Milano Zucchero e Catrame, quanto dice di te la tua scrivania?

Da quando sono a Milano colleziono istantanee che sto cercando di dividere per temi: in questo periodo fotografo tutte le scrivanie che vedo, perché scatenano la mia curiosità

Più Popolare
Advertisement - Continue Reading Below

Canzone per leggere l'umore: Nuvole Bianche di Ludovico Einaudi

Alla fine di ogni giornata a quello che mi rimane impresso nella testa sono le fotografie che faccio senza pensarci. Da quando sono a Milano sto collezionando istantanee che sto cercando di dividere per temi, categorie, argomenti. Le case degli altri, le insegne dei bar, i cortili. In questo periodo fotografo tutte le scrivanie che vedo. La mia non è una curiosità dettata dall'amore per il design né voler arredare casa, ma soltanto mera e cruda curiosità. Le scrivanie mi incuriosiscono tantissimo.

Più Popolare

Sono cresciuto con mia nonna che mi diceva: «quando metterai ordine sulla tua scrivania, vorrà dire che avrai messo ordine nella tua vita».

Parole sagge, che in qualche modo, presagivano la mia condizione di eterno indeciso. Ma non sapeva, sempre mia nonna, che crescendo, sarei diventato un compulsivo non dell'ordine, ma delle posizioni degli oggetti.

Il computer lì, le matite temperate tutte insieme, le penne da un'altra parte, i blocchi uno in fila all'altro e cosi via. Lo so, un'esagerazione. Ma che posso farci. Ognuno ha le sue turbe e per me sono attenzioni (maniacali) che in qualche modo mi rasserenano. Ma il disordine mi piace.

Tanto. Soprattutto quello degli altri. Adoro le scrivanie sommerse di fogli, giornali, libri. Adoro chi riesce a trovare tutto con estrema serenità nel caos più assoluto. A Milano ho incontrato tavoli e scrivanie davvero affascinanti. È il tocco personale che fa la differenza. Chi personalizza, chi vuole avere tutto davanti ai propri occhi, chi aggiunge piccoli ricordi, foto, biglietti del treno, del tram e vecchi oggetti di un parente lontano. Guadandole con altri occhi, le scrivanie sono microcosmi funzionali al nostro lavoro. Se sei un fumatore ci saranno accendini ovunque, posaceneri in ogni cassetto o anfratto. Se ti occupi di moda troverai mille pagine strappate di giornali con vestiti, abbinamenti e varie.

Se sei un artigiano "i ferri del mestiere" saranno sempre in primo piano.

È un approccio quasi teatrale, la scenografia è determinante, perché aggiunge emozione a quello che fai e che vedi. Poi ci sono le scrivanie che non ti aspetti, che non riesci assolutamente ad associare alla persona o a quello che fa. E qui entro in crisi.

Advertisement - Continue Reading Below

È così perché non gliene importa nulla o c'è dell'altro?

Che cosa nasconde?

Capirò.

Nel frattempo vi allego foto di scrivanie sparse senza dirvi di chi sono.

Provate a giocare. Guardatele e immaginate.

Che fa nella vita?

Quanti anni ha?

È una persona che si sente realizzata o no?

Nel frattempo, godetevi con chi vi pare la vostra Pasqua.

Io me ne vado due giorni a Venezia a vedere la mostra di Damien Hirst.

La mia prima gita fuori porta.

Da Milano.

Matteo Maffucci, cantante degli Zero Assoluto,lascia Roma per Milano: qui potete seguire (e poi commentare sui social) le sue peripezie di expat.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Cara Chrissy, grazie per averci fatto piangere (soprattutto quella volta lì)
Abbiamo un gran bisogno di consolazione, ma dobbiamo anche imparare a non dare sempre la colpa alla società
Jovanotti cita Dalla
Firme
CONDIVIDI
Jovanotti non teme l'effetto nostalgia
Nel brano Oh, vita!, anticipazione del nuovo album che esce a dicembre, cita Futura di Lucio Dalla: ci vuole coraggio per farlo
Firme
CONDIVIDI
Felicità è portare i pantaloni con l'elastico
Se hai deciso che non te ne frega niente di farti guardare, tirarti a lucido è una cosa che non serve quasi mai
Bellezza e diversità  Lupita Nyong'o
Firme
CONDIVIDI
La bellezza non è più femminile singolare
Oggi per distinguersi c'è un solo modo: essere diverse, come Lupita Nyong'o, che non rinuncia ai suoi capelli afro
È ufficiale: Chiara Ferragni e Fedez aspettano il loro primo figlio, ecco perché sarà un bambino molto fortunato.
Firme
CONDIVIDI
Cara Chiara, sarai una madre favolosa
Perché possiedi un superpotere fondamentale per sopravvivere a questi tempi qui
Mamme permalose bambini
Firme
CONDIVIDI
Nessuno è permaloso come una mamma
Le madri di oggi sono, nell'eloquio, indistinguibili da come scriverei una parodia di mia madre
Kris Jenner con la figlia Kim Kardashian
Firme
CONDIVIDI
Cara Kris, le Kardashian non esisterebbero senza di te
Nessuna delle tue figlie sarebbe così com'è ora se tu non avessi avuto l'idea di farne lo spettacolo di questa generazione
Parità stipendio donne
Firme
CONDIVIDI
Equo compenso, non si tratta solo di soldi
Quando pretendiamo una retribuzione pari a quella degli uomini per il nostro lavoro stiamo parlando anche di dignità
Figli calo nascite
Firme
CONDIVIDI
Ma tu un figlio lo vorresti?
Se è vero che i giovani rinunciano ad avere bambini per cause di forza maggiore, perché 
non sono arrabbiati?
Non più un intoccabile di Hollywood, il molestatore delle dive Harvey Weinstein ci obbliga a una riflessione in più: oltre all'indignazione e alla solidarietà, dobbiamo essere capaci di raffinare l'analisi ed emanciparci da ruolo di vittime perfette.
Firme
CONDIVIDI
Cara Blythe, le figlie devono imparare a difendersi da sole
Se Gwyneth è in grado di badare a se stessa, che bisogno aveva di una lettera della sua mamma al giornale che l'ha criticata?