Alexander Boettcher farà 23 anni di carcere, ma le vittime dell'acido hanno la vita distrutta

La condanna a 23 anni di carcere per Alexander Boettcher non allevia l'esistenza rovinata per sempre dei ragazzi sfigurati con l'acido

Più Popolare

Ventitré anni sono un terzo di una vita. Se ne hai già attraversato più di un quarto, te ne resta meno della metà. Alexander Boettcher, 31 anni, il mostro dell'acido, li passerà in carcere. Quando uscirà avrà superato i 50 e mi chiedo che persona sarà. Se avrà ancora quella faccia da bambolotto cattivo, gli occhi inespressivi, la mascella volitiva dei bellocci di certi B movie un po' datati, il cuore incassato sotto i muscoli come un bullone qualsiasi, una vite, un perno d'acciaio che serve a tenere in moto la macchina, niente di più, nessuna emozione, nessun pentimento, niente. Alla sentenza dell'XI sezione penale del Tribunale di Milano c'era anche Stefano Savi, sfigurato per sbaglio sotto casa, la sera del 2 novembre 2014, dal broker "vendicatore" e la fidanzata Martina Levato. La condanna a 23 anni del suo assalitore dovrebbe risarcirlo. «Giustizia è fatta. Mi sento sollevato». Sollevato, ha detto, non soddisfatto o felice o sereno. Perché quelle parole non riesce più a usarle. 

Advertisement - Continue Reading Below

Ventitré anni di reclusione sono tanti. Ma una vita mutilata per sempre, di più. Ci vuole una forza incredibile per riprenderla in mano e riscriverla, rimetterla sui binari, trovare dentro di sé le risorse per non deragliare. Ma anche per prendere dimestichezza con una nuova quotidianità e cercare di definirla normale. Stefano si è sottoposto fino a oggi a 16 interventi. Pietro Barbini, aggredito dall'ex compagna di liceo e dal suo amante la sera del 28 dicembre 2014, ha imparato a vivere come una routine le cure post operatorie – dalle creme ai massaggi, alla maschera cicatrizzante che lo tiene immobilizzato per ore – senza rinunciare ai suoi sogni. Il 5 maggio si laureerà a Boston, dove spera di andare a vivere. Aveva un viso bellissimo, prima dell'aggressione, da bravo ragazzo. Ma non ha permesso alla cicatrice che lo attraversa da parte a parte (e per cui Boettcher è stato già condannato a 14 anni) di rovinargli la vita. Anzi, in questi mesi ha riscoperto il rapporto col padre, che non lo molla mai. E ora che le conseguenze dell'ustione sono meno invalidanti, e si sta attenuando il bisogno di nascondersi, sta ridiventando bello. Bello in un modo nuovo.

Più Popolare

«Che apra la porta di casa e si mostri a tutti a testa alta. Perché è bellissimo», ha detto il suo papà. Gherardo Barbini ha vissuto di dolore e speranza in questi mesi, cercando di mettere insieme i pezzi di una storia senza senso. Poi il senso l'ha trovato dedicando il suo tempo a una onlus che raccoglie fondi per tutti gli ustionati che non possono permettersi le cure (si chiama ALMauST ed è stata fondata dal primario del Niguarda). Potevano perdersi Pietro e Gherardo, finirci a gambe e braccia legate dentro quello strazio senza forma né nome, come in un lago nero, invece si sono trovati. E si sono guadagnati il lieto fine. Ci stanno provando. 

More from Gioia!:
Harvey Weinstein accuse stupro
Firme
CONDIVIDI
A proposito di Harvey Weinstein: quando è violenza e quando è solo vita
Se mettiamo nella categoria «stupro» chiunque ci provi e ci faccia sentire dieci minuti a disagio, prevedo l'estinzione dell'umanità
Voglio essere magra
Firme
CONDIVIDI
Io che volevo essere magra più di tutto
Ma c'è una bella differenza tra la ricerca del proprio peso forma e la fissazione per il corpo esile a tutti i costi
Ius soli autogol sinistra
Firme
CONDIVIDI
Ius soli, l'autogol della sinistra
Il disegno di legge muore in Parlamento perché Alfano non lo vuole e perché il centrosinistra si è subito arreso
Dopo un'estate di pettegolezzi, Heidi Klum ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia e smettere di cercare uomini che la facciano sentire giovane.
Firme
CONDIVIDI
Cara Heidi Klum, mollare un trentenne è sempre un'ottima idea
Dopo un'estate di pettegolezzi, la modella ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia di accoppiamento
Con una stretta di mano al summit sull'ambiente dell'Onu, Gisele Bündchen ha mandato un messaggio al marito Tom Brady: tu stai al tuo posto, ché al tavolo dei grandi mi siedo io.
Firme
CONDIVIDI
Cara Gisele Bündchen, sei meglio di tuo marito
Tuo marito ha sposato la più bella del reame, che si accontenti: al tavolo dei grandi siedi tu
figli bamboccioni casa
Firme
CONDIVIDI
Quel che si perdono i figli bamboccioni
La sindrome dell'impostore applicata agli immobili: ce la spiega l'attrice di Scandal Katie Lowes
Maria Sharapova ha scritto un libro, Unstoppable, in cui non riesce a confessare una semplice verità: Serena Williams l'ha battuta sul campo da tennis 19 volte di seguito perché è più forte.
Firme
CONDIVIDI
Cara Maria Sharapova, ogni tennista è un'isola
Ma pure su quest'isola la notizia deve essere arrivata: Serena Williams non ti batte perché ti odia, ti batte perché è più forte di te
Quanto ci mancano gli uomini all'antica
Firme
CONDIVIDI
Quanto ci mancano gli uomini all'antica
Con la scusa che noi «vogliamo tutto» fidanzati e mariti si sono messi comodi e ci fanno fare tutto: gli straordinari e la cena
Passatempi figli adolescenti cellulare internet
Firme
CONDIVIDI
Genitori, i giovani non sono così fessi
C'era un tempo in cui le cuffie del walkman annunciavano l'alienazione: i passatempi dei figli sembrano sempre la fine della civiltà
Moda sostenibile Green carpet fashion award
Firme
CONDIVIDI
La moda sostenibile ha un premio tutto per sé
Si può fare fashion etico senza sacrificare l'estetica: cronaca del primo Green Carpet Fashion Award