è simpatico e in gamba. Mi incuriosisce. Per concludere, prima o poi, dovrò trovare una scusa per frequentare il parrucchiere per soli bambini, Tatì, che si trova all'inizio della via. Parliamo di un vero e proprio showroom per pupetti. Un'esplosione di colori, poltrone customizzabili a forma di farfalla, cavallo, ape, aereo, treno e tutti gli animali del mondo e giocattoli sparsi ovunque.

Ma questa è un'altra storia, che approfondirò più avanti.

Matteo Maffucci, cantante degli Zero Assoluto, lascia Roma per Milano: qui potete seguire (e poi commentare sui social) le sue peripezie di expat.

More from Gioia!:
Elisabeth Moss nella serie tv The handmaid's tale
Firme
CONDIVIDI
Il mistero delle sopracciglia dell'ancella
Nella serie tv The handmaid's tale Elisabeth Moss interpreta un'ancella privata di tutto, ma sempre più che presentabile
Non più un intoccabile di Hollywood, il molestatore delle dive Harvey Weinstein ci obbliga a una riflessione in più: oltre all'indignazione e alla solidarietà, dobbiamo essere capaci di raffinare l'analisi ed emanciparci da ruolo di vittime perfette.
Firme
CONDIVIDI
Harvey Weinstein, l'orco è nudo
Non più intoccabile, il molestatore delle dive ci obbliga a una riflessione, e a emanciparci dal ruolo di vittime perfette
Sesso in piedi o seduti 40-anni, Louis CK
Firme
CONDIVIDI
Se stare seduti vince sul sesso in piedi
Quarant'anni è un'età schifosa, come mi ha fatto capire il comico Louis CK con il suo monologo
Firme
CONDIVIDI
6 cose che ci ha insegnato il caso Weinstein
Dalla triste vicenda del produttore abbiamo imparato parecchio, per esempio che le donne sono spesso le peggiori nemiche delle donne
Kim Cattrall ha deciso di non partecipare alla riesumazione di Sex and the City, e quindi il terzo film della serie non si farà: sarah Jessica Parker e le altre non l'hanno presa bene.
Firme
CONDIVIDI
Cara Kim, nessuna smette quando vuole
Messaggio per l'attrice di Sex and the City: e se avere dei figli ritardasse la presa in carico della propria libertà?
Harvey Weinstein accuse stupro
Firme
CONDIVIDI
A proposito di Harvey Weinstein: quando è violenza e quando è solo vita
Se mettiamo nella categoria «stupro» chiunque ci provi e ci faccia sentire dieci minuti a disagio, prevedo l'estinzione dell'umanità
Voglio essere magra
Firme
CONDIVIDI
Io che volevo essere magra più di tutto
Ma c'è una bella differenza tra la ricerca del proprio peso forma e la fissazione per il corpo esile a tutti i costi
Ius soli autogol sinistra
Firme
CONDIVIDI
Ius soli, l'autogol della sinistra
Il disegno di legge muore in Parlamento perché Alfano non lo vuole e perché il centrosinistra si è subito arreso
Dopo un'estate di pettegolezzi, Heidi Klum ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia e smettere di cercare uomini che la facciano sentire giovane.
Firme
CONDIVIDI
Cara Heidi Klum, mollare un trentenne è sempre un'ottima idea
Dopo un'estate di pettegolezzi, la modella ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia di accoppiamento
Con una stretta di mano al summit sull'ambiente dell'Onu, Gisele Bündchen ha mandato un messaggio al marito Tom Brady: tu stai al tuo posto, ché al tavolo dei grandi mi siedo io.
Firme
CONDIVIDI
Cara Gisele Bündchen, sei meglio di tuo marito
Tuo marito ha sposato la più bella del reame, che si accontenti: al tavolo dei grandi siedi tu