Ragazzi, non smettete di sognare

A chi mi scrive: «Cosa farò da grande?» non ho ricette da dare in questa era di precariato a vita: solo, fate esperienze e non rinunciate ai sogni

Più Popolare

Stefania ha 18 anni, fa l'ultimo anno di liceo, mi scrive che vorrebbe diventare giornalista, mi chiede spiccia come si fa. Io che studi ho fatto? Esistono scuole specializzate? E andare all'estero conviene o no? Intanto mi manda un lungo racconto, mi fa pensare a me alla sua età, le idee chiarissime e la voglia di farcela, con umiltà e passione, amore anche, perché «se non smetti di scrivere mai», vuol dire che è proprio un'ossessione, come quella degli innamorati.

Advertisement - Continue Reading Below

È un peccato regalare il talento ad altri

Federica, 25 anni, è partita per Londra appena finiti gli studi. Vive lì da meno di un anno e ha appena iniziato il suo terzo stage. È laureata, parla bene le lingue, ha fatto esperienza in aziende importanti. Però ora vorrebbe tornare a casa: non è mammona non è bambocciona, solo si dice che sarebbe bello poter fare ciò che le piace nel Paese che ama, e non perché le manchino pizza e carbonara, ma perché è qui che è cresciuta e si è formata, ed è un peccato regalare il suo talento ad altri, ne fa una questione di principio. E poi se tutti scappano, in Italia chi ci resta? I vecchi e basta, neppure i bambini, che tanto ormai chi li fa più.

Più Popolare

Precisa, organizzata, stakanovista

Valentina lavora da 11 anni alle produzioni di un grande ufficio della comunicazione, zona Repubblica, Milano-Milano. Per scherzare le colleghe la chiamano «perfortunachevalec'è», perché senza di lei davvero tutto andrebbe a rotoli. È la prima che arriva in ufficio e l'ultima che se ne va. È precisa, organizzata, stakanovista. Prende meno di una dogsitter a tempo pieno, lavora il doppio e ha appena firmato il suo terzo contratto d'assunzione «a termine» dopo anni di formule creative di collaborazione col suffisso co- (co-co-pro, co-co-co, co-co-dè). Ha firmato perché non aveva scelta, ma l'ha fatto con le lacrime agli occhi, perché se dopo 11 anni l'azienda in cui sei cresciuta, che ti ha formato e a cui hai dato tanto (tempo, energia, entusiasmo) non si prende la responsabilità di assumerti e basta, in via definitiva, senza lasciarti appesa a un ma-però, tenendosi aperta la possibilità di scaricarti dopo 12 mesi, perché all'improvviso non servi più, ti chiedi solo una cosa: perché?

Perché sgobbare tanto il merito non conta?

Perché sgobbare così se tanto il merito non conta? Se tutto quello che hai fatto fino a oggi vale zero, non ha fatto curriculum, non ha alcun peso nella tua «storia» in azienda: sei entrata come una qualsiasi e come una qualsiasi domani potrai andartene. Intanto però sei diventata una donna di 31 anni, che ancora vive in un bilocale a dieci fermate dal centro. Una ragazza grande che non può permettersi di fare cose da adulta: comprare una casa, sposarsi, fare figli. Come se la vita fosse chiusa in un congelatore. Ma guai a lamentarsi perché c'è chi sta peggio. Anche tu potresti stare peggio tra 12 mesi. Quindi incassa, asciugati le lacrime, e dai il meglio di te. Convincili che non possono perderti. Testa china, umiltà, pazienza. Un giorno finirà? Forse, non è detto. Intanto, ringrazia.

La nuova gioventù bruciata dal precariato a vita

«Ringrazia» è il mantra con cui Raffaella Silvestri, giovane scrittrice di talento, ci ha raccontato la nuova gioventù bruciata dal precariato a vita. Tarpata nei sogni, spezzata nella volontà, resa così insicura e fragile riguardo alle proprie capacità, da diventare docile e rinunciataria. Ubbidiente. Il sociologo Domenico De Masi la sprona invece alla disubbidienza. Una disubbidienza non violenta e costruttiva, che mira aripensare il mercato del lavoro – in questa nuova era in cui il lavoro non c'è – tramutando il tempo in risorsa, la libertà forzata nella chiave di volta con cui progettare un sistema diverso di sviluppo, capace di abbattere le disuguaglianze e generare un'umanità meno frustrata e più felice. Un'utopia? Può darsi, ma perché non provare? Avrei qualcosa di bello da dire alle giovani lettrici che mi scrivono in cerca di consigli sul futuro. Le ricette per «farcela» valevano ai miei tempi, oggi non più. L'unica cosa che mi sento di dirvi è: mettetevi in ascolto, capite bene cosa vi piace. Studiate, viaggiate, fate esperienze, ma non perseguite i sogni degli altri. Seguite il vostro. E non smettete di sognare.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Quando sposarsi era meglio che lavorare
Oggi il concetto stesso di «tenore di vita» è ridicolmente antiquato: chi può denunciare in tribunale la crisi economica?
Firme
CONDIVIDI
Nel degrado di Roma nessuno è innocente
Cambiano i sindaci ma la capitale è sempre sporca, i cittadini non fanno la raccolta differenziata e i politici si rimpallano le...
matteo-maffucci-zero-assoluto-foto
Firme
CONDIVIDI
Benvenuti a Milano, dove le minicar NON esistono
Mi sono ripromesso di non fare paragoni tra Milano e Roma: ma come si fa a non soffermarsi su alcuni dettagli?
Firme
CONDIVIDI
Per fare la moglie ci vuole una certa vocazione
Non ho simpatia per le ex mogli che spremono i mariti, ma ho a cuore le altre gettate via dopo tante rinunce
Firme
CONDIVIDI
«Non so scegliere fra marito e amante»
«Lo tradisco, ma gli voglio bene»: prima di mollare un coniuge devoto bisogna capire se l'eros resisterebbe alla vita vera
matteo-maffucci-zero-assoluto
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, nel regno dei maghi
Il mio amico me l'aveva detto: «Vai a vedere questo posto, non è un semplice negozio di magia...»
Firme
CONDIVIDI
Kirk Douglas, Anne e il matrimonio perfetto
Per il loro 63esimo anniversario di nozze l'attore e sua moglie si sono regalati un libro che raccoglie le loro lettere d'amore, e molte...
Firme
CONDIVIDI
Così Macron ha conquistato la Francia
Senza esperienza, senza partito, senza grandi doti comunicative: l'ha votato chi non vuole cedere all'estremismo
Firme
CONDIVIDI
Anna e la cronaca semi-seria della malattia
Anna Savini ha raccontato in un libro la sua lotta contro il cancro: una storia bella e necessaria a chi ne sta vivendo una simile
È tornata la stagione del bikini, e puntuali spuntano le foto non ritoccate dal Messico: il sedere di Kim Kardashian è il più chiacchierato del web.
Firme
CONDIVIDI
Cara Kim, ho capito cosa significa il tuo sedere
La reazione alla tua (peraltro prevedibile) cellulite racconta più di noi che di te, che sei una purista della menzogna