Milano Zucchero e Catrame, la primavera è arrivata anche qui

Milano a colori scalda il cuore e io con rinnovato entusiasmo parto alla scoperta dei cortili di Milano, incluso il mio: mi piacciono da matti, ti regalano un profilo nascosto della città. Affascinante, quasi erotico

Più Popolare
Advertisement - Continue Reading Below

Canzone per leggere l'umore: Better Together di Jack Johnso

È una sensazione immediata che ti arriva dritta in faccia.

Svegliarsi a Milano, aprire la finestra e accorgersi che la primavera è arrivata anche qui, non è una brutta sensazione, credetemi. Questa è la stagione che più preferisco, anche se ci si ammala ogni tre giorni e non si sa mai come vestirsi: giacca, cappotto o niente? Regala botte di buon umore incredibile, la primavera. Sorprese gustosissime. Milano a colori, per esempio, scalda il cuore. Chi l'avrebbe mai detto? Mosso da un rinnovato entusiasmo, mi vesto velocemente e scendo con il pretesto di fare colazione. Lo ammetto: anche se mi sono sempre sentito molto attento ai dettagli, la verità è che sono un campione di distrazione. Così, a sorpresa, l'altro giorno mi sono finalmente accorto di quanto sia bello il cortile del mio palazzo. Lo so, a Milano parlare di cortili è come chiedersi se è giusto o no dare così tanta importanza al rito social degli aperitivi. È inutile, c'è poco o nulla da dire (di sensato). I primi sono belli, i secondi si bevono. Punto. Io, però, non riesco a trattenermi. Ci sono i cortili dei super palazzi del Quadrilatero della moda, quelli di Porta Venezia o Corso Magenta, e i cortili di ringhiera, che un tempo erano luoghi di vera e propria condivisione, non fosse altro per la presenza dei bagni comuni.

I cortili delle case popolari milanesi sono stati i primi social network attivi in città.

Più Popolare

Ma non solo.

Stupito da questa inedita voglia di socializzare con l'universo intero, ammirando il "mio" cortile, provo a immaginare un vero e proprio programma di intrattenimento condominiale, da valorizzare ora che inizia la bella stagione. Penso a grigliate nel fine settimana con gli amici che non conosco del terzo piano, tornei di Scala 40 con le signore super sciure del piano terra, proiezioni su grande schermo di tutti i film a tema "condominio": Ladri di condominio (1991), Condominio (1991), Riunione di condominio (2001), Il condominio (2004), Il condominio dei cuori infranti (2015).

A Roma non lo farei mai. Se penso alle ultime riunioni di condominio per il riscaldamento, dove la gente è venuta armata di mattarelli e scolapasta, vestititi di odio e diffidenza, non credo di riuscire a immaginarmeli inseriti in una serata primaverile romana tra chiacchiere e birrette.

Comunque a me i cortili di Milano piacciono da matti, roba da giro turistico obbligatorio appena arrivi. Ti regalano un profilo nascosto della città. Affascinante, quasi erotico. È il vedo-non vedo che mi fa impazzire, la sorpresa, la prospettiva diversa, i colori che cambiano.

Se in questo periodo vedrete un losco figuro dentro il vostro palazzo, quando andate a lavorare, o quando tornate a casa, potrei essere io. Non maltrattatemi. Vi voglio bene.

Matteo Maffucci, cantante degli Zero Assoluto,lascia Roma per Milano: qui potete seguire (e commentare) le sue peripezie di expat.

More from Gioia!:
Primo amore da vivere senza riserve
Firme
CONDIVIDI
Primo amore: vivilo senza riserve
Altri ne verranno, di amori che tolgono il respiro, ma nessuno avrà la forza dirompente e fiduciosa di questo, acerbo e senza codici
femminicidio: per le donne uccise dagli uomini l'allarme non scatta mai
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: per le donne l'allarme sicurezza non scatta mai
S'allunga la lista delle donne uccise dagli uomini che stavano loro accanto, ma si fa finta che le emergenze nazionali siano altre
Kaia Gerber, La figlia di Cindy Crawford è uno schianto, fa la modella, rilascia dichiarazioni ragionevolmente giudiziose, ma ecco perché non sarà mai irripetibile come la madre.
Firme
CONDIVIDI
Cara Cindy, tua figlia non sarà mai bella come te
La fotogenia si eredita, il mestiere si impara, l'irripetibilità è un accidente
Firme
CONDIVIDI
E tu dov'eri quando è morta la principessa Diana?
Lady D era il pezzetto di cultura popolare che univa noi e le nostre nonne: è scomparsa 20 anni fa, il 31 agosto 1997
nomofobia
Firme
CONDIVIDI
Compito per le vacanze: spegnere lo smartphone
Quando comincerete ad assaporare l'ebbrezza della non reperibilità vuol dire che ne siete fuori: si chiama ritorno alla vita, ed è...
Sostiene Monica Lewinski che gli uomini nuovi (come Brad Pitt o il principe Harry) sono finalmente diventati profondi, affascinanti, vulnerabili, e financo femministi: ma siamo sicure sia una vittoria?
Firme
CONDIVIDI
Cara Monica, la lagna è come l'amore: non si divide, si moltiplica
Capisco il sollievo del mal comune, ma non condivido il mezzo gaudio per l'improvvisa familiarità che certi famosi ostentano col crepacuore
Firme
CONDIVIDI
Se la celeb sembra (ma non è) una di noi
La prima fu Diana, l'ultima è Angelina Jolie che, forse per la crisi dei 40, dichiara di piangere nella doccia per non far preoccupare i...
Firme
CONDIVIDI
Vacanze: finalmente si parte!
Solo da noi l'estate viene vissuta con tale enfasi: qui si emigra letteralmente ed è tutto uno stress. Soprattutto al rientro
woody-allen-guia-soncini
Firme
CONDIVIDI
Tutto quello che Woody Allen non ha mai detto sui gatti
«Preferirebbe stare mezz'ora in un ascensore al buio o una giornata in una suite piena di cani e gatti?». La sua risposta vi sorprenderà
Firme
CONDIVIDI
La parità come la intendono a Hollywood
«Prendere delle modelle, coprirle di lividi e farne delle eroine d'azione, da mostrare nude»: succede a Charlize Theron in Atomica bionda