Fine di un amore: piangi perché ti ha lasciato ma vinci tu 6 a 1

«Sono disperata e piango, piango, piango»: perdendo hai vinto, grande partita, non sciuparne l'eleganza

La scrittrice Barbara Alberti risponde alle lettrici di Gioia! che vogliono sottoporle i loro problemi di cuore: scrivetele all'indirizzo maleducazione.sentimentale@hearst.it . Ecco il suo consiglio a una ragazza disperata per la fine di un amore.

La lettera

«Sono disperata, non dormo. Vorrei morire, vorrei che morisse. Ho chiesto un'aspettativa al lavoro per stare male in pace. Lo conoscevo da un anno e non mi ero mai accorta di lui. Tutto è cominciato con uno sguardo. Ed è scoppiato l'amore. Sei mesi di euforia, risate, sesso fantastico, e in un attimo mi ha lasciato. È finito il mondo. Sono uno straccio, faccio i conti: ho perso tempo, energia, illusione e piango, piango, piango». (Ely)

Advertisement - Continue Reading Below

Risponde Barbara Alberti

Brava, piangi. Pare che piangere faccia un gran bene alla salute. Molto peggio il dolore asciutto, senza lacrime. Ma intanto che piangi tutto il piangibile, visto che ti sei messa a fare i conti, facciamoli davvero, coi guadagni e le perdite.

Entrate: 1. Innamorandoti, tutte le forze sono venute a te, una nuova Ely coi superpoteri. 2. Grande occasione per buttare all'aria i calcoli e rischiare. Ogni cosa illuminata, una passata di Argentil su ogni giorno. 3. Nel pieno dell'amore non te ne fregava più niente della morte, ti sembrava di scavalcare con un salto la condizione umana. 4. La benedizione del desiderio, amore e sesso insieme, più raro di una vincita all'Enalotto. 5. Nel suo sguardo ti sei vista amabile in un modo che non sapevi, ma ora lo sai, e ti resta. 6. Produzione costante di endorfine.

Perdite: Che sia finita. Uno a sei, il profitto è schiacciante. Perdendo hai vinto. Grande partita, non sciuparne l'eleganza.

More from Gioia!:
L'attrice inglese Emma Thompson rivela alla tv scandinava: l'invcecchiamento non si può combattere, deve diventare un processo sostenibile.
Firme
CONDIVIDI
Cara Emma, sei la mia amica geniale
Quante rughe mi devo far venire per diventare come te?
milano-zucchero-e-catrame-prima-estate-milanese
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, come sarà l'estate milanese?
La sto aspettando come un viaggio dall'altra parte del mondo, perché Roma per me è un libro aperto, Milano, no: ci sono le cicale?
Firme
CONDIVIDI
Se mi lasci ti cancello: le donne sfregiate
L'acido sulla faccia delle vittime della violenza non brucia solo il corpo, ma scava una ferita dentro da cui è difficile guarire
Firme
CONDIVIDI
Isis, quando i miliziani tornano a casa
Sono europei, ma inneggiano al Corano: si spende per integrarli quando ritornano in patria, ma forse dovremmo difenderci
Firme
CONDIVIDI
Genitori separati: cosa dire ai figli?
Bisogna sempre parlare bene al figlio di un padre, anche se indegno, oppure se un genitore è spregevole i figli hanno il diritto di...
milano-zucchero-e-catrame-primi-sei-mesi-milano
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, i miei primi 6 mesi qui
Nel sesto mese della mia vita a Milano sono diventato parte del mio quartiere: per un abitudinario come me è una conquista
Firme
CONDIVIDI
Allacciate le cinture (e attenti alle botte)
Da quando il video del passeggero buttato giù da un aereo in overbooking ha fatto il giro del mondo, è capitato di tutto
immigrati-islam-integrazione-generazioni
Firme
CONDIVIDI
Quei figli di immigrati sospesi tra due mondi
Obbligati a seguire le tradizioni dei padri, ma desiderosi di trovare una collocazione nel Paese che li ospita
Una manifestazione contro la violenza sulle donne in Brasile.
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: quando lui non accetta la fine
Ancora una donna uccisa da un ex, dopo che lui le aveva chiesto un «ultimo incontro chiarificatore»
Firme
CONDIVIDI
Trump: a cosa servono (davvero) le bombe
Ha bombardato una base siriana per ragioni umanitarie, ma lo ha fatto soprattutto per distrarre gli americani dalla politica interna