Ragazzi, non smettete di sognare

A chi mi scrive: «Cosa farò da grande?» non ho ricette da dare in questa era di precariato a vita: solo, fate esperienze e non rinunciate ai sogni

Più Popolare

Stefania ha 18 anni, fa l'ultimo anno di liceo, mi scrive che vorrebbe diventare giornalista, mi chiede spiccia come si fa. Io che studi ho fatto? Esistono scuole specializzate? E andare all'estero conviene o no? Intanto mi manda un lungo racconto, mi fa pensare a me alla sua età, le idee chiarissime e la voglia di farcela, con umiltà e passione, amore anche, perché «se non smetti di scrivere mai», vuol dire che è proprio un'ossessione, come quella degli innamorati.

Advertisement - Continue Reading Below

È un peccato regalare il talento ad altri

Federica, 25 anni, è partita per Londra appena finiti gli studi. Vive lì da meno di un anno e ha appena iniziato il suo terzo stage. È laureata, parla bene le lingue, ha fatto esperienza in aziende importanti. Però ora vorrebbe tornare a casa: non è mammona non è bambocciona, solo si dice che sarebbe bello poter fare ciò che le piace nel Paese che ama, e non perché le manchino pizza e carbonara, ma perché è qui che è cresciuta e si è formata, ed è un peccato regalare il suo talento ad altri, ne fa una questione di principio. E poi se tutti scappano, in Italia chi ci resta? I vecchi e basta, neppure i bambini, che tanto ormai chi li fa più.

Più Popolare

Precisa, organizzata, stakanovista

Valentina lavora da 11 anni alle produzioni di un grande ufficio della comunicazione, zona Repubblica, Milano-Milano. Per scherzare le colleghe la chiamano «perfortunachevalec'è», perché senza di lei davvero tutto andrebbe a rotoli. È la prima che arriva in ufficio e l'ultima che se ne va. È precisa, organizzata, stakanovista. Prende meno di una dogsitter a tempo pieno, lavora il doppio e ha appena firmato il suo terzo contratto d'assunzione «a termine» dopo anni di formule creative di collaborazione col suffisso co- (co-co-pro, co-co-co, co-co-dè). Ha firmato perché non aveva scelta, ma l'ha fatto con le lacrime agli occhi, perché se dopo 11 anni l'azienda in cui sei cresciuta, che ti ha formato e a cui hai dato tanto (tempo, energia, entusiasmo) non si prende la responsabilità di assumerti e basta, in via definitiva, senza lasciarti appesa a un ma-però, tenendosi aperta la possibilità di scaricarti dopo 12 mesi, perché all'improvviso non servi più, ti chiedi solo una cosa: perché?

Perché sgobbare tanto il merito non conta?

Perché sgobbare così se tanto il merito non conta? Se tutto quello che hai fatto fino a oggi vale zero, non ha fatto curriculum, non ha alcun peso nella tua «storia» in azienda: sei entrata come una qualsiasi e come una qualsiasi domani potrai andartene. Intanto però sei diventata una donna di 31 anni, che ancora vive in un bilocale a dieci fermate dal centro. Una ragazza grande che non può permettersi di fare cose da adulta: comprare una casa, sposarsi, fare figli. Come se la vita fosse chiusa in un congelatore. Ma guai a lamentarsi perché c'è chi sta peggio. Anche tu potresti stare peggio tra 12 mesi. Quindi incassa, asciugati le lacrime, e dai il meglio di te. Convincili che non possono perderti. Testa china, umiltà, pazienza. Un giorno finirà? Forse, non è detto. Intanto, ringrazia.

La nuova gioventù bruciata dal precariato a vita

«Ringrazia» è il mantra con cui Raffaella Silvestri, giovane scrittrice di talento, ci ha raccontato la nuova gioventù bruciata dal precariato a vita. Tarpata nei sogni, spezzata nella volontà, resa così insicura e fragile riguardo alle proprie capacità, da diventare docile e rinunciataria. Ubbidiente. Il sociologo Domenico De Masi la sprona invece alla disubbidienza. Una disubbidienza non violenta e costruttiva, che mira aripensare il mercato del lavoro – in questa nuova era in cui il lavoro non c'è – tramutando il tempo in risorsa, la libertà forzata nella chiave di volta con cui progettare un sistema diverso di sviluppo, capace di abbattere le disuguaglianze e generare un'umanità meno frustrata e più felice. Un'utopia? Può darsi, ma perché non provare? Avrei qualcosa di bello da dire alle giovani lettrici che mi scrivono in cerca di consigli sul futuro. Le ricette per «farcela» valevano ai miei tempi, oggi non più. L'unica cosa che mi sento di dirvi è: mettetevi in ascolto, capite bene cosa vi piace. Studiate, viaggiate, fate esperienze, ma non perseguite i sogni degli altri. Seguite il vostro. E non smettete di sognare.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Un po' di Xanax e passa tutto
Un secolo dopo il Prozac che ci tirava su, ci serve una cosa che ci tiri giù (dall'ansia)
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, il nuovo Apple store dimostra che questa è una città pulsante
Lo stanno ancora costruendo, ma il negozio del colosso hi tech che sorgerà in Piazza Liberty mi ha acceso l'anima: Milano non resta ferma,...
Firme
CONDIVIDI
A proposito del matrimonio di Jessica Chastain
I giornali americani hanno esaltato il fatto che il marito è nobile: contessa è un titolo più monetizzabile di star di Hollywood?
Firme
CONDIVIDI
Litigare per lo ius soli non è Smart
L'Italia è il Paese della burocrazia, però a noi di Gioia! piace la gente sveglia, che fa: per loro abbiamo creato gli Smart awards
Dopo la nascita dei gemelli Elle e Alexander, Amal e George Clooney si accorgeranno che le altre mamme hanno sempre ragione: sono uscite dai forum di internet e hanno conquistato il mondo.
Firme
CONDIVIDI
Cara Amal, difendici dalle mamme
Ti accorgerai presto che il mondo è diventato un gigantesco circolo di madri che sanno tutto, prima, e meglio di te
Firme
CONDIVIDI
Perché gli alberghi sono peggio degli amanti
Ho tradito il mio solito hotel con un cinque stelle lusso e, come tutte le fedifraghe, mi sono pentita
Milano Zucchero e catrame come sopravvivere al caldo (la triste verità)
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, ma allora fa caldo!
«Milano città del nord e quindi fresca» mai luogo comune è stato più errato e lo scopri (tristemente) solo vivendoci
Firme
CONDIVIDI
Multitasking non è un complimento
Andare in corto circuito, fino a dimenticare un bambino in auto: ma a mandarci in tilt sono le aspettative sociali
Dopo anni passati a essere considerata una rovinafamiglie, la duchessa di Cornovaglia Camilla Parker Bowles ha guadagnato il titolo di regina d'Inghilterra e dei modelli da imitare.
Firme
CONDIVIDI
Cara Camilla, sei la nostra regina
Perché ci hai insegnato le virtù della pazienza, e il segreto della felicità
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, le cose che odio di questa città che amo
Mi fa sentire a casa, ma ci sono certe questioni di questo posto che proprio non mi vanno giù: i citofoni tecnologici, le zanzare, i numeri...