Allacciate le cinture (e attenti alle botte)

Da quando il video del passeggero buttato giù da un aereo in overbooking ha fatto il giro del mondo, è capitato di tutto

Più Popolare

ll danno maggiore non l'ha subìto il dottor Dao. David Dao – l'avrete visto mentre gli occhiali gli cascavano sulla faccia e la maglietta gli scopriva la pancia, nelle immagini in cui due poliziotti lo trascinavano simpaticamente per il corridoio – è il medico americano che ha fatto crollare le quotazioni in Borsa della United, la linea aerea che, se un volo è troppo pieno, chiama la polizia e fa malmenare un passeggero a caso tra quelli che non vogliono scendere.

Advertisement - Continue Reading Below

Da quando l'episodio ha avuto più spettatori di una finale dei mondiali di calcio (come si fa, nel 2017, a essere così fessi da non calcolare che un aereo sarà pieno di gente che una scena così la filma col cellulare?), è successo di tutto. Elenco non esaustivo: i comici americani hanno avuto materiale per almeno una settimana; il capo della United ha detto che avevano ragione loro; l'indignazione dei social ha fatto crollare il titolo in Borsa; giornali zelanti hanno scoperto che il dottor Dao era stato sospeso per alcuni anni dall'esercizio della professione medica per questioni legate alla dipendenza dagli oppiacei (quindi se lo meritava, di essere malmenato; quindi in fondo se l'è voluta; la chiameremo «la morale della minigonna»); la Cina ha fatto sapere che, essendo il dottor Dao di origine orientale, lo considerava un episodio di razzismo (stai a vedere che, con tutti i casini che combina Trump, alla fine la guerra termonucleare globale la fa scoppiare una linea aerea che non sa gestire i contrattempi). Eccetera.

Più Popolare

In due giorni – due giorni in cui l'indignazione dei possessori di cellulare era così monopolizzata che non si vedeva più neanche un hashtag contro la Pepsi: la United aveva spazzato via tutti gli altri nemici della pubblica morale – l'azienda è passata da «Abbiamo ragione noi» a «Rimborsiamo tutti»: tutti coloro che erano a bordo, e hanno assistito allo spettacolo d'arte varia d'un passeggero usato come punching ball dalla polizia di Chicago, verranno indennizzati. Già, la polizia di Chicago: famosa per i metodi violenti, e infatti la United ha fatto sapere che oltre a rimborsare i passeggeri s'impegna a non chiamare più la polizia in un caso del genere; tuttavia, nessuno di noialtri indignati dotati di wifi se l'è presa con i poliziotti: tutti abbiamo dato la colpa alla compagnia aerea.

E i soldi alla fine ce li rimetterà l'azienda, mica la polizia. Quelli dei biglietti non venduti (siamo passeggeri impressionabili), e i fantastiliardi che dovranno dare a quello che non voleva scendere. La cialtroneria aerea è molto monetizzabile, pare. Il conduttore televisivo Piers Morgan ha raccontato della volta in cui ha scritto talmente tanti tweet furibondi perché la Delta stava facendo tardare il suo volo che gli hanno pagato un volo privato perché arrivasse a destinazione in tempo. Temo funzioni solo se hai quasi sei milioni di follower, però. Una giornalista di Forbes ha invece consigliato di trattare: scendo dall'aereo se mi date tot, rinuncio a partire in giornata se mi date tot e mezzo. Lei e la sua famiglia hanno così ottenuto 11.000 dollari, all'ultimo overbooking. Il danno maggiore è il nostro, e non è economico. Non potremo più lamentarci del wifi malfunzionante sul Frecciarossa, o del rallentamento sulla linea Milano-Roma, senza che ci dicano: preferivi volare United?

More from Gioia!:
Razzismo società multirazziale
Firme
CONDIVIDI
Che senso ha il razzismo in un'epoca che ha scelto la globalizzazione?
Colori, razze e altre categorie troppo rigide non sono più in grado di descrivere la nostra realtà complessa
Firme
CONDIVIDI
Gisele Bündchen forza della natura alias: come reagire benissimo alle sconfitte
Ciò nonostante, anche quando piangi sei uno schianto: è la regola Bündchen dell'infallibilità
Firme
CONDIVIDI
Fate uno sforzo e provate a mettervi nei panni (e a vivere i casini) di Woody Allen e Mia Farrow
Ma siamo sicuri che se fossero successe le stesse cose a noi, gente normale, avremmo reagito più compostamente?
Firme
CONDIVIDI
Domanda: ma il Festival di Sanremo di Claudio Baglioni non doveva andare malissimo?
Perché Baglioni è un classico, il jukebox delle nostre vite, uno che ci fa saltare sul divano con le prime quattro note di La vita è adesso
Firme
CONDIVIDI
Cosa insegneranno mai a Yale a chi frequenta il corso sulla felicità (per la cronaca: il più seguito nella storia dell'Ateneo)?
Laura Santos ha dato il via al corso più seguito nella storia di Yale: Psychology and the good life, in poche parole come essere felici
Dissenso comune attrici italiane
Firme
CONDIVIDI
Contro le molestie ci vogliono i fatti: l'appello delle attrici italiane
124 firme nella lettera-manifesto "Dissenso comune" per riscrivere il rapporto tra i sessi: è la sfida del secolo e non possiamo perderla
Firme
CONDIVIDI
In che modo Gabriele Muccino ci rovinerà anche questo San Valentino?
Il regista di A casa tutti bene, al cinema dal 14 febbraio, sa delle cose di noi e delle nostre relazioni, e passa i film a sputtanarci
Firme
CONDIVIDI
Ci vuole insolenza per essere una principessa inglese e decidere di sposarsi quest'anno: Eugenia siamo con te
Ci vuole coraggio per decidere di sposarsi quest'anno nella cappella del castello di Windsor, esattamente come Harry e Meghan
Firme
CONDIVIDI
Le regole della coppia aperta? Sono fatte per essere infrante (come tutte le regole dell'umanità)
Nel suo libro La promessa, Sarah Dunn parla di relazioni extraconiugali, felicità e condizionatori
Firme
CONDIVIDI
Cos'è l'amore e perché rimane un mistero bellissimo che la scienza non sa spiegare
Aumentano le app di incontri, ma ci s'innamora sempre meno: è che abbiamo confuso la chimica dell'attrazione con le affinità