Milano Zucchero e Catrame, che bello andare in bici al Fuorisalone!

Alla scoperta del Fuorisalone del mobile su due ruote, causa sciopero dei mezzi milanesi: felice, sudatissimo e con le gambe indolenzite sono arrivato a destinazione in 35 minuti! E lì mi sono sentito come un bambino nel più grande negozio di giocattoli del mondo

Più Popolare
Advertisement - Continue Reading Below

Canzone per leggere l'umore: Someday, The Strokes.

Da quando sono arrivato qui a Milano sono sempre stato consapevole che prima o poi avrei dovuto cedere ad uno dei miei più grandi pregiudizi. La bici. Ora, cercate di capirmi. Per uno che ha passato quasi tutta la vita nel traffico di Roma, vedere ciclisti che ti superano sul Lungotevere, arrivano prima di te, non hanno problemi di parcheggio, e fanno anche sport, non è facile da accettare. Sono uno di quelli che non ha mai voluto cedere alla moda travolgente delle due ruote. Soprattutto per pigrizia, direi.

Più Popolare

Qui a Milano, però, è un'altra cosa. È inevitabile. Ragazzi, qui ho scoperto che si può fare. Questa settimana mi sono sentito più disponibile del solito e l'ho fatto: ho sottoscritto un abbonamento giornaliero a BikeMi.it. Curioso come una scimmia nepalese (non ricordo chi, ma mi hanno detto che sono curiosissime) sono uscito di corsa e a 50 metri da casa sono andato a prendere la mia bici. Emozionante. Perché?

1. Non ho avuto alcuna difficoltà a fare tutto e quindi per almeno per tre minuti mi sono sentito sul pezzo.

2. L'Atm era in sciopero io e volevo andare assolutamente a Lambrate a vedere una parte del Fuorisalone del mobile. La più fica, mi dicevano da giorni.

Advertisement - Continue Reading Below

Una volta memorizzato il percorso, sono partito. Vestito da passeggiatina in centro e non da pedalata estrema, mi sono fatto circa sette chilometri. Forse vi sembreranno pochi: io mi sono sentito come Marco Pantani a Les Deux Alpes. Felice, sudatissimo, e con le gambe indolenzite e gonfie, sono arrivato a destinazione in 35 minuti. Sono un fico, dai. Ho lasciato la bici legata e mi sono lanciato, per la prima volta nella mia vita, nel delirio del Fuorisalone del mobile.

Advertisement - Continue Reading Below

E qui la storia cambia. Immaginate di prendere un piccolo bambino di otto anni e di metterlo dentro il più grande negozio di giocattoli del mondo. Secondo voi non impazzirebbe? Ecco, sono diventato pazzo. Amo l'arredamento e il design. E, consigliato da un mio amico espertissimo, sono capitato nella zona del Fuorisalone più avanguardista. Divertente, affascinante, sorprendente. Sempre. C'è veramente di tutto.

Oggetti utili e belli, mobili inutili ma meravigliosi, provocazioni, esperimenti, follie. Una montagna di sollecitazioni.

Vi dirò, lo stand che mi ha affascinato di più è in assoluto il più inutile di tutti, ma non riesco a togliermelo dalla testa. Immaginate di entrare in un piccolo e grazioso alimentari e scoprire che tutti i prodotti che vendono in realtà sono finti. Popcorn di polistirolo, pasta per fare le lasagne di legno, caramelle-Lego, tiramisù di lana.

Ecco, a Lambrate in questi giorni la creatività esplode in ogni angolo. Già lo sapete, ne sono sicuro, ma fidatevi. Andate e perdete tutto il tempo che potete permettervi. Andateci in bici, però.

Matteo Maffucci, cantante degli Zero Assoluto, lascia Roma per Milano: qui potete seguire (e commentare) le sue peripezie di expat.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Vi racconto come sono diventata la più grande esperta di capelli vivente e vi svelo tutto quello che ho imparato
Altro che sacchetti biodegradabili: voto il primo partito che faccia una legge per cui lo shampoo è incluso nel costo della piega
Oprah Winfrey Golden globes 2018
Firme
CONDIVIDI
Perché il discorso di Oprah sulle donne dovrebbe farci riflettere
Ma non occorre la molestia sessuale, basta la rinuncia costante 
alle nostre ambizioni a renderci ancora "sesso debole"
Rivoluzione bacio
Firme
CONDIVIDI
La strategia vincente per ottenere tutto quello che si vuole? Far sbroccare l'interlocutore
Così passa dalla parte del torto, come sa fare bene Stefania Sandrelli con Vittorio Gassman nel film La terrazza
Sessantotto anniversario 50 anni
Firme
CONDIVIDI
Il Sessantotto 50 anni dopo e le nuove rivoluzioni possibili
Abbiamo ripreso lo spirito creativo del '68, che ha appena compiuto 50 anni, per immaginare un mondo diverso
vestiti costosi
Firme
CONDIVIDI
Noi, che l'abito costoso vogliamo ammortizzarlo
Da quando ci sono i cellulari con fotocamera quel completo risolutivo non puoi più indossarlo senza sembrare una che non si cambia mai
scrivere gratis
Firme
CONDIVIDI
Scrivete solo se qualcuno vi paga
Conosco gente che scrive decine di cartelle non retribuite su siti senza budget: come mai non distinguono un hobby da un mestiere?
Fine anno 2017 cosa tenere cosa buttare
Firme
CONDIVIDI
Cosa vuoi tenere e cosa vuoi buttare del 2017?
Butto le frasi retoriche e le parole a vanvera, tengo le battaglie delle donne e la loro forza inesauribile
Angela Lansbury, in un'intervista a Radio Times, ha parlato di donne, molestie e responsabilità: la reazione del web è stata immediata e scomposta
Firme
CONDIVIDI
Cara Angela, con noi giovani bisogna avere pazienza (siamo scemi)
Per quanto complessa sia la questione delle molestie, la nostra reazione è sempre a misura di tweet
Natale amore odio
Firme
CONDIVIDI
Con il Natale non ci sono mezze misure: o si è lovers o si è haters
Il mondo si divide in due categorie, quelli che lo amano e quelli che lo odiano: a me fa simpatia, ma sono un disastro con gli addobbi
Insieme al marito John Legend, Chrissy Teigen ha annunciato sui social la sua seconda gravidanza, ottenuta attraverso la fecondazione in vitro, come ha sempre raccontato con sana disinvoltura.
Firme
CONDIVIDI
Cara Chrissy, servono anche i figli maschi
Il tuo lo sarà perché, come hai spiegato disinvolta, "è l'unico embrione rimasto", e ti tornerà utilissimo