Un lavoro? Faccia tosta e voglia d'imparare

Quando il ministro del Lavoro ha detto che è più facile trovare un impiego in uno spogliatoio di calcetto che mandando curriculum, io non sapevo di che parlasse, ma sapevo che aveva ragione

Più Popolare

Escludendo quelli estivi dell'adolescenza, il mio primo lavoro non era un lavoro. Berlusconi aveva vinto le elezioni: io avevo 21 anni, che era l'età giusta per ritenerla una cosa gravissima contro cui i giornali dovevano impegnarsi, come scrissi in una lettera a un direttore. Non so bene perché: fino a un quarto d'ora prima volevo fare l'attrice, e poi non lo conoscevo. Era uno di quelli che rispondono alle sconosciute (nella vita ci vuole fortuna). Mi piazzò in un ufficio in cui si faceva il marketing: si organizzavano proiezioni di film e altre cose cui legare il marchio del giornale. Per un anno il capo di quell'ufficio mi disse: domani parliamo del tuo contratto. Per un anno l'ufficio in cui andavo tutti i giorni non mi diede soldi, e ancora mi chiedo perché avrebbe dovuto: non sapevo fare niente, e a organizzare quelle serate mi stavo creando contatti. Mica era un lavoro, accumulavo numeri di telefono che fuori da lì non avrei saputo come procurarmi: avrei dovuto essere io a pagare loro, quasi.

Advertisement - Continue Reading Below

Mi misi in testa di fare un libro d'interviste. Feci perdere tempo a un po' d'attori, tra cui Paolo Rossi, che acconsentì all'intervista dicendomi di raggiungerlo alle prove d'una trasmissione. Nella platea del teatro c'era il capostruttura, chiacchierammo e dopo un po' mi disse: tu dovresti fare tv. Mesi dopo, un suo amico andò a dirigere una tv. Gli chiese dei nomi di giovani volenterosi: finii a fare l'autrice d'un programma di calcio. Mi pagavano poco, cioè il giusto per una che non ha mai visto una partita (ero portatissima per le telepromozioni, però); anche lì, avrei dovuto pagare io: quel direttore di rete m'insegnò quasi tutto quel che so di tv. Il resto lo appresi osservando la conduttrice (all'epoca al picco del proprio successo, e mi piange il cuore a vederla ora che di lavoro litiga nei talent show del sabato sera). Una sera mi disse: «Tu credi di poter dire a me cosa devo fare? Devi stare un po' con Baudo, tu, e vedere come tratta gli autori».

Più Popolare

Qualche mese dopo il capostruttura del programma di Paolo Rossi diventò vicedirettore d'una rete radiofonica. Mi offrì di condurre un programma. Chiacchierare, lui l'aveva capito subito, era il mio talento naturale. Cinque anni dopo, quando l'ufficio contratti della radio mi telefonò e mi disse che il mio, che scadeva il giorno dopo, non sarebbe stato rinnovato, presi i numeri di telefono di quelli che avevo negli anni chiamato come ospiti e chiesi se per caso potevo scrivere sui loro giornali. Alcune dissero sì (la cosa più simile alla solidarietà femminile che mi sia mai capitato d'incrociare). Uno cui non avevo chiesto niente ma che era stato mio ospite in radio disse alla vicedirettrice d'un femminile: «C'è questa ragazza, a parlare è brava, ma non so mica se sia capace a scrivere». Era Beppe Severgnini, e quella frase diffidente è la cosa più vicina a una raccomandazione che abbia mai incrociato. Sono passati sedici anni, e scrivo ancora sui giornali.

Siccome sono una mozzarella, non ho mai fatto alcuno sport. Quindi, quando il ministro del Lavoro ha detto che è più facile trovare lavoro in uno spogliatoio di calcetto che mandando curriculum, io non sapevo di che parlasse, ma sapevo che aveva ragione: se hai abbastanza faccia tosta e voglia d'imparare, anche imbucarsi nei teatri è un buon metodo.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, 3 posti magici che rendono unica l'estate
Milano non è solo il Duomo o la Pinacoteca di Brera, c'è molto di più: d'altra parte, questa città non si mostra subito, va scoperta pian...
Firme
CONDIVIDI
L'età giusta per il sesso orale (e la crostata)
C'è una prima volta per tutto, come dimostrano le storie di due giovani attrici: Rooney Mara e Sophie Turner
Per Gwyneth Paltrow non c'è malanno o accoacco di vecchiaia che non possa essere curato dalla giusta combinazione di integratori, complessi vitaminici e creduloneria: è tutto in vendita su Goop.
Firme
CONDIVIDI
Cara Gwyneth, lasciami invecchiare in pace
Le conversazioni tra amiche sembrano i bollettini di un'epidemia, ognuna ha una diagnosi: la noia è mortale
Salute sanità gratuita Italia assicurazione America
Firme
CONDIVIDI
Che fortuna noi italiani con la sanità gratuita
Siamo così abituati a questa finzione che ci sembra ovvio pagare le tasse come un'italiana e l'assicurazione come un'americana
Menopausa argomento conversazioni happy hour donne over 40
Firme
CONDIVIDI
Menopausa, l'argomento da happy hour delle over 40
Verso i 50 anni è il topic principe degli happy hour fra donne, ma sentirne parlare per una che non ci è entrata è terrorizzante
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, questa è la città in cui voglio sempre tornare
L'aspetto più affascinante dell'estate è sempre il ritorno, perché c'è sempre quella sensazione di aver vissuto qualcosa di potente ma di...
Firme
CONDIVIDI
Ecco perché Ambra che bacia Allegri ci traumatizza
L'ex ragazzina di Non è la Rai pomicia con l'allenatore della Juventus, cinquantenne, ma la nostra «bambina» ha ormai quarant'anni
Donnarumma esame di maturità: se i figli fanno come lui è solo colpa vostra
Firme
CONDIVIDI
Se i figli fanno come Donnarumma è solo colpa vostra
Io da piccola somigliavo a Drew Barrymore, non per questo ritenevo fosse congruo sottrarmi all'esame di quinta elementare
Pharrell Williams e sua moglie Helen Lasichanh sono diventati da poco genitori di tre gemelli, ma il cantante di Happy dice di non aver mai cambiato un pannolino: ecco come convincere anche i padri più pigri ad alzarsi di notte.
Firme
CONDIVIDI
Cara Helen, bisogna addestrare i padri (come Pharrell)
Soprattutto di notte: non importa quanto stanchi siano, per fare alzare i maschi dal letto dopo la mezzanotte funziona un solo argomento
Esodo estate vacanza anziani in città
Firme
CONDIVIDI
È iniziato l'esodo estivo, ma qualcuno non parte
Mentre felici prepariamo la fuga, pensiamo a chi non andrà in vacanza: gli anziani, lasciati in balia del Ferragosto, e i precari a vita