Alexander Boettcher farà 23 anni di carcere, ma le vittime dell'acido hanno la vita distrutta

La condanna a 23 anni di carcere per Alexander Boettcher non allevia l'esistenza rovinata per sempre dei ragazzi sfigurati con l'acido

Più Popolare

Ventitré anni sono un terzo di una vita. Se ne hai già attraversato più di un quarto, te ne resta meno della metà. Alexander Boettcher, 31 anni, il mostro dell'acido, li passerà in carcere. Quando uscirà avrà superato i 50 e mi chiedo che persona sarà. Se avrà ancora quella faccia da bambolotto cattivo, gli occhi inespressivi, la mascella volitiva dei bellocci di certi B movie un po' datati, il cuore incassato sotto i muscoli come un bullone qualsiasi, una vite, un perno d'acciaio che serve a tenere in moto la macchina, niente di più, nessuna emozione, nessun pentimento, niente. Alla sentenza dell'XI sezione penale del Tribunale di Milano c'era anche Stefano Savi, sfigurato per sbaglio sotto casa, la sera del 2 novembre 2014, dal broker "vendicatore" e la fidanzata Martina Levato. La condanna a 23 anni del suo assalitore dovrebbe risarcirlo. «Giustizia è fatta. Mi sento sollevato». Sollevato, ha detto, non soddisfatto o felice o sereno. Perché quelle parole non riesce più a usarle. 

Advertisement - Continue Reading Below

Ventitré anni di reclusione sono tanti. Ma una vita mutilata per sempre, di più. Ci vuole una forza incredibile per riprenderla in mano e riscriverla, rimetterla sui binari, trovare dentro di sé le risorse per non deragliare. Ma anche per prendere dimestichezza con una nuova quotidianità e cercare di definirla normale. Stefano si è sottoposto fino a oggi a 16 interventi. Pietro Barbini, aggredito dall'ex compagna di liceo e dal suo amante la sera del 28 dicembre 2014, ha imparato a vivere come una routine le cure post operatorie – dalle creme ai massaggi, alla maschera cicatrizzante che lo tiene immobilizzato per ore – senza rinunciare ai suoi sogni. Il 5 maggio si laureerà a Boston, dove spera di andare a vivere. Aveva un viso bellissimo, prima dell'aggressione, da bravo ragazzo. Ma non ha permesso alla cicatrice che lo attraversa da parte a parte (e per cui Boettcher è stato già condannato a 14 anni) di rovinargli la vita. Anzi, in questi mesi ha riscoperto il rapporto col padre, che non lo molla mai. E ora che le conseguenze dell'ustione sono meno invalidanti, e si sta attenuando il bisogno di nascondersi, sta ridiventando bello. Bello in un modo nuovo.

Più Popolare

«Che apra la porta di casa e si mostri a tutti a testa alta. Perché è bellissimo», ha detto il suo papà. Gherardo Barbini ha vissuto di dolore e speranza in questi mesi, cercando di mettere insieme i pezzi di una storia senza senso. Poi il senso l'ha trovato dedicando il suo tempo a una onlus che raccoglie fondi per tutti gli ustionati che non possono permettersi le cure (si chiama ALMauST ed è stata fondata dal primario del Niguarda). Potevano perdersi Pietro e Gherardo, finirci a gambe e braccia legate dentro quello strazio senza forma né nome, come in un lago nero, invece si sono trovati. E si sono guadagnati il lieto fine. Ci stanno provando. 

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Cara Chrissy, grazie per averci fatto piangere (soprattutto quella volta lì)
Abbiamo un gran bisogno di consolazione, ma dobbiamo anche imparare a non dare sempre la colpa alla società
Jovanotti cita Dalla
Firme
CONDIVIDI
Jovanotti non teme l'effetto nostalgia
Nel brano Oh, vita!, anticipazione del nuovo album che esce a dicembre, cita Futura di Lucio Dalla: ci vuole coraggio per farlo
Firme
CONDIVIDI
Felicità è portare i pantaloni con l'elastico
Se hai deciso che non te ne frega niente di farti guardare, tirarti a lucido è una cosa che non serve quasi mai
Bellezza e diversità  Lupita Nyong'o
Firme
CONDIVIDI
La bellezza non è più femminile singolare
Oggi per distinguersi c'è un solo modo: essere diverse, come Lupita Nyong'o, che non rinuncia ai suoi capelli afro
È ufficiale: Chiara Ferragni e Fedez aspettano il loro primo figlio, ecco perché sarà un bambino molto fortunato.
Firme
CONDIVIDI
Cara Chiara, sarai una madre favolosa
Perché possiedi un superpotere fondamentale per sopravvivere a questi tempi qui
Mamme permalose bambini
Firme
CONDIVIDI
Nessuno è permaloso come una mamma
Le madri di oggi sono, nell'eloquio, indistinguibili da come scriverei una parodia di mia madre
Kris Jenner con la figlia Kim Kardashian
Firme
CONDIVIDI
Cara Kris, le Kardashian non esisterebbero senza di te
Nessuna delle tue figlie sarebbe così com'è ora se tu non avessi avuto l'idea di farne lo spettacolo di questa generazione
Parità stipendio donne
Firme
CONDIVIDI
Equo compenso, non si tratta solo di soldi
Quando pretendiamo una retribuzione pari a quella degli uomini per il nostro lavoro stiamo parlando anche di dignità
Figli calo nascite
Firme
CONDIVIDI
Ma tu un figlio lo vorresti?
Se è vero che i giovani rinunciano ad avere bambini per cause di forza maggiore, perché 
non sono arrabbiati?
Non più un intoccabile di Hollywood, il molestatore delle dive Harvey Weinstein ci obbliga a una riflessione in più: oltre all'indignazione e alla solidarietà, dobbiamo essere capaci di raffinare l'analisi ed emanciparci da ruolo di vittime perfette.
Firme
CONDIVIDI
Cara Blythe, le figlie devono imparare a difendersi da sole
Se Gwyneth è in grado di badare a se stessa, che bisogno aveva di una lettera della sua mamma al giornale che l'ha criticata?